Immobili
Veicoli
keystone
Un drive in organizzato a Marl, in Germania, il 7 aprile.
SVIZZERA
24.04.20 - 06:450

Il drive-in salverà i cinema svizzeri?

Alcuni operatori del settore stanno pensando a una conversione "all'americana". Ma ci sono degli ostacoli

Fonte 20Minuten/Reto Heimann
elaborata da Davide Illarietti
Giornalista

BERNA - I cinema svizzeri sono chiusi da settimane. Per uscire dall'angolo, molti imprenditori del settore stanno pensando di rispolverare un vecchio classico: il drive-in all'americana. 

Un azienda sangallese lanciarsi nell'avventura, aprendo un cinema drive-in a Uzwil (SG) a luglio. «Sono convinto che quest'estate ci sarà un boom di questo tipo di offerta» ha spiegato al portale Watson.ch il proprietario Pascal Nussbaum. «Al termine del lockdown la gente vorrà distrazioni». 

Nussbaum sta cercando un piazzale con 40 posti auto, per realizzare il suo progetto. Con il pieno supporto del Comune. E ha buone ragioni per essere ottimista, sembrerebbe. I cinema drive-in sono attualmente in forte espansione in Germania: 43 frequenze radio sono state assegnate allo scopo dalle autorità tedesche per le telecomunicazioni (gli spettatori dei drive-in moderni si connettono in genere tramite l'autoradio all'audio del film). 

Il problema in Svizzera è il divieto di assembramenti pubblici. Gli operatori attendono indicazioni dal Consiglio federale. Cédric Marthaler, che co-organizza il teatro drive-in di Thun non sa ancora se l'appuntamento annuale, previsto per l'11 giugno, potrà tenersi o no. «L'anno scorso abbiamo contato fino a ottanta auto nelle serate di punta» racconta. 

Gli organizzatori di eventi vorrebbero che fosse istituito uno sportello centrale, a cui rivolgersi per capire se un evento può svolgersi oppure no. E questo non interessa solo ai gestori di drive-in, o aspiranti tali.  Il Consiglio federale si occuperà dell'eventuale allentamento del divieto di eventi il ​​27 maggio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
42 min
Gas, un accordo di solidarietà tra Svizzera e Germania
Simonetta Sommaruga e Guy Parmelin hanno incontrato il vicecancelliere Robert Habeck alla vigilia del WEF
ZURIGO
4 ore
Esplosione in casa, 18enne gravemente ferito
La deflagrazione sarebbe stata causata da una miscela pirotecnica autoprodotta.
SVIZZERA
5 ore
«È sempre più un'influenza stagionale»
C'è chi rivolge lo sguardo al prossimo autunno, esprimendo preoccupazione per l'emergenza di nuove varianti del Covid.
SVIZZERA
7 ore
Quando sei miliardi non bastano
La Confederazione potrebbe dover sborsare un ulteriore miliardo per l'acquisto dei jet da combattimento F-35.
GINEVRA
8 ore
La rissa fra "bande" degenera e partono alcuni spari
I fatti sono avvenuti in un bar del quartiere ginevrino di Plainpalais. Nessuno è rimasto ferito.
SVIZZERA
10 ore
Quegli spinosi miliardi degli oligarchi con i quali non si sa bene che fare
In Svizzera sono 6 (ma c'è chi dice che siano molti, molti di più) e per la legge elvetica non si possono toccare
SVIZZERA
11 ore
Anche il WEF 2022 si tinge di guerra
Al via oggi nella capitale grigionese il summit economico, attesi 50 capi di stato e anche Zelensky e Stoltenberg
SCIAFFUSA
12 ore
L'alcol, l'incidente e la fuga
Il conducente ha perso il controllo dell'auto, urtando una vettura ferma a un semaforo
SVIZZERA
13 ore
L'estate svizzera «potrebbe raggiungere i 40 gradi»
Le previsioni di Thomas Bucheli, caporedattore di SRF Meteo, dopo le temperature "non normali" del mese di maggio.
SVIZZERA
23 ore
Party, vodka e caviale: perché al Wef di Davos si sentirà la mancanza dei miliardari russi
La rappresentativa, ufficialmente non grata, era solita portare nella città grigionese feste esclusive ed esosissime
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile