keystone
SVIZZERA
04.05.20 - 11:370
Aggiornamento : 12:24

"Coronastress" per quasi la metà degli svizzeri

Netto aumento anche dei depressi. Ma c'è pure chi dello stress si è liberato

SONDAGGIO

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BASILEA - La crisi del coronavirus rappresenta un grande peso psicologico per molte persone. Secondo uno studio dell'Università di Basilea, quasi una persona su due si è sentita più stressata durante il lockdown rispetto a prima della crisi. È stato registrato anche un netto aumento dei sintomi depressivi.

I primi risultati dello "Swiss Corona Stress Study" pubblicato oggi dall'Università di Basilea coprono il periodo dal 6 all'8 aprile, tre settimane dopo l'annuncio del lockdown in Svizzera. Al sondaggio online anonimo hanno partecipato complessivamente 10'472 persone provenienti da tutta la Svizzera, indica il comunicato.

Quasi la metà degli intervistati ha dichiarato di sentirsi più stressata durante il lockdown rispetto a prima della crisi del coronavirus. I principali motivi sono i cambiamenti nel lavoro o nell'istruzione, la vita sociale limitata e l'onere della cura dei bambini.

Durante l'isolamento, la percentuale di persone che soffre di sintomi depressivi è aumentata: il 57% degli interrogati ha dichiarato che in loro tali sintomi erano aumentati. Mentre la frequenza dei sintomi depressivi era del 3,4% prima della crisi del coronavirus, durante il lockdown è salita al 9,1%.

Per qualcuno meno stress - Non tutti hanno tuttavia avuto ripercussioni psicologiche a causa della crisi del coronavirus. Il 26% degli interrogati si sentono meno stressati nella fase di lockdown rispetto a prima - «sorprendentemente», come viene indicato nel comunicato dell'Università di Basilea. Il 24,4% degli intervistati ha dichiarato di non avvertire alcuna differenza a livello di stress tra il periodo precedente la crisi e il confinamento.

Nello studio sono stati identificati alcuni comportamenti che hanno un effetto positivo contro lo stress da coronavirus. Questi includono attività fisiche più o meno intense come camminare o fare jogging, dedicarsi a un hobby o iniziare un nuovo progetto. Si ritiene utile limitare a uno o due volte al giorno informarsi sul coronavirus.

Il sondaggio online anonimo dell'Università di Basilea si trova su www.coronastress.ch. Ora viene studiato come l'allentamento del lockdown influisca sul benessere psicologico. I risultati dello studio non sono rappresentativi, indica l'Università, tuttavia poiché gli intervistati rappresentano un ampio spettro della popolazione svizzera, i risultati sono «statisticamente molto significativi».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
francox 1 anno fa su tio
Togliendo il traffico si toglie il rumore e si respira bene. Quindi ci sentiamo meglio. Per me è così.
Equalizer 1 anno fa su tio
...e l'onere della cura dei bambini. Eccovi presentata la società che non è più in grado di avere e crescere figli.
spank77 1 anno fa su tio
Io da una parte sono contento che si riattiva l'ecomomia perchè comunque adesso I numeri sono calati...GRAZIE AL LOCKDOWN (per I "somarelli" che adesso incolpano le autorità di avere esagerato con le misure). Adessi inizio a stressarmi perchè TROPPI sottovalutano il rischio di una seconda ondata...e non applicano le opportune misure… Sono moltro perplessa nel vedere -e lo dico da Svizzera- come TROPPI Svizzero si credano "diversi" dagli altri..insomma prendono in giro Germania, Austria, Belgio e Italia perchè vige obbligo mascherina...ma come ci permettiamo ? Vedremo fra qualche settimana quando loro a discapito della CH avranno I contagi sottocontrollo e l'ecomomia in funzione...noi doveremmo forse ancora bloccare tutto … almeno che il Virus non è diventato meno virulento….
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
VAUD
1 ora
2000 in piazza a Losanna contro il certificato Covid all'università
La manifestazione non era autorizzata ma si è svolta senza problemi
FOTO
SVIZZERA
1 ora
I raduni per protestare contro la violenza della polizia
I raduni sono avvenuti su appello del collettivo "Exit Racism Now"
ZURIGO
1 ora
Parmelin vuole giornate lavorative di 15 ore e più lavoro domenicale
Il ministro dell'Economia ha presentato un “compromesso” relativo alla legge sull'orario di lavoro.
SVIZZERA
3 ore
La cultura vuole ancora i test gratuiti
Secondo gli esponenti del settore si è ancora lontani dalla normalità e dal 1° ottobre potrebbe esserci un peggioramento.
SVIZZERA
4 ore
GastroSuisse pretende l'indennizzo
I presidenti delle 26 sezioni cantonali auspicano inoltre un rapido piano di uscita dalla pandemia.
SVIZZERA
5 ore
Condannati tre manifestanti in bici
Avevano partecipato a una manifestazione a maggio 2020, infrangendo le norme anti-Covid
SVIZZERA
7 ore
«La Confederazione paghi i test»
Lo chiedono gli studenti universitari, in una lettera diffusa oggi
SVIZZERA
8 ore
Il detenuto Carlos è quasi un brand
Sul web si vendono magliette dedicate a lui. Giocattoli e altri gadget. L'iniziativa di un collettivo di artisti
SVIZZERA
8 ore
Infezioni e ricoveri: «La situazione si sta calmando»
Si è tenuta oggi la conferenza stampa degli esperti della Confederazione sull'evoluzione epidemiologica in Svizzera.
BERNA
9 ore
1'235 nuovi positivi e quattro vittime
Continua a calare la pressione sugli ospedali e anche nelle unità di terapia intensiva.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile