Immobili
Veicoli
Deposit
SOLETTA / BASILEA CAMPAGNA
30.05.20 - 19:060
Aggiornamento : 19:54

Mandata dal padre nonostante i sospetti di abusi

Alle autorità di protezione la piccola, 8 anni, aveva detto che l'uomo le faceva «cose brutte». Invano.

Fonte 20 Minuten/Steve Last
elaborata da Dario Ornaghi
Giornalista

DORNACH (SO) / LIESTAL - Trapelano sconcertanti dettagli sul caso, emerso questa settimana, di una bambina di 8 anni che sarebbe stata molestata sessualmente dal padre. In aprile, dopo aver riscontrato degli indizi che lasciavano temere possibili abusi, il servizio di psichiatria infantile e giovanile del canton Basilea campagna che l’aveva in cura avrebbe infatti omesso d’informare immediatamente il ministero pubblico e si sarebbe invece limitato ad avvisare l’Autorità regionale di protezione competente (ARP) e il padre stesso. Il risultato? La piccola sarebbe stata costretta a fare visita al padre anche dopo aver manifestato le sue preoccupazioni e aver provato, invano, a evitare contatti con l’uomo. 

I tentativi della piccola di farsi ascoltare, in realtà, erano iniziati molto prima. Come rivela un documento audio riportato dalla Basler Zeitung, già nel giugno del 2019 la bambina si era infatti rivolta alle persone responsabili del suo caso con parole difficili da equivocare: «Ogni volta mio papà fa delle cose brutte quando sono da lui», avrebbe detto la presunta vittima alla sua tutrice e alla competente ARP di Dorneck-Thierstein (SO). 

Le sue affermazioni, però, non sarebbero mai state approfondite. Secondo il quotidiano renano, le autorità di tutela avrebbero anzi scientemente celato queste esternazioni e insistito sull’obbligo di visita. Un responsabile che avrebbe sconsigliato di far vedere la bambina al padre sarebbe persino stato sostituito, una decisione le cui motivazioni rimangono tuttora poco chiare.

Responsabile per i servizi sociali della regione, il sindaco di Dornach, Christian Schlatter, assicura di aver provato a ricostruire il caso «dettagliatamente», ma ammette che non c’è risposta a tutte le domande sull’obbligo di diligenza dell’ARP. Sentita dalla Basler Zeitung, la tutrice della bambina invoca la presunzione d’innocenza. Sul caso è stato aperto un procedimento penale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
53 min
Cade, si ferisce e blocca il traffico ferroviario (con la moto)
Un motociclista di 23 anni ha subito gravi ferite a una gamba nell'incidente avvenuto ieri sera a Davos.
SVIZZERA
4 ore
Vaiolo delle scimmie, già fatte le prove per una pandemia
L’esercitazione, messa in atto alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco del 2021, ha insospettito molte persone.
GRIGIONI
4 ore
Seimila sigarette nascoste un po' ovunque nel camper
Sono state trovate dai doganieri durante un controllo al valico di Martina.
SVIZZERA
4 ore
I miliardi della Banca invece del portafoglio dei lavoratori
L'iniziativa popolare "sulla BNS" è stata lanciata oggi da sindacati, PS e altre associazioni di sinistra.
ZURIGO
5 ore
Lavoro: uno svizzero su due è insoddisfatto
Uno su cinque, invece, punta a cambiare posizione entro l'anno.
SAN GALLO
20 ore
Cerca di sfuggire al ricovero, cade dal tetto e muore
Un 35enne con problemi psichici ha perso la vita questo pomeriggio ad Altstätten.
LOSANNA
20 ore
Il dottorato svizzero di Mussolini fa discutere
Venne conferito nel 1937 al Duce. Oggi una petizione chiede di revocarlo
SVIZZERA
20 ore
Cassis a Davos con la mente rivolta a Lugano
Il presidente della Confederazione ha aperto ufficialmente il WEF parlando della situazione geopolitica mondiale.
SVIZZERA
23 ore
Ricola «inganna i consumatori» secondo una consumatrice
Una donna dell'Illinois ha chiesto un risarcimento milionario accusando l'azienda di pubblicità ingannevole
SVIZZERA
1 gior
La quarta dose presto realtà
Da oggi la Confederazione consiglia una nuova vaccinazione «alle persone con un sistema immunitario indebolito».
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile