Archivio Keystone
SVIZZERA
07.05.20 - 16:160
Aggiornamento : 17:15

Quasi due milioni di svizzeri vogliono lavorare da casa

Aziende costrette a introdurre il telelavoro per l'emergenza Covid-19. L'esperienza ha conquistato i dipendenti

Ma c'è chi teme di perdere il controllo sugli impiegati, come spiega l'esperto

Telelavoro

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

ZURIGO - La pandemia di coronavirus ha costretto innumerevoli imprese a riorganizzarsi, permettendo ai dipendenti di lavorare da casa. Tuttavia, il telelavoro non è ancora uno standard: soltanto l’1% degli annunci di lavoro prevede tale possibilità, come si evince da una ricerca di Jobchannel.

Attualmente su 180’000 posti vacanti, soltanto in 1’500 casi si può infatti optare per il telelavoro. Eppure, quasi tre quarti degli svizzeri vorrebbero poter lavorare da casa anche dopo l'emergenza Covid-19, secondo quanto emerge da un sondaggio condotto dalla Scuola universitaria professionale della Svizzera nordoccidentale (FHNW) e dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo (ZHAW). Si parla in sostanza di circa 1,8 milioni di lavoratori elvetici.

È un numero che non sorprende Michel Ganouchi, esperto di mercato del lavoro: «Innumerevoli dipendenti hanno imparato a lavorare da casa e hanno notato i vantaggi di tale possibilità». In molti ritengono di essere più efficienti e produttivi. «Ma naturalmente si contano anche quelle persone che fanno fatica». Tra questi, per esempio, i genitori che devono fare i conti con la scuola a distanza dei figli.

Ma per quale motivo molte aziende non danno la possibilità di lavorare da casa? Si parla in particolare del timore di perdere il controllo sugli impiegati. «Certamente i dipendenti non possono più essere monitorati così bene» afferma Ganouchi. I capi devono pertanto sapersi adattare al telelavoro e imparare a gestire il personale a distanza. Per questo va però costruita una cultura della fiducia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
8 ore
Giovani, chiedetevi: «Devo veramente andare a quella festa?»
È l’appello del capo delle emergenze dell’Oms, Mike Ryan
SVIZZERA
12 ore
«Automobile al sole: una trappola mortale». Parola del TCS
Qualche consiglio utile per evitare brutte sorprese in questi giorni di canicola
OBVALDO
13 ore
Titlis: boom di turisti elvetici, ma non è sufficiente
Gli impianti di risalita sono presi d'assalto, ma manca comunque circa il 70% dei visitatori
SVIZZERA / LIBANO
13 ore
Nessun aiuto svizzero al Governo libanese
Gli aiuti andranno direttamente alla popolazione, tramite la Croce Rossa
SVIZZERA
15 ore
Anche Berna, Argovia e Turgovia chiedono le liste degli arrivi a Kloten
Il canton Zurigo ha iniziato mercoledì a raccogliere questi dati per verificare il rispetto dell'obbligo di quarantena.
SVIZZERA
16 ore
Mascherine a scuola? Le diverse soluzioni dei Cantoni
Tra obbligo di mascherina e distanze di sicurezza, i Cantoni si preparano per il rientro a scuola
SVIZZERA
16 ore
Finanziamento di due progetti per il Covid
Il primo riguarda l'analisi sierologica, il secondo è un apparecchio portatile per una rapida identificazione del virus
SVIZZERA
18 ore
Mascherine monouso o di stoffa: quali utilizzare?
L'Ufficio federale della sanità le raccomanda entrambe, a meno che si abbiano dei sintomi
SVIZZERA
19 ore
Altri 161 casi, otto ricoveri e tre decessi
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 36'269. I decessi sono 1'712.
SVIZZERA
19 ore
L'infrastruttura digitale «è carente» nel settore pubblico
Il problema è emerso soprattutto nel periodo di lockdown.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile