KEYSTONE
L'esercito resterà sul campo per affrontare l'emergenza coronavirus fino alla fine di giugno.
SVIZZERA
04.05.20 - 18:500

L'esercito potrà continuare ad appoggiare le autorità civili fino al 30 giugno

Il Consiglio degli Stati lo ha deciso quasi all'unanimità, la parola va al Nazionale

BERNA - Il servizio di appoggio dell'esercito alle autorità civili per contrastare l'epidemia di coronavirus può continuare fino al 30 di giugno.

Lo ha stabilito oggi praticamente all'unanimità (un solo astenuto) il Consiglio degli Stati, accogliendo una richiesta in tal senso del Consiglio federale. Il dossier va al Nazionale. Dal mese di marzo, l'esercito è stato mobilitato dal governo mediante il diritto d'urgenza per sostenere i cantoni alle prese con la crisi pandemica. Dato che l'impiego concerne più di 2000 militari e dura più di tre settimane, l'Assemblea federale deve approvarlo, anche retroattivamente, nella sessione successiva, ha dichiarato a nome della commissione Thomas Minder (UDC/SH).

La misura prevedeva inizialmente un numero massimo di 800 militari che, in base all'evolversi della situazione è poi stato aumentato a 8000 con una decisione del 16 marzo 2020. Tale contingente può essere impiegato in appoggio alle autorità civili fino alla fine di giugno.

Nel suo breve intervento, la consigliera federale Viola Amherd ha spiegato la decisione di aumentare fino a 8000 militi adottata a metà marzo con il timore che la situazione, specie sul fronte degli ospedali, potesse peggiorare fino al tracollo delle strutture. Il Canton Ticino si trovava quasi al limite, ciò che ha spinto il governo locale a cercare aiuto. Da allora sono state inoltrate richieste di sostegno da tutti i Cantoni. Nel frattempo, i Cantoni hanno ampliato le rispettive capacità d'accoglienza per i pazienti acuti.

Per fortuna, in ogni caso, non è stato necessario utilizzare tutti i militi mobilitati, ha precisato Amherd. Anzi, 1800 giovani sono già stati mandati a casa, anche se dovranno rimanere a disposizione in caso di necessità. Amherd si è detta anche contenta per la risposta data dai soldati: alla prima chiamata ha risposto l'80% e alla seconda ben il 90%. Solo il 5-6% non è stato in grado di giustificarsi: gli altri o erano all'estero, oppure malati, ha spiegato la ministra della difesa.

Il plenum ha anche deciso, come richiesto dal governo, che i soldati riceveranno l'indennità completa per i giorni in servizio d'appoggio che superano la durata del servizio d'istruzione previsto per l'anno in corso. I giorni verranno computati fino a un massimo di due corsi di ripetizione.

Per quanto riguarda i costi, l'ammontare totale dipenderà dall'entità del servizio d'appoggio, ovvero soprattutto dal numero di militari chiamati in servizio e dalla durata del loro impiego. Al momento, secondo l'esecutivo, non può quindi essere calcolato in modo definitivo.

I costi verranno in linea di principio assorbiti nei limiti del budget stanziato per il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS). Se tuttavia ciò non fosse possibile, il DDPS chiederà un credito aggiuntivo. Le spese supplementari per le indennità di perdita di guadagno (IPG) saranno coperte dal pacchetto di misure del Dipartimento federale dell'interno (DFI).

I militari forniscono appoggio in primo luogo alla sanità pubblica civile. Disponendo di un'istruzione riconosciuta dalla Croce Rossa, i soldati sanitari e d'ospedale sgravano il personale sanitario ad esempio nell'ambito delle cure di base, del monitoraggio dei pazienti, dell'esecuzione di test diagnostici e del trasporto di pazienti. Il personale sanitario può così concentrarsi maggiormente sulle patologie gravi.

I militari di milizia aiutano inoltre la Farmacia dell'esercito nell'ambito degli acquisti di materiale medico e forniscono supporto al Laboratorio di Spiez (BE) al fine di aumentarne la capacità di eseguire test.

Anche le autorità di sicurezza, in particolare l'Amministrazione federale delle dogane, beneficiano dell'appoggio dell'esercito. Soldati professionisti della polizia militare nonché formazioni di milizia appropriate sostengono il Corpo delle guardie di confine nella sorveglianza dei valichi di confine e della "frontiera verde" nonché nello svolgimento di compiti di sicurezza nell'ambito della circolazione delle persone e della canalizzazione del traffico. La protezione delle ambasciate è stata inoltre assegnata ai militari per sgravare i corpi cantonali di polizia.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
33 min
Strage di Rupperswil, poliziotto nei guai
Un agente condannato per avere trasmesso informazioni confidenziali ai famigliari delle vittime
SVIZZERA
57 min
Covid, 105 contagi in Svizzera
Positivi al test in frenata domenica. Nessun decesso. I numeri dell'Ufficio federale della salute pubblica
BASILEA
1 ora
Parla l'anziana che ha ucciso Ilias: «Ero disperata»
In aula anche i genitori del bambino. La donna: «Mi pento ogni giorno di quello che ho fatto»
SVIZZERA
2 ore
Gli insegnanti chiedono garanzie
I docenti svizzero-tedeschi e romandi lanciano un appello alle autorità
SVIZZERA
2 ore
«Nessuna ondata di licenziamenti»
Il dirigente della Seco Boris Zürcher è ottimista. «Molte aziende hanno superato bene la crisi»
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Misure efficaci: non c'è stata "l'ondata" di fallimenti
Le cifre del KOF indicano un calo del 21% rispetto allo stesso periodo del 2019. In Ticino i casi si sono dimezzati
SVIZZERA / REGNO UNITO
3 ore
Le grandi aziende svizzere hanno perso 15 miliardi di capitalizzazione
Nel confronto internazionale, però, le aziende rossocrociate se la cavano abbastanza bene
SVIZZERA
3 ore
«Non isoliamo gli anziani a causa del coronavirus»
Un divieto di visita «non è accettabile», secondo il presidente della Società professionale svizzera di geriatria
SVIZZERA
3 ore
Il virus resta nei pensieri di Koch: «Ora temo l'inverno»
Per Daniel Koch le persone si faranno testare meno pensando a una semplice influenza stagionale.
BERNA
4 ore
Un flash mob alla settimana contro la mascherina
L'invito a una protesta sui tram di Berna sta girando sui social. La polizia sta in guardia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile