keystone
SVIZZERA
29.04.20 - 06:300

È ora di nazionalizzare Swiss?

Ricomprare la compagnia di bandiera da Lufthansa. La proposta al Consiglio federale

ZURIGO - Un maxi pacchetto di salvataggio per Swiss. La Confederazione - ha riferito ieri il Tages Anzeiger - avrebbe deciso di mettere mano alla leva finanziaria per soccorrere il settore aereo, con un pacchetto di aiuti per 2 miliardi di cui 1,5 finirebbero, sotto forma di prestiti bancari, nelle casse della compagnia di bandiera. 

Ma a Berna e dintorni si sono subito levate voci critiche. E c'è chi propone di ri-nazionalizzare Swiss. Secondo il consigliere nazionale Nik  Gugger (PPE) le cifre in ballo impongono una riflessione. Nel 2005 la Confederazione ha venduto la compagnia a Lufthansa per 310 milioni di euro. «Ora dovremmo spendere cinque volte tanto per salvare Swiss. Non ha senso» commenta il deputato, che ha chiesto al Consiglio federale di considerare l'opzione di ricomprare il vettore. «Non sarebbe meglio investire i soldi in questo modo?». 

Anche la presidente della Gioventù socialista Ronja Jansen è d'accordo. La Confederazione dovrebbe acquistare Swiss, ma al fine di «ridurre in modo ordinato» il traffico aereo svizzero. Su Twitter, Jansen lancia la proposta di «un fondo per la riqualificazione del personale, a cui andrebbe garantito il reddito durante corsi di formazione» per trovare un nuovo lavoro.

Il Dipartimento delle finanze, contattato da 20 Minuten, non conferma né smentisce le indiscrezioni sul pacchetto di salvataggio. «Non commentiamo le speculazioni nei media» afferma il portavoce Philipp Rohr. Secondo Rohr, il direttore finanziario Gaillard è stato «in costante contatto» con diverse compagnie aeree negli ultimi giorni e settimane.

Anche Swiss vola basso e non commenta. Il portavoce Meike Fuhlrott precisa che la casa-madre Lufthansa è intervenuta in soccorso dei dipendenti svizzeri. L'azienda «condivide la posizione del Consiglio federale secondo cui la società deve fare il possibile per conservare la liquidità» precisa Fuhlrott. Un «sostegno federale aggiuntivo» garantirebbe tuttavia a Swiss di sopravvivere a una crisi a lungo termine. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / THAILANDIA
2 ore
Niente dosi elvetiche per la “quinta Svizzera” (per ora)
La Confederazione ha le mani legate: i contratti prevedono l'impiego delle dosi entro i confini nazionali
FOTO
ZURIGO
5 ore
Attivisti a Zurigo: 83 fermi e alcuni manifestanti soccorsi
Il bilancio del sit-in che ha avuto luogo oggi nel centro finanziario, all'ingresso di alcune banche
VAUD
6 ore
«Vogliamo abbattere due lupi»
Le autorità vodesi chiedono il permesso alla Confederazione a seguito della predazione di vari vitelli
VALLESE
7 ore
Infortunio sul lavoro: morto un trentenne
L'incidente si è verificato a Zermatt: l'uomo stava effettuando un intervento su una seggiovia
VALLESE
8 ore
Evacuate le terme di Leukerbad, sei feriti
Una fuga di disinfettante ha scatenato il panico alle Alpentherme. Una persona elitrasportata in ospedale
SVIZZERA
8 ore
È stato un Primo Agosto (abbastanza) tranquillo
La polizia non ha dovuto intervenire molte volte durante la festa nazionale: «È stata una notte eccezionalmente calma».
SVIZZERA
9 ore
Covid in Svizzera, nel weekend 2'019 casi
L'Ufficio federale della sanità pubblica segnala anche 24 nuovi ricoveri e tre decessi
URI
10 ore
Axenstrasse riaperta
Da poco prima di mezzogiorno è nuovamente possibile percorrere il tratto stradale
FOTO
ZURIGO
13 ore
Iniziato lo sgombero degli attivisti di Paradeplatz
La polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti per il clima che da questa mattina protestavano a Zurigo.
SVIZZERA / SPAGNA
13 ore
Quando la vacanza va storta: «È come essere in prigione»
Due turiste svizzere sono finite nell'Hotel-Quarantena di Ibiza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile