Keystone
SVIZZERA
21.05.20 - 14:360

I caprioli del cimitero di Basilea... hanno scampato la morte

Era stato chiesto il permesso di abbattere alcuni esemplari, per ora sospeso

BASILEA - Diversi caprioli vivono a Basilea nel cimitero dell'Hörnli e negli ultimi anni il loro numero è quasi raddoppiato, creando non pochi grattacapi al servizio di giardinaggio della città. Era quindi stato ipotizzato l'abbattimento di alcuni esemplari, ma la Fondazione Franz Weber è riuscita, per ora, a evitare che ciò avvenga. Una "vittoria di tappa", tuttavia gli animali non sono definitivamente salvi.

Da decenni i cervidi vivono nel più grande cimitero della Svizzera: a fronte di un deciso aumento del loro numero - passato da 15 a 25 negli ultimi anni - il servizio di giardinaggio di Basilea, che è responsabile dell'Hörnli, aveva richiesto l'autorizzazione al dipartimento cantonale della giustizia e della sicurezza per poterne abbatterne alcuni.

L'idea di abbattere i caprioli ha suscitato una viva emozione. Gli attivisti per la protezione degli animali hanno espresso il loro sdegno: una petizione nella quale sono intervenute anche la Fondazione Franz Weber ed Helvetia Nostra è quindi stata lanciata per salvare gli animali.

Oggi la Fondazione Franz Weber ha annunciato un primo successo: il dipartimento basilese ha infatti accolto la richiesta di sospendere l'autorizzazione di abbattimento di alcuni caprioli rilasciata alla polizia il 12 maggio.

Secondo la fondazione l'autorizzazione di sparare agli animali è bloccata «fino a quando i fatti e le questioni giuridiche non saranno state chiarite». Concretamente «i caprioli saranno salvi fino almeno al 20 giugno», indica la fondazione.

Entro questa data, le due organizzazioni animaliste propongono che un piano di gestione efficace della fauna selvatica venga urgentemente sviluppato congiuntamente dalle autorità di Basilea, dal cimitero di Hörnli e dalle altre parti interessate.

Nel 2015 il governo di Basilea aveva stimato a 19'000 franchi i danni causati dai caprioli alle piante e a 40'000 franchi le misure adottate per spaventarli. Da allora, le stime dei costi complessivi legati agli animali sono salite a 100'000 franchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
2 min
Una passeggiata durante la quarantena gli costa 2'750 franchi
L'uomo quest'estate è andato in Serbia. Al suo ritorno è stato pizzicato fuori casa e denunciato.
GRIGIONI
1 ora
«Era una persona molto umile, viveva per lo sport»
Comunità in lutto per la scomparsa del 25enne, che ha trovato la morte in baita
SVIZZERA
4 ore
Sommaruga all'ONU per la biodiversità: «Servono sforzi globali»
«I governi devono allineare i loro incentivi finanziari e sussidi ai metodi di produzione sostenibili»
BASILEA CITTÀ
5 ore
Condannato il politico UDC che tirò un pugno a uno straniero
Il Tribunale penale di Basilea Città ha inflitto all'uomo una pena pecuniaria (sospesa) per lesioni semplici.
BERNA
8 ore
Questa ciotola è tossica, contiene troppa melammina
Si tratta del piattino della serie griffata “Wildlife Turtle” prodotta dall'azienda Lässig
SVIZZERA
9 ore
Coop e Migros: cala il divario dei prezzi con Lidl, Aldi e Denner
L'ultimo confronto mostra che lo scarto tra Migros e Coop, e le altre aziende, è ora meno marcato
LUCERNA
9 ore
Una IPA fatta con l'intelligenza artificiale
L'idea di un micro-birrificio e della Scuola universitaria di Lucerna ha prodotto 500 bottiglie
BERNA
11 ore
In Svizzera 411 casi e un morto
Covid, il bollettino delle ultime 24 ore. I nuovi ricoveri sono invece 11
SVIZZERA / STATI UNITI
11 ore
Julius Bär a misura di clientela latino-americana
L'interrogativo riguarda il genere di operazione che l'istituto intende praticare
SONDAGGIO
BERNA
11 ore
Covid: tra entusiasmo e restrizioni tornano i grandi eventi
Le limitazioni imposte fanno storcere qualche naso. E ricevere il via libera non è poi così facile.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile