Tipress
BERNA
28.04.20 - 13:590

Riaprire le frontiere: «Sì, ma bisogna coordinarsi tra tutti gli Stati»

Si procederà a tappe: prima gli Stati Schengen. Ma una data non c'è. Quanto ti pesa non poter uscire dalla Svizzera?

DOGANE CHIUSE

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - Riaprire le frontiere. È uno dei desideri maggior da parte di tante persone in questo momento. Quando si potrà tornare a viaggiare da una nazione all'altra? Per ora non c'è nessuna data, ma oggi la consigliera federale Karin Keller-Sutter ha discusso con i ministri della giustizia e degli affari interni degli Stati Schengen, e tutti hanno evidenziato che è importante un allentamento progressivo dei controlli alle frontiere, ma per farlo bisogna coordinarsi tra tutti gli Stati.  "Gli allentamenti alle frontiere possono essere messi in atto soltanto a tappe" hanno sottolineato i ministri. "Non esiste un approccio generale valido per tutti - è stato spiegato - ed è quindi tanto più importante che gli Stati si coordinino tra di loro. Tutti sono d'accordo che innanzitutto si tratta di riaprire le frontiere interne dell'Europa. Solo in una seconda tappa s'intendono riaprire anche le frontiere esterne di Schengen, per consentire l'entrata di persone provenienti da Stati terzi". Hanno trovato un'intesa sul fatto che  determinati allentamenti possano essere decisi di comune intesa. Domani, nella riunione del Consiglio federale, si discuterà proprio degli elementi cardine di un allentamento graduale delle limitazioni d'entrata, mantenendo tuttavia fino a nuovo ordine i controlli al confine.

Parlando con gli altri ministri europei in videoconferenza la consigliera federale Keller‑Sutter ha fatto sapere che la Svizzera sta attualmente esaminando le possibilità di abrogare gradualmente le limitazioni d'entrata. "È tuttavia chiaro che la protezione della popolazione da un'ulteriore diffusione del coronavirus riveste tuttora la massima priorità" ha aggiunto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA 
3 ore
Gli ospedali universitari attivano il dispositivo di gestione delle crisi
Raddoppiato in pochi giorni il numero di infetti.
SVIZZERA
4 ore
«Stiamo volando a vista invece di pianificare le prossime mosse»
L'idea è sapere in anticipo quali restrizioni entreranno in vigore a partire da quale soglia di gravità della situazione
SVIZZERA
7 ore
Test rapidi: risultati affidabili in 15 minuti
Dal 25 settembre Unisanté sta conducendo uno studio sui test rapidi.
VAUD
7 ore
Boom delle vendite grazie al telelavoro, Logitech vola in borsa
Tra luglio e settembre l'impresa ha realizzato ricavi per 1,26 miliardi di dollari
SVIZZERA
8 ore
«I pazienti in terapia intensiva sono in rapido aumento»
Per gli esperti della Confederazione la seconda ondata «è arrivata più velocemente e più forte del previsto».
BASILEA CAMPAGNA
8 ore
Toh, c'è un'auto sul prato di casa!
La vettura era parcheggiata in un quartiere residenziale. Ma si è messa in movimento ed è finita in un giardino
SVIZZERA
9 ore
Troppo alcol in famiglia
Un fanciullo su venti in Svizzera cresce con un genitore alcolista. Lo dice il rapporto Obsan sulle dipendenze
SVIZZERA
10 ore
Legge sul CO2: «Controproducente e costosa»
L'UDC è scesa in campo a sostegno del referendum
SVIZZERA
10 ore
Più di 3'000 casi e altri 53 ricoveri
I tamponi effettuati nel nostro Paese nella giornata di ieri sono 14'224. Il 21,1% ha dato esito positivo.
TURGOVIA
11 ore
Bimbo fermato da uno sconosciuto che tenta di fargli bere qualcosa
L'episodio si è verificato ieri pomeriggio nella località turgoviese di Weinfelden. Il bimbo non ha riportato ferite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile