Keystone
BERNA
15.05.20 - 11:590

Nuove tariffe farmacisti: verranno favoriti i medicinali generici

La convenzione tariffale stabilirà quanti soldi riceve la farmacia quando consegna medicine. Risparmi fino a 300 milioni

BERNA - Una nuova convenzione tariffale sulle prestazioni dei farmacisti dovrebbe favorire la vendita di medicinali generici e permettere così risparmi fino a 300 milioni di franchi. Una proposta in tal senso è stata inoltrata oggi alla Confederazione dalla società svizzera dei farmacisti Pharmasuisse e dall'associazione degli assicuratori malattie Curafutura.

La convenzione tariffale stabilisce quanti soldi riceve una farmacia quando consegna medicamenti prescritti a un paziente che verranno pagati dall'assicurazione malattie di base. Pharmasuisse e Curafutura hanno ora elaborato una nuova tariffa, a loro avviso, più trasparente ed equa, si legge in una nota odierna.

Nel complesso dovranno essere venduti più farmaci generici a basso costo. Pharmasuisse e Curafutura calcolano un potenziale di risparmi dell'ordine di 200-300 milioni di franchi, stando a informazioni pubblicate oggi da vari media.

Il presidente di Pharmasuisse Fabian Vaucher aveva anticipato stamane alla radio svizzerotedesca SRF che "con la nuova convenzione tariffale sarà possibile raggiungere l'obiettivo di un adeguato compenso delle prestazioni delle farmacie nei confronti dei pazienti e contemporaneamente favorire un potenziale di risparmio dei medicinali".

La nuova convenzione vuole anche mostrare in modo più trasparente i prezzi dei farmaci. Questi includono anche altri costi quali quelli per la logistica e la consulenza. Inoltre tali prezzi saranno più flessibili: medicamenti a basso costo potranno diventare fino a 5 franchi più cari, mentre quelli più costosi dovranno invece essere venduti più a buon mercato, all'incirca dieci franchi per confezione. Ciò, secondo Vaucher, dovrebbe sgravare i malati cronici.

L'attuale convenzione tariffale sulle prestazioni dei farmacisti è valida fino alla fine del 2021. Nell'ultimo anno la Confederazione ha elaborato due proposte in vista di un nuovo sistema ma, anche dopo la procedura di consultazione, non è ancora stato trovato un accordo tra i partner. La nuova convenzione proposta ora da Pharmasuisse e Curafutura dovrebbe, secondo le loro intenzioni, già entrare in vigore all'inizio del prossimo anno.

Anche la Fondazione svizzerotedesca per la protezione dei consumatori (Stiftung für Konsumentenschutz, SKS) ha accolto con favore la nuova tariffa. In una nota odierna, SKS la definisce "un passo nella giusta direzione".

Purtroppo, secondo l'associazione dei consumatori, il potenziale di risparmi descritto sarà però lungi dall'essere sfruttato, poiché una parte consistente delle economie fluirà direttamente nelle casse dei farmacisti. E questo, secondo SKS, non è giustificabile, considerati gli elevati premi delle casse malati.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Corri 12 mesi fa su tio
Invece dei generici, perché non creare farmaci di piccole medie e grandi quantità. Molte persone prendono una scatola con 50, 100 pillole, ne consuma forse una decina, il resto li scarta, secondo il prezzo del farmaco pagato va in spazzatura. Dov’è l’economia?
francox 12 mesi fa su tio
Con calma, neh!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
10 ore
«Dai 10 anni devono poter decidere se vaccinarsi»
Il tema è di forte attualità. E l'UFSP ha aperto il dibattito anche sui social.
BERNA
14 ore
Quando l'arrivo dei ricchi rischia di farti perdere la casa
L'Oberland bernese attira milionari da tutto il mondo. Il valore delle case è così schizzato alle stelle.
SVIZZERA
15 ore
Coronavirus: in calo casi, ricoveri e decessi
Rispetto a quella precedente, la scorsa settimana tutti gli indicatori sull'andamento epidemiologico sono diminuiti.
SVIZZERA
17 ore
Il radar “sfasato” che la polizia svizzera continua a usare
Può segnare fino a 11 km/h in più e ha problemi con le superfici rifrangenti, l'allarme dal produttore
BERNA
18 ore
Covid: 2300 positivi e 42 vittime
Sull'arco di due settimane, il numero totale di infezioni scende a 18'893.
ZURIGO
19 ore
I ricercatori dell'ETH scoprono il tallone d'Achille del coronavirus
Lo studio potrebbe portare allo sviluppo di un medicinale per combattere il Covid-19.
SVIZZERA
20 ore
Disoccupazione e penuria di personale, il paradosso post Covid
Se da un lato le aziende licenziano dipendenti, dall'altro cercano nuovo personale diversamente qualificato.
SVIZZERA
21 ore
Al confine con la Germania c'è un grande viavai
Il turismo degli acquisti è di nuovo possibile senza limitazioni. E in moltissimi ne hanno approfittato.
SVIZZERA
23 ore
Hotel e ristoranti, 40mila posti di lavoro in fumo
Il dato riguarda esclusivamente il 2020. Particolarmente colpiti i ristoranti che dipendono dal turismo d'affari.
SVIZZERA
1 gior
«Vaccinati e senza mascherina»
Per il Governo federale le persone immunizzate non trasmettono il virus. C'è quindi chi chiede la revoca dell'obbligo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile