Archivio Tipress
SVIZZERA
28.05.20 - 17:300

Il coronavirus metterà a dura prova le finanze pubbliche

Ma si mira a evitare aumenti d'imposte, come si evince da un sondaggio condotto in una settantina di Comuni

BERNA - Le finanze pubbliche dei Comuni e delle Città in Svizzera potrebbero essere messe a dura prova dalla crisi del coronavirus. Gli aumenti di imposte dovranno però essere evitati per quanto possibile, secondo un sondaggio effettuato dall'Unione delle città svizzere su una settantina dei 131 membri, tra cui Lugano, Bellinzona, Locarno e Chiasso.

Confrontati con un calo dei redditi da locazione e dei guadagni delle aziende comunali, oltre a una futura diminuzione delle entrate fiscali a partire dal 2021, i Comuni elvetici intendono superare questa situazione di crisi aumentando il debito, riducendo le spese e utilizzando i fondi esistenti, indica l'Unione in una nota odierna, aggiungendo che i danni provocati dal Covid-19 sono tutt'ora difficilmente quantificabili.

Tra le 70 città che hanno risposto al sondaggio, circa l'80% nell'ultimo periodo ha preso misure a favore degli inquilini commerciali e il 60% ha risposto di aver dato una mano - a livello finanziario - ad artigiani e indipendenti. In generale, molti Comuni si sono attivati in vario modo per sostenere la popolazione e le entità attive sul territorio.

Tuttavia, i mancati introiti a causa della crisi del coronavirus si aggiungeranno agli effetti della riforma fiscale e del finanziamento dell'AVS (RFFA), avverte l'Unione delle città svizzere. L'organizzazione invita i Cantoni ad applicare la "clausola dei Comuni", in base alla quale i cantoni devono accordare a questi ultimi una compensazione adeguata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
54 min
Gli Stati danno ragione a Marina Carobbio: «Servono più medici»
Con una maggioranza risicata la Camera alta ha accolto una mozione della senatrice socialista.
SVIZZERA
1 ora
Altri 391 casi, ma la percentuale dei positivi è in calo
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 51'492. Le vittime sono almeno 1'776.
SVIZZERA
2 ore
Cantone che vai, misure anti-Covid che trovi
Berna dà il via libera ai grandi eventi, ma solo con la mascherina. E nel contempo riapre i "drive in".
SVIZZERA
2 ore
BNS: avanti con il contrasto del franco forte
La valutazione della moneta nazionale rimane «persistentemente elevata». Fusione UBS-CS? Solo «voci».
SVIZZERA
2 ore
Personale di volo e i danni della quarantena
Le associazioni di categoria chiedono di rivedere le norme, altrimenti si rischiano numerosi licenziamenti.
ZURIGO
3 ore
Violenta lite: morto un uomo, ferite due donne
La disputa famigliare è avvenuta nel quartiere zurighese di Wollishofen.
VAUD
4 ore
Da homo sapiens a homo sedens: «Gli open space sono come le carceri»
«L'ufficio, in tutte le sue forme, non rende felice il lavoratore», sostiene l'etnologo Pascal Dibie.
SVIZZERA
6 ore
L'auto non si noleggia, ci si abbona... da Mobilezone
La catena ha instaurato una collaborazione con la start-up per offrire consulenza nei suoi negozi di cellulari
SVIZZERA
6 ore
Parlamento: protezione dati, cambio sesso e cultura
Giornata impegnativa per Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati, che lavoreranno fino in serata
SONDAGGIO TAMEDIA
8 ore
Jet, caccia, congedo... Cosa pensate dei temi in votazione?
È sempre più vicino l'appuntamento alle urne: partecipate al sondaggio di 20Minuti e Tamedia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile