Depositphotos (archivio)
SVIZZERA
24.05.20 - 08:360

Protezione dati ed equivalenza: l'Ue deciderà a breve

Il verdetto sul riconoscimento è previsto il 3 giugno. L'Ufficio federale di giustizia è ottimista

BERNA / BRUXELLES - Non dovrebbe tardare la decisione dell'Unione europea sul riconoscimento dell'equivalenza del diritto svizzero in materia di protezione dei dati. Stando all'ordine del giorno provvisorio, Bruxelles si esprimerà sulla questione il 3 giugno. In caso di responso negativo, gli inconvenienti per le aziende elvetiche sarebbero molteplici e il danno finanziario da quantificare, ma Berna è ottimista.

Il termine equivalenza riporta con la mente alla scorsa estate, quando la Commissione europea rifiutò di prolungare quella riconosciuta alla borsa svizzera, a causa della mancanza di progressi sul fronte dell'accordo quadro. L'Ue aveva in quella circostanza fatto leva su una valutazione tecnica per esercitare pressioni politiche.

Ora si attende di nuovo un verdetto da Bruxelles, questa volta sulla protezione dei dati. Sebbene, sul fronte elvetico, la revisione totale della legge in materia non sia stata ancora terminata, Berna si aspetta che l'Ue la riconosca come equivalente alla sua regolamentazione.

I lavori parlamentari «sono a buon punto e saranno ultimati a breve», fa sapere l'Ufficio federale di giustizia (UFG) all'agenzia Keystone-ATS. È previsto che ciò accada durante la sessione estiva delle Camere federali, in giugno. Si sta in effetti delineando un compromesso in grado di mettere d'accordo i due rami del parlamento sul tema del "profiling" degli utenti, ovvero il trattamento automatizzato di informazioni private e del loro uso per valutare alcuni aspetti personali.

Da Berna si presume che l'Ue stia tenendo d'occhio gli sviluppi. L'UFG è convinto che la revisione di legge garantirà un livello di protezione dei dati in linea con gli standard europei. L'Ufficio federale respinge l'idea di un collegamento con l'accordo istituzionale, come accaduto invece per l'equivalenza borsistica. «Attualmente non vi è alcun segnale che criteri politici entreranno in linea di conto».

L'ipotetico danno finanziario per le aziende svizzere - nel caso in cui a sorpresa la Confederazione dovesse perdere l'equivalenza - è estremamente difficile, se non impossibile, da quantificare. Vi sarebbe però senz'altro «un notevole onere amministrativo supplementare», scrive l'UFG. Senza dimenticare che potrebbero insorgere «svantaggi competitivi». Sarebbe infatti necessario fornire adeguate garanzie, sotto forma di clausole, per trasferire dati personali in Svizzera.

Ciò varrebbe ad esempio per un'azienda farmaceutica dell'Ue che desidera sviluppare un medicamento, se questa dovesse trasmettere informazioni sanitarie a scienziati nella Confederazione. Ma anche le piccole e medie imprese (PMI) elvetiche si vedrebbero praticamente costrette ad accettare clausole standard elaborate dai servizi giuridici delle grandi società europee.

Inoltre, la Svizzera sta diventando sempre più un importante centro per la raccolta dati nel Vecchio Continente, grazie alla sua reputazione di Paese sicuro e stabile, con investimenti per centinaia di milioni all'anno. Solo l'Irlanda ne è dotata in percentuale maggiore rispetto alla sua popolazione. Inutile dire che una mancata equivalenza sarebbe deleteria per il mercato dei servizi digitali.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZUGO
8 min
Distrugge uno spartitraffico e scappa
I danni dell'incidente avvenuto ieri sera allo svincolo autostradale di Rotkreuz ammontano a diverse migliaia di franchi
SVIZZERA
1 ora
Inflazione in aumento, anche in Svizzera
A novembre nel nostro paese è salita all'1,5%
SVIZZERA
1 ora
Omicron in Svizzera, ecco il terzo caso
La persona contagiata si trova in isolamento. I primi due casi erano stati confermati ieri sera
SVIZZERA
2 ore
Affitti, il tasso di riferimento resta all'1,25%
È il livello più basso di sempre, in vigore dal marzo del 2020
Friborgo
11 ore
Abusava della figlia sin dalla sua nascita, condannato a 15 anni
Le violenze sono andate avanti per sette anni. L'uomo aveva dichiarato al suo arresto che grazie a lui «sa masturbarsi»
SVIZZERA
13 ore
Il termine “Afghanistan” blocca il versamento Twint
Un termine “sbagliato” impedisce la transazione attraverso l'app elvetica per i pagamenti. Ecco il motivo
SVIZZERA
15 ore
Omicron è ufficialmente sbarcata in Svizzera
Le due persone contagiate, che sono legate tra loro, si trovano in isolamento.
SVIZZERA
16 ore
Gli scettici vogliono creare una «società parallela»
Sfiducia nei media, rabbia verso le autorità. E ora la delusione alle urne. Gli ideologi no Vax progettano la secessione
SVIZZERA
16 ore
«Misure che equivalgono a un divieto di vita notturna»
Le decisioni del Governo sono state giudicate adeguate alla gran parte dei partiti, non da alcune associazioni.
GIURA
17 ore
Il Canton Giura chiede l'aiuto dell'esercito
Obiettivo: aumentare le capacità in vista della somministrazione del booster. C'è infatti carenza di personale formato.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile