Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
13.05.20 - 14:230

Treno in ritardo? Avrai diritto al rimborso

Vale dal 2021 e solo per chi ha il biglietto singolo, non per gli abbonati. 25% oltre i 60 minuti, 50% oltre due ore

Il diritto all'indennizzo può essere fatto valere anche quando il ritardo è dovuto a casi di forza maggiore, ad esempio una frana o caduta massi

Dal prossimo anno, i viaggiatori dei trasporti pubblici che arrivano a destinazione in ritardo avranno diritto a un indennizzo. Lo ha annunciato oggi il Consiglio federale precisando che il rimborso concerne unicamente chi è munito di un biglietto singolo. Soluzioni per chi dispone di un abbonamento dovranno essere trovate dal settore coinvolto.

Concretamente, si avrà diritto al rimborso del 25% del prezzo del biglietto in caso di ritardo superiore ai 60 minuti e del 50% se superiore alle due ore. Il diritto all'indennizzo può essere fatto valere anche quando il ritardo è dovuto a casi di forza maggiore, ad esempio una frana o caduta massi.

Minimo di spesa - Per contenere l'onere amministrativo per le imprese di trasporto, l'obbligo di indennizzo decade per importi inferiori a cinque franchi (inizialmente il governo proponeva 10 franchi). Ciò significa che può far valere questo diritto chi ha acquistato un biglietto di almeno 20 franchi e ha subito un ritardo superiore a un'ora, o un biglietto di almeno dieci franchi e un ritardo di oltre due ore.

Anche pasti e bevande - Nei casi di ritardo superiore a 60 minuti, le imprese di trasporto sono tenute a offrire ai viaggiatori bevande e pasti, se disponibili a bordo o in stazione e se possono essere ottenuti con un onere ragionevole.

Non tutti i trasporti - Da notare che nessun rimborso sarà corrisposto dalle imprese di trasporto a fune e di navigazione, visto che sono particolarmente influenzate dalle condizioni meteorologiche.

E chi ha l'abbonamento? - Le nuove disposizioni permettono alla Svizzera di allineare i diritti dei viaggiatori alla normativa dell'Unione europea (UE) in materia. Resta ancora da chiarire il rimborso al quale avranno diritto i titolari di abbonamenti. Per loro una soluzione dovrà essere trovata autonomamente dal settore dei trasporti pubblici: per il governo questa dovrà assolutamente essere "equa". Pur non fissando disposizioni in materia, l'esecutivo afferma in una scheda informativa che «i viaggiatori in possesso di un abbonamento, che subiscono ripetuti ritardi e soppressioni, possono richiedere un indennizzo». Le condizioni saranno stabilite dalle singole imprese di trasporto.

L'onere della prova - Il problema degli utenti con abbonamenti è che in genere non possono provare inequivocabilmente di aver subito un ritardo, poiché non sono in possesso di un biglietto per una tratta e una fascia oraria determinate, ricorda l'esecutivo. Per poter far valere un diritto di indennizzo sarà quindi sufficiente rendere verosimile di essere stati vittime di un ritardo. Gli indennizzi saranno valutati caso per caso.

Le disposizioni sui rimborsi sono contenute in una modifica d'ordinanza basata sulla nuova legge federale sull'organizzazione dell'infrastruttura ferroviaria, approvata dal Parlamento nel settembre 2018. In tale revisione d'ordinanza si prevede anche la trasformazione del servizio di assegnazione delle tracce orario in un istituto autonomo della Confederazione, il disciplinamento dei diritti di partecipazione delle imprese ferroviarie alla definizione degli orari e degli investimenti sulla rete ferroviaria nonché l'attribuzione di maggiori competenze alla Commissione d'arbitrato in materia ferroviaria.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SOLETTA
8 ore
«Il ciclista non ha avuto nessuna possibilità di evitare l'impatto»
Il giovane che a bordo di una McLaren aveva gravemente ferito un 38enne è stato condannato a 44 mesi di prigione.
FOTO
GIURA
9 ore
In dogana con armi, munizioni e pure una moto d'epoca (non dichiarata)
Un francese di 59 anni è stato fermato (e multato) domenica 17 ottobre presso il valico di Bure.
VALLESE
10 ore
Il ticket per famiglie che non vale per le famiglie arcobaleno
L'esperienza di due papà dai Paesi Bassi agli impianti di risalita dell'Aletsch Arena, in Vallese
GINEVRA
12 ore
Donna uccisa a colpi di pistola
Il corpo è stato trovato questa mattina in un'abitazione di Vandoeuvres, nel Canton Ginevra. Marito in manette
SVIZZERA
14 ore
Certificato dei guariti, una strategia di Berna in vista del voto?
I guariti avranno più facilmente diritto al Covid-pass, e si inizia a parlare di una prossima revoca dell’obbligo.
FRIBORGO
16 ore
Scuola elementare vandalizzata da due 14enni
I danni superano i 100mila franchi. I due autori verranno denunciati al Tribunale dei minorenni.
SVIZZERA
16 ore
«Non è la vaccinazione a dividerci, è la pandemia»
Conferenza stampa con Alain Berset e Lukas Engelberger. Tra i temi trattati, la settimana nazionale di vaccinazione.
SVIZZERA
17 ore
I contagi curvano verso l'alto
Altri 1478 positivi in Svizzera. Continua il trend al rialzo. Il bollettino dell'UFSP
SVIZZERA
18 ore
Crediti Covid, gli hacker rubano 130mila nomi
EasyGov sotto attacco da parte dei pirati informatici. Un enorme furto di dati
BASILEA
21 ore
Gli hacker colpiscono ancora, questa volta il Gruppo MCH
Si tratta della società che organizza eventi come Art Basel e Basel World.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile