Archivio Keystone
SVIZZERA
30.04.20 - 10:520

«Gli zoo? Sono meno a rischio dei musei»

L'associazione dei giardini zoologici chiede al Consiglio federale di poter riaprire l'11 maggio

GOLDAU - I gestori degli zoo considerano discriminatoria la decisione di ieri del Consiglio federale di permettere ai musei di riaprire i battenti l'11 maggio e, invece, di rinviare l'apertura al pubblico dei giardini zoologici e botanici all'8 giugno. Giudicano altrettanto ingiusto l'appoggio finanziario concesso ai primi e a loro negato.

La «decisione è assolutamente incomprensibile», indica una nota diramata oggi dall'Associazione degli zoo svizzeri gestiti scientificamente (zooschweiz/zoosuisse), cui aderiscono nove istituzioni, tra cui ad esempio lo Zoo di Zurigo e quello per bambini del circo Knie a Rapperswil (SG), il Knies Kinderzoo.

Per l'organizzazione il prolungamento del divieto di apertura non poggia su argomenti sanitari. E chiede come si spiega che la sede di Zurigo del Museo nazionale svizzero o vari musei d'arte, che accolgono un numero di visitatori analogo a quello degli zoo, possano aprire. I rischi di contagio da coronavirus sono più elevati in ambienti museali confinati che all'esterno, ossia nella situazione che prevale negli zoo, sostiene l'associazione.

Essa ha del resto inoltrato oggi stesso un concetto di protezione del pubblico all'Ufficio federale della sanità pubblica, chiedendo al Consiglio federale di tornare sui propri passi e accordare la parità di trattamento a musei e zoo.

Il mancato sostegno - Zooschweiz/zoosuisse lamenta anche il fatto che l'Ufficio federale della cultura abbia negato un qualsiasi sostegno finanziario ai giardini zoologici, affermando che, contrariamente ai musei, costituiscono un settore che non gli compete. Per l'organizzazione è invece palese che «gli zoo fanno parte del modo dei musei e della cultura».

Ai musei la Confederazione ha accordato un contributo di 280 milioni di franchi. Gli zoo, che non possono neppure fare appello al lavoro ridotto perché gli animali necessitano cure costanti, non ricevono neppure un centesimo e devono persino rimanere chiusi più a lungo, deplora l'associazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO
ZURIGO
3 ore
Animali domestici, quanto mi costano?
Cani, gatti o cavalli: possederli richiede tempo e denaro.
GRIGIONI
7 ore
Cerca di fermare i cavalli, bimba perde parte del dito
Stava tenendo una cordicella di recinzione, quando uno degli animali ha sfondato l'ostacolo
BERNA
7 ore
Fanno esplodere un bancomat, ripresi da un cellulare
Tre esplosioni per arrivare al distributore automatico dei soldi. Due ladri per un colpo perfetto
ZURIGO
9 ore
Identificato l'uomo caduto dalla finestra di un bordello
È un giovane di 28 anni la vittima dell'incidente avvenuto venerdì mattina nel centro storico di Zurigo.
SVIZZERA
10 ore
Posto di lavoro: aumenta l'incertezza fra gli over 50
Lo conferma un sondaggio effettuato dallo specialista del settore Rundstedt
SVIZZERA
12 ore
Altri 782 casi, 26 ricoveri e 2 decessi in 72 ore
Il 3.4% dei tamponi effettuati tra venerdì e domenica è risultato positivo al Covid-19.
SVIZZERA
13 ore
L'ex tassista ai vertici della Seco
Boris Zürcher ha fatto una carriera fuori dal comune. Oggi guida la Divisione lavoro a Berna. Lo abbiamo intervistato
SVIZZERA
13 ore
Congedo paternità, per UBS sono quattro settimane
Il colosso bancario si vuole dimostrare un datore di lavoro attrattivo
VAUD
14 ore
Deraglia un treno alla stazione di Echallens
Fortunatamente non c'erano passeggeri a bordo, ma non sono mancati i disagi.
SVIZZERA
14 ore
Le donne avrebbero abbattuto i jet
Il 55% delle votanti di sesso femminile avrebbe fatto a meno dell'acquisto dei nuovi aerei militari.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile