Archivio Keystone
SVIZZERA
25.05.20 - 15:500
Aggiornamento : 17:46

Le luci rosse si mettono la mascherina?

L'organizzazione dei lavoratori del sesso propone un piano di protezione per il settore

La richiesta è che l'attività possa riprendere a partire dal prossimo 8 giugno

BERNA - Il divieto di lavorare nel settore erotico dovrebbe essere revocato dall'8 giugno: è quanto chiede Procore, organizzazione che riunisce associazioni svizzere per la difesa degli interessi dei lavoratori del sesso. Per garantire la sicurezza di questi ultimi e dei clienti, Procore presenta un piano di protezione.

L'idea di protezione per i servizi personali che implicano il contatto fisico nel settore erotico è stata sviluppata in consultazione con i lavoratori del sesso, le aziende, le piattaforme, le agenzie specializzate e l'Aiuto Aids Svizzero, indica oggi Procore in un comunicato. Il concetto è stato poi sottoposto all'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e al "Punto di Contatto Società Civile Covid-19".

Come per altri servizi personali con contatto fisico, permessi dallo scorso 27 aprile, anche nel campo erotico si possono osservare e adottare misure di protezione standard, sottolinea l'organizzazione. Tenendo conto degli attuali sviluppi, non è necessaria alcuna ulteriore restrizione. Questa risulta sproporzionata e contraddice il principio della parità di trattamento, sottolinea Procore.

Sesso sicuro e distanza sufficiente - I lavoratori del sesso possono e vogliono applicare le disposizioni dell'UFSP. Secondo il concetto presentato, tra le altre cose le lenzuola e gli asciugamani devono essere cambiati dopo ogni cliente e lavati ad almeno 60 gradi. Inoltre la camera deve essere arieggiata per almeno 15 minuti.

In tutte le prestazioni sessuali devono essere rispettate le linee guida del sesso sicuro. Per tutti i servizi è consigliato indossare una mascherina che copra naso e bocca. Inoltre, sempre secondo il concetto di protezione, non vengono forniti servizi con due o più clienti e tra le teste delle due persone deve essere sempre mantenuta una distanza di almeno la lunghezza di un avambraccio.

A tutti i clienti viene ricordato che i loro dati di contatto vengono registrati e conservati per quattro settimane allo scopo di poter tracciare la catena di contatti delle persone infette. Inoltre dovrebbe essere mantenuta la distanza di due metri tra i clienti in attesa.

Controlli possibili - L'argomentazione secondo cui le misure di protezione nel settore erotico non possono essere controllate non è vera, afferma Procore. La polizia può controllare l'esercizio, i monolocali e gli appartamenti per verificare che le misure di protezione vengano rispettate, sottolinea.

Per motivi di privacy non può essere controllato l'atto sessuale in sé, ma questo vale anche per le visite mediche, le sessioni di terapia o i massaggi, puntualizza Procore.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora
Una passeggiata durante la quarantena gli costa 2'750 franchi
L'uomo quest'estate è andato in Serbia. Al suo ritorno è stato pizzicato fuori casa e denunciato.
GRIGIONI
2 ore
«Era una persona molto umile, viveva per lo sport»
Comunità in lutto per la scomparsa del 25enne, che ha trovato la morte in baita
SVIZZERA
5 ore
Sommaruga all'ONU per la biodiversità: «Servono sforzi globali»
«I governi devono allineare i loro incentivi finanziari e sussidi ai metodi di produzione sostenibili»
BASILEA CITTÀ
6 ore
Condannato il politico UDC che tirò un pugno a uno straniero
Il Tribunale penale di Basilea Città ha inflitto all'uomo una pena pecuniaria (sospesa) per lesioni semplici.
BERNA
9 ore
Questa ciotola è tossica, contiene troppa melammina
Si tratta del piattino della serie griffata “Wildlife Turtle” prodotta dall'azienda Lässig
SVIZZERA
10 ore
Coop e Migros: cala il divario dei prezzi con Lidl, Aldi e Denner
L'ultimo confronto mostra che lo scarto tra Migros e Coop, e le altre aziende, è ora meno marcato
LUCERNA
10 ore
Una IPA fatta con l'intelligenza artificiale
L'idea di un micro-birrificio e della Scuola universitaria di Lucerna ha prodotto 500 bottiglie
BERNA
12 ore
In Svizzera 411 casi e un morto
Covid, il bollettino delle ultime 24 ore. I nuovi ricoveri sono invece 11
SVIZZERA / STATI UNITI
12 ore
Julius Bär a misura di clientela latino-americana
L'interrogativo riguarda il genere di operazione che l'istituto intende praticare
SONDAGGIO
BERNA
12 ore
Covid: tra entusiasmo e restrizioni tornano i grandi eventi
Le limitazioni imposte fanno storcere qualche naso. E ricevere il via libera non è poi così facile.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile