Keystone
GINEVRA
18.05.20 - 12:570

La classe a metà? «Più pratico e più sicuro»

Gli insegnanti romandi chiedono di mantenere il concetto

GINEVRA - Il ritorno a scuola in classi dimezzate ha permesso ad allievi e docenti di rispettare le misure imposte per contrastare il coronavirus. Secondo il sindacato degli insegnanti romandi (SER), bisogna proseguire con questo concetto, se l'attuale situazione sanitaria persiste, in modo da garantire la sicurezza di tutti.

Gli insegnanti ginevrini e neocastellani hanno già inoltrato domanda, ha spiegato a Keystone-ATS il presidente del sindacato Samuel Rohrbach, e altri potrebbero imitarli. A eccezione del Vallese, che ha già ripreso normalmente, tutti i cantoni romandi continueranno a tenere lezioni con effettivi dimezzati almeno fino a settimana prossima.

Ma per il SER l'alternanza fra scolari va resa duratura. Autorità cantonali e associazioni professionali devono intavolare discussioni in merito a un possibile prolungamento del provvedimento.

Stando a Rohrbach «lavorare con classi separate a metà è molto più pratico per rispettare le distanze e muoversi nelle aule. Permette inoltre di avvicinarsi maggiormente agli allievi». Per di più, nel caso in cui qualcuno venga infettato dal virus il contagio sarebbe limitato e sarebbe meno difficile ricostruire la catena dei contatti.

«Per ora non siamo a conoscenza di alcun caso nelle scuole», aggiunge Rohrbach, precisando però che «è ancora un po' presto: le lezioni sono ripartite solamente da una settimana». Per altro, le informazioni in tal proposito rischiano di essere incomplete, dato che ad esempio le autorità vodesi rifiutano di comunicare eventuali infezioni all'interno delle strutture scolastiche.

Oltre a ciò, il SER chiede soluzioni per chi non si reca in classe. Per sgravare le famiglie inoltre, il sindacato propone di abolire i compiti a casa. Infine, esso auspica che le associazioni cantonali siano coinvolte nell'elaborazione di scenari per l'inizio del prossimo anno scolastico. Tra le possibilità evocate vi sono l'insegnamento a distanza, il lavoro con effettivi dimezzati e altre soluzioni miste.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
19 min
Gli Stati danno ragione a Marina Carobbio: «Servono più medici»
Con una maggioranza risicata la Camera alta ha accolto una mozione della senatrice socialista.
SVIZZERA
40 min
Altri 391 casi, ma la percentuale dei positivi è in calo
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 51'492. Le vittime sono almeno 1'776.
SVIZZERA
1 ora
Cantone che vai, misure anti-Covid che trovi
Berna dà il via libera ai grandi eventi, ma solo con la mascherina. E nel contempo riapre i "drive in".
SVIZZERA
1 ora
BNS: avanti con il contrasto del franco forte
La valutazione della moneta nazionale rimane «persistentemente elevata». Fusione UBS-CS? Solo «voci».
SVIZZERA
1 ora
Personale di volo e i danni della quarantena
Le associazioni di categoria chiedono di rivedere le norme, altrimenti si rischiano numerosi licenziamenti.
ZURIGO
3 ore
Violenta lite: morto un uomo, ferite due donne
La disputa famigliare è avvenuta nel quartiere zurighese di Wollishofen.
VAUD
3 ore
Da homo sapiens a homo sedens: «Gli open space sono come le carceri»
«L'ufficio, in tutte le sue forme, non rende felice il lavoratore», sostiene l'etnologo Pascal Dibie.
SVIZZERA
5 ore
L'auto non si noleggia, ci si abbona... da Mobilezone
La catena ha instaurato una collaborazione con la start-up per offrire consulenza nei suoi negozi di cellulari
SVIZZERA
6 ore
Parlamento: protezione dati, cambio sesso e cultura
Giornata impegnativa per Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati, che lavoreranno fino in serata
SONDAGGIO TAMEDIA
7 ore
Jet, caccia, congedo... Cosa pensate dei temi in votazione?
È sempre più vicino l'appuntamento alle urne: partecipate al sondaggio di 20Minuti e Tamedia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile