deposit
GINEVRA
07.05.20 - 12:300

L'Oms lancia un allarme sulla salute mentale

L'emergenza coronavirus sta generando un crescente disagio nella popolazione

Si moltiplicano le segnalazioni relative ad ansia, depressione ed altri problemi psichici

GINEVRA - L'emergenza Covid sta provocando la crescita di segnalazioni di ansia e paura, disturbi del sonno e depressione anche gravi. Lo spiega in un editoriale che sarà pubblicato su World Psichiatry il direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Nell'articolo - anticipato all'agenzia italiana ANSA - Ghebreyesus rileva che «i sistemi di salute mentale in tutti i paesi vanno rafforzati per far fronte all'impatto».

«Qualsiasi successo nell'affrontare ansia e angoscia delle persone renderà più facile per loro avere volontà e capacità di seguire le linee guida delle autorità sanitarie» per contenere il contagio.

La perdita - «Molte persone nel mondo - aggiunge - soffrono per la perdita di mezzi di sussistenza e opportunità, coloro che amano una persona affetta da COVID-19 si trovano ad affrontare preoccupazioni e separazione. Alcune si rivolgono ad alcol, droghe o comportamenti potenzialmente rischiosi come il gioco d'azzardo. La violenza domestica è aumentata. Infine, chi sperimenta la morte di un membro della famiglia a causa di COVID-19 potrebbe non avere l'opportunità di essere fisicamente presente negli ultimi momenti o di tenere funerali secondo la tradizione culturale, il che potrebbe interferire con il processo del lutto».

La salute mentale - «Esistono inoltre - sottolinea il direttore generale Oms - segnalazioni da paesi e nella letteratura scientifica che la malattia da COVID-19 è sempre più associata a manifestazioni mentali e neurologiche, nonché all'ansia, ai disturbi del sonno e alla depressione. In più, è probabile che COVID-19 aggravi preesistenti problematiche di salute mentale e neurologica e disturbi da uso di sostanze e limiti l'accesso per coloro che hanno bisogno di servizi. In molti paesi, i servizi di salute mentale nella comunità hanno smesso di funzionare. Tuttavia, oltre il 20% degli adulti di età superiore ai 60 anni ha condizioni mentali o neurologiche sottostanti: essi rappresentano una elevata percentuale delle persone con grave malattia da COVID-19. Le strutture di assistenza a lungo termine per le persone con condizioni problematiche di salute mentale (ad esempio ospedali psichiatrici e residenze per le persone con demenza) sono luoghi in cui le infezioni possono essere particolarmente difficili da controllare. La cura e la protezione dei diritti umani dei residenti in tali strutture devono far parte di qualsiasi risposta all'emergenza di salute pubblica. Affrontare il tema della salute mentale nelle emergenze di salute pubblica è vitale».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 1 anno fa su tio
Leggasi filiera psichiatrica
Hubelius 1 anno fa su tio
Mmm...lunedì iniziano le scuole, venerdì esce l articolo di un bambino di 10 anni in terapia intensiva.. Che timing!!!
sedelin 1 anno fa su tio
temo soprattutto per quella dei bambinihttps://disinformazione.it/2020/05/07/con-la-scusa-della-sicurezza-stanno-distruggendo-il-mon do-dei-bambini/
pillola rossa 1 anno fa su tio
E vai di psicofarmaci, prontamente messi a disposizione...
sedelin 1 anno fa su tio
@pillola rossa prima ti rendo labile poi mi arricchisco "aiutandoti" :-(
pillola rossa 1 anno fa su tio
@sedelin Funziona così, il grottesco è che la gente stessa ha chiesto sempre più alienazione e privazione dei propri diritti in nome di una vita eterna. La nuova religione del ventunesimo secolo. A pensarci bene è genialmente perverso.
MIM 1 anno fa su tio
Come ha scritto sedelin, era prevedibile. Chi vuole ancora tenere i bambini chiusi, sappia che rischia di rovinarli e i problemi li avrà fra qualche anno.
sedelin 1 anno fa su tio
ERA PREVEDIBILE. bisognava pensarci prima di terrorizzare la gente.
Equalizer 1 anno fa su tio
Eppure per tutti quelli che vanno in prigione nessuno si fa queste paranoie mentali, per ben che uno se finisce la è perché se lo merita, ma tutti questi problemi non se li fa nessuno nei suoi confronti.
Giovanii 1 anno fa su tio
@Equalizer Diventeranno malati mentali i carcerati, lo dice l'articolo sopraindicato.
bimbogimbo 1 anno fa su tio
Chi ha questo tipo di problema significa che tanto apposto non era nemmeno prima. Ma dobbiamo preoccuparcene?
miba 1 anno fa su tio
O più semplicemente gli effetti dell'isteria da covid19, alimentata all'inverosimile dai media, che alla fine fa più danni che non il coronavirus stesso....
Bibo 1 anno fa su tio
Quando le persone passano 24h al giorno sui media a leggere notizie sul coronavirus è normale impazzire, informarsi va bene ma esagerare facendosi paranoie per qualunque cosa no...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Roche prepara il test antigenico per Covid e influenza
Il kit combinato permetterà di ottenere i risultati in 30 minuti
SVIZZERA
9 ore
Comprato per 8,90 franchi, venduto per 37'500 franchi
C'è sempre tantissimo interesse per la novità messa in circolazione dalla Posta Svizzera, ma qualcuno storce il naso
SVIZZERA
16 ore
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
16 ore
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
17 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
19 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
21 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
22 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
1 gior
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
1 gior
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile