keystone
SVIZZERA
06.05.20 - 11:500

I pendolari alle prese con il rischio contagio

Due metri di distanza? Mascherina obbligatoria? Su treni, bus e tram ci si prepara all'affollamento di lunedì

Le associazioni del trasporto pubblico sono critiche. Le FFS: «Non possiamo fare i controllori delle mascherine»

Fonte 20 Minuten/Lena Stadler
elaborata da Davide Illarietti
Giornalista

BERNA - Due metri di distanza, oppure la mascherina. È con questo binomio che le FFS e AutoPostale vogliono contenere il virus sui mezzi pubblici. A partire da lunedì treni e bus riprenderanno a circolare a pieno regime. A Lugano le TPL si preparano a distribuire gratuitamente mascherine protettive. 

Il piano per i trasporti pubblici presentato il 30 aprile dalle FFS non ha mancato di sollevare critiche. Secondo il consigliere nazionale Bastien Girod (Verdi) per i pendolari è «semplicemente impossibile rispettare il distanziamento sociale» ha twittato. AutoPostale lo ammette pubblicamente: «In molti autopostali la regola della distanza non è praticabile. Ecco perché raccomandiamo ai passeggeri di indossare una mascherina protettiva». 

Frank Zimmermann, dell'Associazione dei trasporti pubblici Igöv, concorda sul fatto che da settimana prossima «le situazioni a rischio potranno aumentare». Ma fa appello al buonsenso: «Ci saranno sempre situazioni critiche. Dobbiamo convivere con il virus». In particolare il problema si presenta sui bus o sui tram, dove lo spazio è più ristretto. «Sui treni c'è sempre la possibilità di cambiare vagone». 

Anche alla fermata del bus o alla banchina della stazione sarà importante mantenere le distanze. «I pendolari dovranno assicurarsi di essere ben distribuiti» spiega Zimmermann. «Questo vale anche per il treno». Negli orari di punta tuttavia le cose si complicano. Per questo il Piano di protezione nazionale invita i pendolari a prediligere, se possibile, le fasce orarie meno affollate. 

E se qualcuno tossisce senza maschera, o si siede di fianco a un altro passeggero senza il suo consenso? Le compagnie di trasporto pubblico si affidano alla responsabilità individuale. Il capo delle FFS Vincent Ducrot ha sottolineato che macchinisti e controllori non sono agenti di polizia. «I passeggeri verranno sensibilizzati con cortesia».

Anche il portavoce di AutoPostale Ben Küchler fa appello alla responsabilità personale: «I nostri autisti non sono addestrati dal punto di vista medico e non possono assumersi la responsabilità delle persone con la tosse. Chiediamo sinceramente a tutte le persone con sintomi influenzali di rimanere a casa e di non utilizzare i mezzi pubblici». In caso di problemi, il personale di bordo può rivolgersi alla Polizia dei trasporti o alla Polizia locale.  

Aumentare la frequenza delle corse, o la capienza dei mezzi, è difficile. «Cercheremo di intensificare il servizio. Ma abbiamo pochi veicoli di riserva e non tutti i percorsi possono essere potenziati con veicoli aggiuntivi» spiega AutoPostale. Anche le FFS hanno precisato che ci sono delle limitazioni dovute alla lunghezza delle piattaforme. 

La prima soluzione è quindi la mascherina. «Sarebbe uno strumento efficace, ma temo che molti pendolari non la indosseranno. Mettendo così a rischio le persone fragili» commenta Bastien Girod. Controllare che tutti i passeggeri siano debitamente mascherati è, tuttavia, un compito che le compagnie di trasporto pubblico non vogliono assumersi. Per Ducrot (FFS) sarebbe «senza senso» oltre che infattibile. «Perché in un vagone dove viaggiano appena dieci pendolari questi ultimi dovrebbero indossare una maschera?» ha chiesto provocatoriamente giovedì in conferenza stampa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / THAILANDIA
4 ore
Niente dosi elvetiche per la “quinta Svizzera” (per ora)
La Confederazione ha le mani legate: i contratti prevedono l'impiego delle dosi entro i confini nazionali
FOTO
ZURIGO
7 ore
Attivisti a Zurigo: 83 fermi e alcuni manifestanti soccorsi
Il bilancio del sit-in che ha avuto luogo oggi nel centro finanziario, all'ingresso di alcune banche
VAUD
8 ore
«Vogliamo abbattere due lupi»
Le autorità vodesi chiedono il permesso alla Confederazione a seguito della predazione di vari vitelli
VALLESE
10 ore
Infortunio sul lavoro: morto un trentenne
L'incidente si è verificato a Zermatt: l'uomo stava effettuando un intervento su una seggiovia
VALLESE
11 ore
Evacuate le terme di Leukerbad, sei feriti
Una fuga di disinfettante ha scatenato il panico alle Alpentherme. Una persona elitrasportata in ospedale
SVIZZERA
11 ore
È stato un Primo Agosto (abbastanza) tranquillo
La polizia non ha dovuto intervenire molte volte durante la festa nazionale: «È stata una notte eccezionalmente calma».
SVIZZERA
12 ore
Covid in Svizzera, nel weekend 2'019 casi
L'Ufficio federale della sanità pubblica segnala anche 24 nuovi ricoveri e tre decessi
URI
13 ore
Axenstrasse riaperta
Da poco prima di mezzogiorno è nuovamente possibile percorrere il tratto stradale
FOTO
ZURIGO
15 ore
Iniziato lo sgombero degli attivisti di Paradeplatz
La polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti per il clima che da questa mattina protestavano a Zurigo.
SVIZZERA / SPAGNA
16 ore
Quando la vacanza va storta: «È come essere in prigione»
Due turiste svizzere sono finite nell'Hotel-Quarantena di Ibiza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile