Archivio Keystone
BERNA
06.05.20 - 17:350
Aggiornamento : 18:10

Morte di una tredicenne sulle piste: fu omicidio colposo

Un responsabile delle piste è stato condannato per un incidente che si è verificato nel 2015 ad Adelboden

BERNA - Un responsabile delle piste di Adelboden (BE) è stato condannato oggi per omicidio colposo dal Tribunale regionale di Thun, per la morte di una ragazza di tredici anni in seguito a un incidente con gli sci avvenuto nel febbraio 2015.

L'uomo aveva segnalato il luogo dove si è verificato l'incidente, ma non lo aveva messo in sicurezza a sufficienza, ha stabilito la corte di prima istanza, che gli ha inflitto una pena con la condizionale di 90 aliquote giornaliere di 130 franchi l'una.

La tredicenne, proveniente dal canton Svitto, faceva parte di un gruppo di altri giovani sciatori. La vittima è finita in una fossa profonda 2,7 metri a circa 1,2 metri dalla pista, riportando gravi ferite. Elitrasportata in condizioni critiche all'ospedale, è deceduta dopo poche ore.

Nei confronti dell'uomo, in qualità di responsabile della sicurezza degli sciatori nell'area degli impianti di risalita di Adelboden, si applicano regole più severe per la valutazione della responsabilità. È stato negligente e «non ha fatto nulla» per mettere in sicurezza la zona come impongono le norme, ha sostenuto il giudice.

Il responsabile avrebbe dovuto prevedere il fatto che, quando si scia, una caduta in un fosso profondo quasi tre metri può portare a incidenti gravi o addirittura mortali.

Inoltre, i genitori della vittima riceveranno 25'000 franchi per riparazione morale, mentre i fratelli 8'000 ciascuno. L'imputato dovrà anche sostenere i costi del processo, nonché il risarcimento danni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
51 min
Gli Stati danno ragione a Marina Carobbio: «Servono più medici»
Con una maggioranza risicata la Camera alta ha accolto una mozione della senatrice socialista.
SVIZZERA
1 ora
Altri 391 casi, ma la percentuale dei positivi è in calo
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 51'492. Le vittime sono almeno 1'776.
SVIZZERA
2 ore
Cantone che vai, misure anti-Covid che trovi
Berna dà il via libera ai grandi eventi, ma solo con la mascherina. E nel contempo riapre i "drive in".
SVIZZERA
2 ore
BNS: avanti con il contrasto del franco forte
La valutazione della moneta nazionale rimane «persistentemente elevata». Fusione UBS-CS? Solo «voci».
SVIZZERA
2 ore
Personale di volo e i danni della quarantena
Le associazioni di categoria chiedono di rivedere le norme, altrimenti si rischiano numerosi licenziamenti.
ZURIGO
3 ore
Violenta lite: morto un uomo, ferite due donne
La disputa famigliare è avvenuta nel quartiere zurighese di Wollishofen.
VAUD
4 ore
Da homo sapiens a homo sedens: «Gli open space sono come le carceri»
«L'ufficio, in tutte le sue forme, non rende felice il lavoratore», sostiene l'etnologo Pascal Dibie.
SVIZZERA
6 ore
L'auto non si noleggia, ci si abbona... da Mobilezone
La catena ha instaurato una collaborazione con la start-up per offrire consulenza nei suoi negozi di cellulari
SVIZZERA
6 ore
Parlamento: protezione dati, cambio sesso e cultura
Giornata impegnativa per Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati, che lavoreranno fino in serata
SONDAGGIO TAMEDIA
7 ore
Jet, caccia, congedo... Cosa pensate dei temi in votazione?
È sempre più vicino l'appuntamento alle urne: partecipate al sondaggio di 20Minuti e Tamedia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile