tipress
BERNA
22.05.20 - 09:560

Amherd: «È stata dura togliere i soldati alle loro famiglie»

La consigliera federale spiega come non sia stato facile decidere di mobilitare l'esercito per fronteggiare il Covid

BERNA - La decisione di mobilitare l'esercito per fronteggiare l'epidemia di Covid-19 non è stata presa a cuor leggero, anzi. Lo rivela in un'intervista al quotidiano"Le Nouvelliste" la consigliera federale Viola Amherd, sottolineando che a 5000 soldati è stato chiesto di lasciare famiglia e lavoro con scarso preavviso.

«È stata una scelta difficile», confida la ministra della difesa sull'edizione odierna del giornale vallesano. «Alcuni hanno avuto solo 48 ore di tempo. Ero cosciente di tutte le conseguenze sociali, sanitarie ed economiche di questa decisione».

Ma il governo ha dovuto pronunciarsi in qualche giorno, in un contesto che si «aggravava molto rapidamente». «La domanda è arrivata dal Dipartimento federale dell'interno e noi abbiamo risposto», prosegue Amherd.

Stando alla consigliera federale, il numero di truppe mobilitato è stato determinato in funzione dello scenario peggiore. «Arrivavano notizie catastrofiche dall'Italia e drammatiche dal Ticino. Fortunatamente gli ospedali sono riusciti velocemente ad aumentare la capacità d'accoglienza».

In un'operazione inedita dai tempi della Seconda guerra mondiale, l'esercito è stato chiamato il 6 marzo per appoggiare la lotta contro il coronavirus in settori come la sanità e la sicurezza. Alcuni militi sono già stati ritirati, ma il coinvolgimento delle forze armate «dovrebbe continuare verosimilmente fino a fine giugno», dichiara Amherd.

In generale, la ministra definisce «molto particolare» l'ambiente in seno al governo durante l'attuale crisi, caratterizzata da «sedute molto intense» a causa della pressione e delle attese. Secondo Amherd si è però sviluppata «un'eccellente cultura del dialogo, fatto di cui mi rallegro».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 min
Secondo lockdown, questa è la settimana della verità
Gli ospedali si stanno rapidamente riempiendo di pazienti Covid e gli epidemiologici ritengono inevitabile un blocco.
CITTÀ DEL VATICANO
3 ore
Vent'anni al servizio del Papa tra disciplina, turni e rinunce
Vent'anni a proteggere il Santo Padre nel periodo più tragico della Chiesa. Ritratto di una professione fuori dal comune
SVIZZERA
10 ore
«Ci prepariamo a dover trasferire i pazienti»
Da domani l'Hôpital du Valais alza l'allerta al livello più alto, che implica il bisogno di aiuto esterno
FRIBURGO
10 ore
Si schianta sulla chiesa con il parapendio
La Rega ha trasportato il 27enne, vittima dell'incidente, in ospedale
SVIZZERA
11 ore
Terremoto di magnitudo 4,4 in Svizzera
L'epicentro è stato localizzato nel Canton Glarona
ARGOVIA
13 ore
L'assembramento per l'anniversario del centro commerciale fa discutere
In rete circolano le immagini di un evento tenuto sabato allo Shoppi Tivoli di Spreitenbach: «Irresponsabili».
URI
17 ore
Frana sul Susten, il passo è bloccato fino a nuovo avviso
C'è ancora rischio di nuovi smottamenti. Al momento del crollo in loco c'era una comitiva di escursionisti
NIDVALDO
20 ore
Abbandona l'auto (distrutta) in mezzo all'autostrada e fugge
Aveva avuto un incidente e ha deciso di allontanarsi. Diverse ore dopo si è però presentato in polizia.
SVIZZERA
21 ore
Affitti commerciali: non tutti hanno sofferto
Un terzo dei commerci in locazione ha conosciuto difficoltà a causa del semiconfinamento.
SVITTO
22 ore
Casa anziani lancia un appello per personale immediato
La casa di riposo Rubiswil è alla ricerca d'infermieri e «mani in grado di aiutare»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile