keystone-sda.ch (GEORGIOS KEFALAS)
Peggiora l'umore degli svizzeri dopo altre settimane di lockdown.
SVIZZERA
07.05.20 - 19:280

L'umore degli svizzeri è in ribasso: preoccupano la crisi e la perdita delle libertà personali

C'è meno paura di contrarre il virus e più di essere isolati

BERNA/ZURIGO - Dopo sette settimane di governo d'emergenza per l'epidemia di Covid-19, l'umore della popolazione è in ribasso: solo il 15% lo definisce buono e il 57% ritiene la situazione economica da cattiva a molto cattiva.

È quanto risulta dal terzo sondaggio commissionato dalla Società svizzera di radiotelevisione (SSR) all'istituto di ricerca Sotomo e condotto lo scorso fine settimana su 32'485 persone in tutta la Svizzera. I precedenti erano del 22 marzo e del 5 aprile.

I timori - Le conseguenze più temute per l'epidemia del nuovo coronavirus sono una crisi economica (48%) e la perdita a lungo termine delle libertà personali (22%), mentre solo il 6% degli interpellati considera un rischio il crollo del sistema sanitario.

Rispetto al primo sondaggio del 22 marzo, la paura di beccarsi il Sars-CoV-2 è calata notevolmente, dal 51 al 34%, mentre il timore di perdite finanziarie è rimasto costante, al 33%. Tuttavia, la paura della solitudine e dell'isolamento è aumentata, dal 26 al 32%.

La ripartenza - Riguardo all'allentamento delle restrizioni dal prossimo 11 maggio, la maggioranza degli intervistati in tutto il Paese lo accoglie con favore, ma in modo differenziato: gli ultra 75enni con più decisione, i giovani meno chiaramente. Per regione linguistica, i sostenitori più accaniti dell'allentamento vivono nella Svizzera tedesca, meno decisamente nella parte francofona, mentre in Ticino una netta maggioranza (62%) trova "troppo frettolosa" o "piuttosto frettolosa" la decisione di abbandonare alcune misure di tutela.

L'accettazione delle misure del Consiglio federale è diminuita a ogni sondaggio. Nell'ultimo, il 23% dei partecipanti ha considerato la restrizione della libertà di movimento come decisamente troppo ampia o troppo ampia, a fronte di un 10% di opinione opposta. Il 67% è indeciso.

Per la chiusura di negozi e servizi le percentuali sono simili: 29% la ritiene perlomeno "troppo estesa", 10% pensa il contrario e il 61% è indeciso. Ciononostante, il 62% degli interpellati ha dichiarato di avere grande o grandissima fiducia nel Consiglio federale.

Politicizzazione - Nei primi due sondaggi della SSR l'orientamento dei partiti ha avuto solo un ruolo secondario, ma ora si sta delineando una crescente politicizzazione in merito alla crisi dovuta all'epidemia, scrive Sotomo.

Da un lato, la metà dei sostenitori del PS considerano troppo veloce il ritmo di allentamento delle misure stabilito dal Consiglio federale. Dall'altro, il 41% della base UDC ritiene che sia troppo lento, ma al contempo per il 29% della stessa è affrettato. Ciò significa che la base dell'UDC è relativamente divisa su questo tema.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 1 anno fa su tio
Mi auguro che l'abuso di potere esercitato faccia riflettere e reagire le persone, soprattutto quelle che ancora credono dell'immortalità.
demon631 1 anno fa su tio
Signori la DDR ed il muro sono da parecchio tempo caduti, basta con questa segregazione????????
Didimon 1 anno fa su tio
Sicuramente perché questa pseudo crisi e stata gestita non male ... Di più ... Ed il rientro alla normalità ? Le decisioni del nazionale ? Le conferenze le ordinanze fatte oggi e annullare il giorno dopo ... Sette nani di una strega
lollo68 1 anno fa su tio
Mi piacerebbe che alla prossima influenza vengano trasmessi i dati giornalieri di contagiati e morti come è stato fatto con il Covid19.
sedelin 1 anno fa su tio
la preoccupazione (giustificata) si tramuti in azione. c'è tanto da fare per non lasciarci sottomettere al maldestro tentativo di una nuova dittatura.
sedelin 1 anno fa su tio
Svizzeri e non "svizzeri". grammatica....
miba 1 anno fa su tio
Probabilmente gli Svizzeri (caro tio, si scrive con la s maiuscola...) più che essere stufi e dopo qualche calcolo si sono semplicemente conto della realtà delle cose. Il Ticino ha la vicinanza con l'Italia ed immagino quanti creduloni seguono le telenovele sul covid19 sui canali Mediaset.... :):):)
Mag 1 anno fa su tio
@miba Esatto.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
9 ore
Berset vuole fare un "regalo" ai non vaccinati
Certificato di un anno per i guariti. E test sierologici parificati ai molecolari. La proposta è sul tavolo, ma...
SVIZZERA
11 ore
Caso Mozambico, Credit Suisse alla cassa
L'Istituto elvetico pagherà circa 475 milioni alle autorità americane e britanniche.
SVIZZERA
13 ore
«Sul turismo degli acquisti abbiamo sbagliato»
Berna ha ammesso «parziali carenze» nella gestione delle multe all'inizio della pandemia.
SVIZZERA
16 ore
Vaccino di buon mattino? Potrebbe essere più efficace
Lo dimostra un recente studio condotto dall'Università di Ginevra.
BERNA
16 ore
Alpinista morto sulla Jungfrau
È finito in un crepaccio: il corpo è stato trovato a una profondità di circa 27 metri
SVIZZERA
19 ore
Certificato sulle piste: «Non è l'associazione di categoria che decide»
«È presuntuoso dire già che non ci sarà un obbligo di Covid-pass sulle piste. Sarà il Consiglio federale a decidere».
SVIZZERA
19 ore
Positivi in forte aumento, decessi e ricoveri in calo
Stando all'aggiornamento dell'UFSP, sono due i nuovi decessi avvenuti a causa di un decorso infelice della malattia.
SVIZZERA
19 ore
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
SVIZZERA
21 ore
Berna autorizza una manifestazione contro il certificato Covid
I promotori si sono impegnati a rispettare un piano di sicurezza. E sconsigliano di prendere parte a proteste abusive
SVIZZERA
21 ore
I ghiacciai perdono ancora terreno, nonostante la neve e l'estate fresca
Nel 2021 hanno perso l'1% del loro volume, come rilevato dall'Accademia svizzera di scienze naturali
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile