Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
06.05.20 - 13:270

Gravi errori sulle liste passeggeri, multa confermata

La SEM ha imposto 4'000 franchi a Turkish Airlines per ognuno degli 80 voli controllati. Il TAF le ha dato ragione

SAN GALLO - Il Tribunale amministrativo federale (TAF) conferma la multa di 320'000 franchi inflitta dalla Segreteria di Stato per la migrazione (SEM) alla Turkish Airlines per aver presentato alle autorità aeroportuali di Zurigo, nel 2017, liste passeggeri con notevoli mancanze. 

I fatti - Dal settembre del 2012 per Turkish Airlines vige l'obbligo di trasmettere i dati dei passeggeri sui suoi voli verso la Svizzera tramite un sistema di elaborazione automatica (Advance Passenger Information, API). Nel 2017 la polizia cantonale di Zurigo ha comunicato alla SEM che su un volo della compagnia erano state rilevate notevoli differenze nei dati API: non tutti i passeggeri erano sulla lista, alcuni erano elencati due volte, altri non esistevano, nomi e cognomi non erano corretti, alcuni svizzeri erano elencati come cittadini dello Swaziland e inoltre date di nascita e numeri di passaporto non erano corretti.

Non solo un caso, ma 80 voli - Dopo un controllo approfondito su 92 voli, l'anno seguente la SEM annuncia alla Turkish Airlines che quasi tutte le liste API contenevano errori. In due casi non erano nemmeno state trasmesse. Dopo aver aperto un procedimento per violazione del dovere di denuncia e invitato a rivedere il suo sistema di trasmissione dati, nel febbraio del 2019 la SEM ha inflitto alla compagnia una multa di 320'000 franchi: 4'000 per ciascuno degli 80 voli con errori significativi nelle liste.

Errori importanti per i controlli alle frontiere - Nella sentenza pubblicata oggi, il TAF ricorda che l'accuratezza delle liste API è essenziale per consentire il controllo automatico dei passeggeri alle frontiere. I giudici della corte con sede a San Gallo hanno respinto l'argomentazione della società secondo cui la maggior parte degli errori erano minori ai sensi della legge sugli stranieri e non dovevano essere puniti con una multa. La SEM non ha infatti tenuto conto dei piccoli errori.

La verifica spetta alla compagnia - La Turkish Airlines adduceva inoltre di non poter essere punita per gli sbagli fatti dai suoi clienti al momento dell'autoregistrazione. E la sanzione, data la sua natura penale, violava la Convenzione europea dei diritti dell'uomo in quanto la penalizzava per errori che non aveva commesso. Anche questa argomentazione è stata respinta dal TAF, sottolineando che è compito della compagnia aerea verificare l'esattezza dei dati inseriti dai passeggeri e, se necessario, correggerli.

D'altro canto il Tribunale di San Gallo non considera sproporzionata la multa di 4'000 franchi per ogni lista gravemente compromessa. La decisione può ancora essere impugnata davanti al Tribunale federale di Losanna.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 min
Coronavirus ed esercizi pubblici: un controllo su cinque rileva un'infrazione
Sono 17'586 le violazioni registrate, soprattutto in locali notturni
SVIZZERA
40 min
Al take-away con la gamella
Greenpeace esorta la popolazione a sostenere bar e ristoranti, ma prestando attenzione all'ecologia
SVIZZERA
1 ora
Ad aprile Swiss cancella 9'200 voli
Sono oltre 43'000 i passeggeri interessati dalla misura dovuta alla pandemia
Attualità
1 ora
«La Svizzera ha perso molto prestigio internazionale»
Lo dice l'ex presidente BNS Philipp Hildebrand, che invita la Confederazione a elaborare un piano d'azione
SVIZZERA
2 ore
Sarà un'estate di grandi eventi?
Il ministro della sanità Alain Berset intende autorizzarne lo svolgimento
SVIZZERA
2 ore
La Posta A continuerà a esistere
Il CEO della Posta: «Perché dovremmo tagliare un servizio apprezzato?»
SVIZZERA
2 ore
Per gli alberghi una stagione invernale da dimenticare
Il settore fa i conti con perdite milionarie. E al momento le prenotazioni per l'estate sono inferiori al 2019
FOTO
SAN GALLO
12 ore
«Mi hanno chiamato e mi hanno detto: “Ehi, la tua Ferrari sta bruciando”»
160mila franchi in fumo oggi sulla A13, il racconto del proprietario che... non era il conducente
ARGOVIA
15 ore
Arringa la folla di manifestanti anti restrizioni: docente cantonale licenziato in tronco
Per la direzione, non avrebbe dovuto presentarsi come insegnante. L'interessato: «Rifarei tutto».
FOTO
NEUCHÂTEL
16 ore
Manifestanti anti-misure in corteo a Neuchâtel
È già il secondo corteo quest'anno e c'erano circa 800 manifestanti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile