Depositphotos (ZaraMuzafarova)
A Basilea Città la pagella degli allievi sarà basata sulle note del primo semestre.
BASILEA CITTÀ
17.04.20 - 13:020
Aggiornamento : 13:54

Una pagella di fine anno, ma con i risultati del primo semestre

Per la maturità, invece, non è ancora stato deciso nulla

BASILEA - Nel cantone di Basilea Città gli allievi di pressoché tutti gli ordini di scuola riceveranno una pagella di fine anno basata esclusivamente sui risultati del primo semestre. Lo ha deciso il Consiglio di Stato, che ha adottato oggi due ordinanze eccezionali in materia.

Nulla è ancora stato deciso sulle condizioni per l'attribuzione della maturità: in questo ambito il Cantone conta su una coordinazione nazionale.

Nonostante la decisione di ieri del Consiglio federale in materia di deconfinamento graduale nella crisi del coronavirus, secondo cui le lezioni riprenderanno l'11 maggio per la scuola dell'obbligo e l'8 giugno per le formazioni di tipo liceale, il governo cantonale ha deciso di rinunciare a una pagella per il secondo semestre. Le valutazioni e le note che dovessero essere ancora attribuite agli allievi prima della fine dell'anno scolastico non entreranno in linea di conto per la pagella finale.

La cosa più importante è che la situazione straordinaria attuale di chiusura delle scuole non abbia effetti negativi per gli allievi, ha detto il capo del Dipartimento cantonale della pubblica educazione Conradin Cramer (Partito liberale democratico) in occasione di una conferenza stampa in streaming su internet. Ciò vale in particolare per le decisioni di promozione e di trasferimento in altre sedi scolastiche.

Al liceo, nelle maturità specializzate e nelle formazioni professionali gli studenti passeranno automaticamente all'anno scolastico successivo, senza decisione basata sui risultati, ha precisato Cramer. Per il passaggio dalle elementari alla scuola secondaria, così come dalla scuola secondaria a liceo e maturità specializzate, gli studenti che non hanno acquisito i risultati necessari nel primo semestre possono passare al livello successivo attraverso un esame supplementare eccezionale.

Non è ancora chiaro se e come si svolgeranno gli esami di maturità e di altre formazioni di grado secondario II, ha detto Ueli Maier, responsabile delle scuole di livello liceale e della formazione professionale. In questo ambito Basilea Città attende ancora una decisione unitaria della Confederazione e dei Cantoni.

Il Cantone auspica tuttavia di includere nel processo di valutazione i voti ottenuti prima del 16 marzo, quando è entrato in vigore in Svizzera il regime di semi-confinamento, ed eventuali valutazioni orali durante la formazione a distanza di queste settimane. Per determinate materie dovrebbero essere possibili ulteriori esami semestrali.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
87 10 mesi fa su tio
Purtroppo ''nota'' rientra nella lingua italiana del Cantone Ticino. Al pari di un dialetto contiene un linguaggio regionale. Nella fattispecie ''nota'' si può definire un elvetismo: http://filipponi.net/tabasio/elvetismi/n/
Norvegianviking 10 mesi fa su tio
Mi chiedo perchè la scuola, è in questo caso il giornalista, continui imperterrita ad usare il vocabolo "nota". La nota, dell'italiano che dovrebbe essere insegnato a scuola, è un'annotazione, un appunto, un messaggio, oppure una nota musicale. Nell'articolo parliamo di voto scolastico e non certamente di nota.
sedelin 10 mesi fa su tio
@Norvegianviking "voto" viene usato in italia, "nota" é un ticinesismo in voga da sempre e fa parte del della lingua italiana parlata in ticino (vedi anche: mantello, natel, ghette).
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SAN GALLO
11 min
«Mi hanno chiamato e mi hanno detto: “Ehi, la tua Ferrari sta bruciando”»
160mila franchi in fumo oggi sulla A13, il racconto del proprietario che... non era il conducente
ARGOVIA
2 ore
Arringa la folla di manifestanti anti restrizioni: docente cantonale licenziato in tronco
Per la direzione, non avrebbe dovuto presentarsi come insegnante. L'interessato: «Rifarei tutto».
FOTO
NEUCHÂTEL
3 ore
Manifestanti anti-misure in corteo a Neuchâtel
È già il secondo corteo quest'anno e c'erano circa 800 manifestanti
LUCERNA
4 ore
Il software per le tasse è un gran pasticcio, il Cantone si scusa in video
A Lucerna tanti problemi per il nuovo programma, soprattutto fra i senior: «Ci dispiace che si siano sentiti insultati»
GRIGIONI
7 ore
Terrazze chiuse? I gestori grigionesi si concedono una piccola proroga
Avrebbero dovuto smantellarle oggi, ma approfitteranno dell'ultimo weekend della stagione.
FOTO
SAN GALLO
7 ore
Una Ferrari distrutta dalle fiamme
Nessun ferito, ma danni per oltre centomila franchi. È il bilancio dell'incendio sull'A13
SVIZZERA
7 ore
Jacqueline rimanda le prove di primavera (ma in Ticino un po' meno)
Al Nord delle Alpi il vento freddo riporta il termometro attorno allo 0, a Sud invece sarà solo un attimo più frescolino
ZURIGO
7 ore
Investito dal tram: morto un 82enne
L'incidente si è verificato oggi a Zurigo alla fermata Talwiesenstrasse
SVIZZERA
9 ore
«Bar e ristoranti vanno riaperti il 22 marzo»
È quanto chiede la Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio nazionale
FRIBURGO / BERNA
11 ore
Con l'auto rubata contro un camion
Si è concluso così un inseguimento che ha avuto luogo nella notte sull'A12 tra Bulle e Berna
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile