keystone
SVIZZERA
06.05.20 - 11:500

I pendolari alle prese con il rischio contagio

Due metri di distanza? Mascherina obbligatoria? Su treni, bus e tram ci si prepara all'affollamento di lunedì

Le associazioni del trasporto pubblico sono critiche. Le FFS: «Non possiamo fare i controllori delle mascherine»

Fonte 20 Minuten/Lena Stadler
elaborata da Davide Illarietti
Giornalista

BERNA - Due metri di distanza, oppure la mascherina. È con questo binomio che le FFS e AutoPostale vogliono contenere il virus sui mezzi pubblici. A partire da lunedì treni e bus riprenderanno a circolare a pieno regime. A Lugano le TPL si preparano a distribuire gratuitamente mascherine protettive. 

Il piano per i trasporti pubblici presentato il 30 aprile dalle FFS non ha mancato di sollevare critiche. Secondo il consigliere nazionale Bastien Girod (Verdi) per i pendolari è «semplicemente impossibile rispettare il distanziamento sociale» ha twittato. AutoPostale lo ammette pubblicamente: «In molti autopostali la regola della distanza non è praticabile. Ecco perché raccomandiamo ai passeggeri di indossare una mascherina protettiva». 

Frank Zimmermann, dell'Associazione dei trasporti pubblici Igöv, concorda sul fatto che da settimana prossima «le situazioni a rischio potranno aumentare». Ma fa appello al buonsenso: «Ci saranno sempre situazioni critiche. Dobbiamo convivere con il virus». In particolare il problema si presenta sui bus o sui tram, dove lo spazio è più ristretto. «Sui treni c'è sempre la possibilità di cambiare vagone». 

Anche alla fermata del bus o alla banchina della stazione sarà importante mantenere le distanze. «I pendolari dovranno assicurarsi di essere ben distribuiti» spiega Zimmermann. «Questo vale anche per il treno». Negli orari di punta tuttavia le cose si complicano. Per questo il Piano di protezione nazionale invita i pendolari a prediligere, se possibile, le fasce orarie meno affollate. 

E se qualcuno tossisce senza maschera, o si siede di fianco a un altro passeggero senza il suo consenso? Le compagnie di trasporto pubblico si affidano alla responsabilità individuale. Il capo delle FFS Vincent Ducrot ha sottolineato che macchinisti e controllori non sono agenti di polizia. «I passeggeri verranno sensibilizzati con cortesia».

Anche il portavoce di AutoPostale Ben Küchler fa appello alla responsabilità personale: «I nostri autisti non sono addestrati dal punto di vista medico e non possono assumersi la responsabilità delle persone con la tosse. Chiediamo sinceramente a tutte le persone con sintomi influenzali di rimanere a casa e di non utilizzare i mezzi pubblici». In caso di problemi, il personale di bordo può rivolgersi alla Polizia dei trasporti o alla Polizia locale.  

Aumentare la frequenza delle corse, o la capienza dei mezzi, è difficile. «Cercheremo di intensificare il servizio. Ma abbiamo pochi veicoli di riserva e non tutti i percorsi possono essere potenziati con veicoli aggiuntivi» spiega AutoPostale. Anche le FFS hanno precisato che ci sono delle limitazioni dovute alla lunghezza delle piattaforme. 

La prima soluzione è quindi la mascherina. «Sarebbe uno strumento efficace, ma temo che molti pendolari non la indosseranno. Mettendo così a rischio le persone fragili» commenta Bastien Girod. Controllare che tutti i passeggeri siano debitamente mascherati è, tuttavia, un compito che le compagnie di trasporto pubblico non vogliono assumersi. Per Ducrot (FFS) sarebbe «senza senso» oltre che infattibile. «Perché in un vagone dove viaggiano appena dieci pendolari questi ultimi dovrebbero indossare una maschera?» ha chiesto provocatoriamente giovedì in conferenza stampa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Soglia dei 1'000 abbattuta, ma c'è ancora incertezza per i concerti
Mentre lo sport sorride, gli organizzatori di show e festival non sono convinti
SVIZZERA
1 ora
Chiesti 15 e 13 anni di galera per i "genitori dell'orrore"
In aula, i due ex coniugi hanno respinto tutti gli addebiti, accusandosi a vicenda
URI
1 ora
Incidente di lusso sul Passo del San Gottardo: coinvolte una Bugatti e una Porsche
All'origine dell'impatto ci sarebbe stato un tentativo di sorpasso
SVIZZERA
4 ore
Anziani al supermercato, nonostante il virus
Sono tra le persone vulnerabili, ma temono meno la pandemia. È quanto emerge da uno studio del Politecnico di Zurigo
SVIZZERA
4 ore
Sport ed eventi, da ottobre anche più di 1'000 persone
Gli organizzatori dovranno però ricevere l'ok dai cantoni e disporre di severe misure di protezione.
SVIZZERA
4 ore
Anche i contanti fra le vittime del Covid
Dopo il lockdown, il 41% della popolazione ne fa un uso minore. Guadagna terreno l'e-banking
SVIZZERA / BIELORUSSIA
4 ore
Svizzero arrestato a Minsk, il DFAE segue il caso «con grande urgenza»
Il cittadino elvetico è finito in manette in seguito alle proteste esplose nella capitale a causa dei brogli elettorali.
SVIZZERA
5 ore
Prepariamoci a un deficit di 3,1 miliardi a causa del Covid-19
Le uscite straordinarie per la pandemia autorizzate dal Consiglio federale e dal Parlamento ammontano a 30,8 miliardi
SVIZZERA
6 ore
Nel 2019 sette morti per avvelenamento
Tox Info Suisse ha fornito 39'217 consulenze. Il 70% dei casi è dovuto a medicinali, prodotti per la casa e piante
ZURIGO
6 ore
Alla sbarra i "genitori dell'orrore"
L'accusa: «Erano costretti a mangiare il proprio vomito».
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile