keystone
Le manifestazioni di sabato 9 maggio a Berna
SVIZZERA
16.05.20 - 13:200
Aggiornamento : 14:19

Chi sono i ribelli del Covid?

Anti-5G, "no vax", ma anche imprenditori colpiti dal lockdown. Oggi tornano in piazza per protestare contro il governo

Manifestazioni annunciate in 12 città svizzere. La polizia ha previsto un ingente schieramento di forze

BERNA - I "ribelli del Covid" tornano in piazza. Delle manifestazioni contro le misure anti-contagio sono attese in tutta la Svizzera oggi pomeriggio. I partecipanti, in parte membri di un gruppo chiamato Corona Rebellen Helvetia, sfideranno il divieto di assembramento con delle "passeggiate" non violente. Ne sono state annunciate a Zurigo, Lucerna, Basilea, Winterthur, Thun, Aarau, Kreuzlingen, Berna e non solo.

I "ribelli" sono un gruppo eterogeneo di persone di tutte le età. Oltre a coloro che soffrono delle conseguenze economiche del lock-down, nella Piazza federale sabato scorso hanno anche manifestato oppositori di vaccini, attivisti anti-5G, e no-global. Ma non mancavano sostenitori dell'estrema destra e delle teorie complottiste sul Covid.

A Berna settimana scorsa la polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti. Ma invano: i raduni - ha comunicato la polizia cantonale - si sono andati avanti per ore, per poi sciogliersi lentamente. I partecipanti non hanno voluto sentire ragioni.

Oggi le forze in campo, da una parte e dell'altra, sono aumentate. La polizia bernese ha assicurato un dispiegamento di agenti «significativamente maggiore» e delle multe individuali per chi non rispetterà il divieto. 

Le forze dell'ordine a Berna hanno transennato la Piazza federale. Nel primo pomeriggio, un corrispondente di Keystone-ATS ha osservato decine di agenti intorno alla piazza e diversi furgoni della polizia.

Dal canto loro, anche i manifestanti alzano il tiro. Su Facebook sono stati annunciati 12 raduni in altrettanti punti-chiave delle città interessate. A Berna il punto d'incontro è stato spostato dalla Piazza federale alla periferia di Allmend, dove «è molto più facile rispettare le norme del distanziamento sociale». Lo ha dichiarato un portavoce dei manifestanti, Alec Gagneux, a Der Bund.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile