Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
28.04.20 - 06:350
Aggiornamento : 10:40

«La fattura del volo di rimpatrio è eccessiva»

Il DFAE ha riportato a casa i cittadini bloccati all’estero a causa dell’emergenza. Ma i costi fanno storcere il naso

Fonte 20 Minuten - Daniel Waldmeier
elaborata da Jenny Covelli
Giornalista

BERNA - È atterrato ieri a Zurigo il penultimo volo di rientro con passeggeri svizzeri dell’operazione di rimpatrio del Dipartimento federali degli affari esteri (DFAE). Si tratta del 34esimo. Voli che hanno riportato a casa 7’163 persone bloccate all’estero dalla crisi coronavirus.

Mercoledì, con un ultimo volo di rientro dall’Africa con passeggeri svizzeri provenienti da Ghana, Costa d’Avorio e Burkina Faso, si concluderà la più grande operazione di recupero mai realizzata in collaborazione con Swiss, Edelweiss e Helvetic. Un’operazione che non ha mancato di far discutere, soprattutto per gli alti costi generati. 

La Confederazione ha finanziato anticipatamente i voli di rimpatrio. I costi, che ammontano a circa 10 milioni di franchi, sono sostenuti all'80% dai viaggiatori. La loro partecipazione corrisponde «al prezzo di mercato abituale per un volo corrispondente». Il DFAE contribuisce al finanziamento dei costi di volo per circa il 20%.

La fattura per i passeggeri va dai 400 ai 1’500 franchi circa, come riferisce 20 Minuten. Cifre che non piacciono ad alcuni viaggiatori, come G.O., tornato dalle Filippine il 31 marzo. «Ho ricevuto una fattura di 1’100 franchi. Ma in aeroporto i biglietti per lo stesso volo sono stati venduti a prezzi più convenienti», si lamenta.

G. racconta che il viaggio di ritorno con Qatar Airways è durato due giorni a causa di una catena di sfortunate circostanze. «Sulla base delle normali tariffe tra Manila e Zurigo, i prezzi del DFAE sono davvero eccessivi».

Hans-Peter Lenz, responsabile del Centro di gestione delle crisi del DFAE, dal canto suo spiega che ai passeggeri viene chiesto di contribuire al costo del volo nella forma dell’80%. Senza considerare quanto in realtà costi l’intera operazione, come le ore di lavoro dei dipendenti del DFAE o il trasporto dei passeggeri fino all’aeroporto.

Inoltre, i voli di rimpatrio non sono stati facili da organizzare e richiedono molta competenza diplomatica. L’importo richiesto ai rimpatriati «non copre certamente tutti i costi» ma resta in linea con i prezzi di mercato. «I voli non sono gratuiti» aggiungono dal DFAE.

Per quanto riguarda gli importi, da Berna fanno pure notare che non è possibile fare un confronto con le tariffe di un normale periodo. Ma i contributi richiesti si situano «entro limiti ragionevoli». Il DFAE spiega comunque che sono poche le chiamate e le e-mail ricevute per il rimborso del costo dei voli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
10 min
Strage di Rupperswil, poliziotto nei guai
Un agente condannato per avere trasmesso informazioni confidenziali ai famigliari delle vittime
SVIZZERA
33 min
Covid, 105 contagi in Svizzera
Positivi al test in frenata domenica. Nessun decesso. I numeri dell'Ufficio federale della salute pubblica
BASILEA
1 ora
Parla l'anziana che ha ucciso Ilias: «Ero disperata»
In aula anche i genitori del bambino. La donna: «Mi pento ogni giorno di quello che ho fatto»
SVIZZERA
1 ora
Gli insegnanti chiedono garanzie
I docenti svizzero-tedeschi e romandi lanciano un appello alle autorità
SVIZZERA
2 ore
«Nessuna ondata di licenziamenti»
Il dirigente della Seco Boris Zürcher è ottimista. «Molte aziende hanno superato bene la crisi»
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Misure efficaci: non c'è stata "l'ondata" di fallimenti
Le cifre del KOF indicano un calo del 21% rispetto allo stesso periodo del 2019. In Ticino i casi si sono dimezzati
SVIZZERA / REGNO UNITO
3 ore
Le grandi aziende svizzere hanno perso 15 miliardi di capitalizzazione
Nel confronto internazionale, però, le aziende rossocrociate se la cavano abbastanza bene
SVIZZERA
3 ore
«Non isoliamo gli anziani a causa del coronavirus»
Un divieto di visita «non è accettabile», secondo il presidente della Società professionale svizzera di geriatria
SVIZZERA
3 ore
Il virus resta nei pensieri di Koch: «Ora temo l'inverno»
Per Daniel Koch le persone si faranno testare meno pensando a una semplice influenza stagionale.
BERNA
3 ore
Un flash mob alla settimana contro la mascherina
L'invito a una protesta sui tram di Berna sta girando sui social. La polizia sta in guardia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile