20M
ARGOVIA
16.05.20 - 19:280

Sanzionata per fiori e decorazioni self-service durante il lockdown

Una 39enne argoviese aveva chiuso il suo piccolo atelier, lasciando però all'esterno un banco con alcuni articoli

Nei suoi confronti è stato emesso un decreto d'accusa che prevede anche una pena pecuniaria di 2'100 franchi

Fonte 20 Minuten/Lena Stadler
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

SCHMIEDRUED - Il suo Atelier Shabby Home lo aveva chiuso, come previsto dalle disposizioni federali. Ma all'esterno del negozio aveva lasciato un banco self-service per l'acquisto di fiori e altre decorazioni. La 39enne Manuela Achermann di Schmiedrued, nel Canton Argovia, non avrebbe mai pensato di ricevere una visita dalla polizia. Eppure lo scorso 3 aprile gli agenti si sono presentati alla sua porta, invitandola a sgomberare tutto. E lei ha immediatamente provveduto.

Ma la vicenda non era ancora finita: quel banco self-service le potrebbe costare molto caro. Questa settimana la 39enne ha infatti ricevuto un decreto d'accusa dal Ministero Pubblico argoviese, che prevede una multa di 500 franchi oltre a una tassa di 800 e spese di polizia di 20 (in totale 1'320 franchi). In più la proposta di una pena pecuniaria di complessivi 2'100 franchi.

Per Achermann, madre di tre figli, già soltanto i 1'320 franchi sono eccessivi: «Il mio atelier è aperto soltanto due giorni alla settimana, è più un hobby che una fonte di reddito. L'importo lo posso pagare soltanto a rate». E il decreto d'accusa la fa sentire «come una criminale».

Per il Ministero Pubblico argoviese la questione è chiara. «Il 3 aprile, sulla base dell'ordinanza Covid-19, era previsto che tutte le strutture accessibili al pubblico non essenziali fossero chiuse». Quindi anche un banco self-service per l'acquisto di fiori e decorazioni. La 39enne ha ora a disposizione dieci giorni per impugnare la decisione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora
Qui i principali focolai del virus mutato
Variante britannica o sudafricana. Si moltiplicano le segnalazioni in Svizzera.
GRIGIONI
2 ore
«Caviale e champagne sono a pagamento, la zuppa di aragosta è gratuita»
Ecco cosa significa stare in quarantena in un albergo a cinque stelle: una testimonianza da St.Moritz
SVIZZERA
4 ore
Hotelplan: 75 agenzie restano chiuse
Il provvedimento vale sino alla fine di febbraio a causa dell'obbligo di telelavoro
VALLESE
4 ore
Un altro morto sotto una valanga
Un 29enne è morto in Vallese: con altre due persone si trovava nella regione del Col des Gentianes
BERNA
7 ore
Chi riconosce questo tatuaggio?
Una donna senza vita è stata trovata nelle acque del lago di Thun. Si sospetta l'omicidio
VALLESE
7 ore
Dieci sciatori sotto una valanga: un morto
È successo stamani nel comprensorio di Verbier. Le persone travolte si trovavano fuori pista
SVIZZERA
8 ore
La scuola reclute a distanza è partita col piede sbagliato
Molti non sono riusciti a connettersi al sistema per colpa di un problema tecnico.
BERNA
9 ore
Sugli sci in barba alle disposizioni
Code e assembramenti si sono verificati in molti comprensori sciistici questo fine settimana.
GRIGIONI
10 ore
La variante sudafricana è sbarcata a St. Moritz, test a tappeto per tutti
Individuati una dozzina di casi in due hotel. Scuole chiuse a tempo indeterminato.
SVIZZERA
11 ore
Con l'app in quarantena prima degli altri
Uno studio dell'Università di Zurigo ha confermato l'efficacia dell'app SwissCovid.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile