tipress
Tunnel del Gottardo: i due sensi di marcia.
SVIZZERA
24.04.20 - 13:200

Cosa succede lunedì oltre il tunnel

A nord delle Alpi ci si prepara alla fase due. Le regole della Svizzera che riparte

BERNA - Da lunedì prossimo oltre Gottardo si entrerà nella fase di deconfinamento graduale. Attività come i centri di bricolage e giardinaggio, i saloni di parrucchieri, i fisioterapisti, i veterinari, i dentisti e gli studi di tatuaggi sono pronti a ripartire. Ogni settore ha elaborato il proprio concetto di protezione contro il Covid-19.

Come accade nel commercio al dettaglio, i centri dedicati al bricolage e al giardinaggio si affideranno a un sistema per scremare gli ingressi, al rispetto delle distanze minime e ai pagamenti senza contanti. Inoltre, stanno montando registratori di cassa con pannelli in plexiglas e allestendo apposite aree d'attesa.

Tali negozi sono autorizzati a vendere solo piante e materiale per la costruzione, si evince dall'ordinanza in materia. Daniel Schärer, numero uno dell'associazione di categoria 2ruote Svizzera, ha precisato a Keystone-ATS che è invece vietato il commercio di veicoli, giocattoli o attrezzi per gli hobby.

Nei saloni di parrucchieri, sarà disponibile al massimo la metà dei posti e anche i clienti dovranno mettersi una maschera protettiva. Pure in questo caso ci saranno visiere in plexiglas, quale protezione supplementare per esempio durante la rasatura.

Le norme igieniche avranno ovviamente la priorità assoluta e disinfettare sarà la regola. Questo vale sia per il cliente all'entrata, che dovrà pulirsi le mani con dispenser appositamente progettati, sia per i dipendenti, che disinfetteranno l'area di lavoro dopo le prestazioni a ogni persona.

Ripartiranno anche i vari trattamenti odontoiatrici negli studi dentistici. Gli standard sanitari, già elevati in condizioni normali, sono stati rafforzati con misure aggiuntive come il triage degli individui a rischio e il mantenimento delle distanze nelle sale d'aspetto. Le mascherine chiaramente sono da sempre di routine per il personale.

Tali strumenti di protezione sono consigliati pure dall'associazione Physioswiss ai fisioterapisti. I clienti invece, a meno che non facciano parte di un gruppo a rischio, non sono tenuti a indossarli. Anche in questo caso bisognerà fare attenzione al numero di persone presenti simultaneamente nello studio e nei locali adibiti all'attesa.

Per quanto riguarda ambulatori e cliniche veterinarie, la novità è che i proprietari devono consegnare il proprio animale all'esterno dello studio e, a fine visita, ritirarlo sempre senza mettere piede all'interno.

Infine, l'indicazione per quel che concerne i tatuatori è di indossare una mascherina protettiva di tipo FFP2. I clienti ne ricevono invece una chirurgica. Superfici e pareti divisorie andranno minuziosamente disinfettate.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
26 min
Richiamati i noodle a cottura rapida Long Life: contengono micotossine
Il lotto interessato è quello con termine minimo di conservazione al 04.04.2021. È previsto il rimborso.
SVIZZERA
51 min
Pacchi: la situazione si è normalizzata
Nei mesi di marzo, aprile e maggio, la Posta ha elaborato fino al 40% in più di pacchi rispetto all’anno precedente
SVIZZERA
1 ora
Mascherine in tessuto, l'UFSP smentisce
Che siano diventate lo standard rispetto a quelle chirurgiche «è una notizia falsa diffusa dall'agenzia Keystone-ATS».
SVIZZERA
4 ore
Il coronavirus fa precipitare (nelle cifre rosse) Swiss
La compagnia aerea elvetica ha subito una perdita operativa di 266.4 milioni di franchi nel primo semestre del 2020.
GINEVRA
5 ore
Annulla il volo per la Serbia, perde 450 franchi
La donna ha deciso di rimandare il viaggio in patria per evitare la quarantena al ritorno in Svizzera.
FOTO
LIBANO / SVIZZERA
12 ore
«Sono stata scaraventata attraverso l'ufficio»
La testimonianza di Monika Schmutz Kirgöz, ambasciatrice elvetica in Libano
SVIZZERA
14 ore
«Se loro sbagliano, la gente perde fiducia»
Knill: «In una pandemia, questo è particolarmente pericoloso perché può avere un impatto diretto sui contagi»
SVIZZERA
18 ore
Swiss parla il Ceo: «La ripresa è più dura del previsto»
Il 2020 per la compagnia elvetica «sarà una grande sfida», per ora le prenotazioni sono il 20% del normale
LIBANO / SVIZZERA
19 ore
«Sembra che da qui sia passata la guerra»
La 26enne svizzera Souraya Khaled vive vicino al porto di Beirut. Ecco come ha vissuto l'esplosione.
SVIZZERA
19 ore
Mancano macchinisti, le FFS sopprimono alcuni treni
La crisi del coronavirus ha ulteriormente messo in difficoltà le Ferrovie federali.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile