Keystone / Lettore Tio
SVIZZERA / TICINO
17.05.20 - 20:300

Pendolari tutti senza mascherina: il personale del treno sul piede di guerra: «Sia obbligatoria»

Ce l'avrebbe solo il 5% dei passeggeri nelle ore di punta. La protesta delle Associazioni e il gelo delle FFS.

Anche in Ticino poche persone con la mascherina sabato pomeriggio sul bus diretto a Grancia.

ZURIGO - Con l'inizio della Fase 2, soprattutto nelle grandi città, i mezzi pubblici hanno nuovamente iniziato a circolare come prima del lockdown. Stando a quanto riportato dalla NZZ am Sonntag, però, quasi nessuno - nei tragitti in treno o in bus verso il lavoro e la scuola - ha indossato la mascherina protettiva.

««Sfortunatamente la raccomandazione delle autorità non è bastata», spiega Andreas Menet presidente dell'Associazione del personale del treno (SEV/ZPV).  

«Lavorare, per noi, diventa un rischio», spiega Menet, che aggiunge, «i personale del treno indossa regolarmente la mascherina per proteggere anche i viaggiatori, questi però non lo fanno. È una situazione impari». Secondo le stime del SEV, riferite al Blick, indossa una mascherina solo il 5% di chi viaggia quotidianamente.

La richiesta è quindi una, conferma Menet: «La raccomandazione dovrebbe diventare obbligo generale» e per far si che questa idea si traduca in realtà si stanno valutando diversi iter possibili.

Non sono però sulla stessa lunghezza d'onda i vertici delle FFS che, come spiegato questa settimana dal boss Vincent Ducrot, si attengono alle normative federali in fatto di sicurezza bocciando quindi un possibile obbligo. Verrà però varata una campagna di sensibilizzazione.

Problemi anche in Ticino - Ieri in Ticino è stata una giornata piovosa. E il primo sabato con i negozi riaperti. Di conseguenza non sono poche le persone che hanno deciso di recarsi al Parco commerciale Grancia per riassaporare lo shopping. Ma la situazione sul bus di AutoPostale partito dal centro di Lugano non era delle migliori. Persone sedute e in piedi, bus pieno e chi indossava la mascherina si poteva contare sulle dita di una mano.

Non era possibile intervenire prima di fare salire i passeggeri? «Il piano di protezione dei trasporti pubblici fa appello al senso di responsabilità individuale e alla solidarietà dei clienti - fa sapere il portavoce Urs Bloch -. Le imprese di trasporto non assumono compiti di polizia per controllare l’osservanza delle regole». Eppure l'uso delle mascherine sui trasporti, anche in Ticino, è stato «caldamente consigliato».

Per la protezione del personale conducente AutoPostale ha pensato a delle misure, che non annullano però il rischio di contagio: le porte anteriori restano chiuse, è sospesa la vendita di biglietti, sono sbarrati la prima fila di sedili e alla guida sono disponibili gel disinfettante e salviette per la pulizia di microfono, volante, display e cassa.

Foto lettore Tio/20minuti
Guarda le 2 immagini
TOP NEWS Svizzera
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Tra lo smartphone e una maxi grattugia, i ticinesi del Flugtag
L'evento Red Bull ha avuto luogo oggi a Losanna. Quaranta i gruppi che hanno partecipato, nessuno ha raggiunto il record
SAN GALLO
12 ore
Il malore, lo schianto e la morte sull'A3
È morto sul posto il 78enne belga protagonista dell'incidente avvenuto nel pomeriggio a Berschis.
SONDAGGIO
SVIZZERA
15 ore
I non vaccinati in attesa di Johnson & Johnson
La Confederazione sta negoziando l'acquisto di dosi. Nel frattempo cittadini impazienti contattano Swissmedic
SOLETTA
16 ore
Auto senza targa sull'A1, la polizia la insegue senza successo
Il veicolo, rubato a Zurigo, è stato successivamente ritrovato in un parcheggio a Derendingen.
SCIAFFUSA
17 ore
«Nulla a che fare con l'incidente a Paradies»
I sommozzatori della polizia erano impegnati nella ricerca dei due nuotatori scomparsi, quando hanno rinvenuto un corpo.
SVIZZERA
18 ore
In limousine dall'amante
Il Ministro nell'occhio del ciclone per aver utilizzato l'automobile di rappresentanza per un viaggio privato.
ZURIGO
18 ore
Un uomo trovato morto per strada
Le forze dell'ordine zurighesi presumono si tratti di omicidio e cercano testimoni.
ARGOVIA
19 ore
Esce di strada e scappa, 17enne riconsegna il patentino
Il giovane, in preda ai fumi dell'alcol, disponeva di una licenza per allievo conducente, ma non era accompagnato.
SVIZZERA
20 ore
«La Svizzera offrì 1,25 milioni per liberarci»
Daniela Widmer è tornata a parlare del sequestro di cui fu vittima nel 2011 mentre si trovava in Pakistan col fidanzato.
FOTO
TURGOVIA
20 ore
Si tuffano nel Reno e non riemergono più
Una donna di 23 anni e un uomo di 28 risultano dispersi da ieri sera.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile