Keystone
BERNA
16.04.20 - 09:170

Il più grande rimpatrio di tutti i tempi: più di 5000 svizzeri riportati a casa

Bloccati in altre nazioni per colpa del Covid-19. I viaggiatori dovranno farsi carico di parte dei costi

BERNA - Finora sono circa 5100 gli svizzeri rimpatriati a bordo di voli speciali dopo essere rimasti bloccati all'estero a causa del coronavirus. Di questi, precisa il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) sul suo sito, 3700 hanno viaggiato su aerei organizzati dalla Confederazione, mentre per i restanti 1400 il rientro è stato orchestrato da un altro Paese.

L'operazione di recupero è partita nel mese di marzo. Da allora sono atterrati in Svizzera 30 voli, sui quali c'erano anche 2600 passeggeri di altre nazionalità. Gli aerei provenivano in otto casi ciascuno da Africa, Asia e America Latina, in quattro dall'Europa e in due dall'Oceania.

La frequenza dei voli sta diminuendo, scrive il DFAE, ma ci sono ancora diverse centinaia di connazionali che vogliono essere rimpatriati. I cittadini che desiderano restare all'estero o per i quali al momento non è possibile allestire un volo di rientro sono assistiti dalle rappresentanze elvetiche sul posto.

Il prossimo aereo è atteso oggi a Zurigo, proveniente da Ucraina e Montenegro. Domenica sarà la volta di un velivolo in arrivo da Quito, capitale dell'Ecuador, con scalo a Buenos Aires (Argentina). Il 26 aprile toccherà invece a un volo partito dall'India.

I charter sono finanziati in anticipo da Berna. Tuttavia, come già reso noto, i viaggiatori dovranno farsi carico di parte dei costi, spendendo all'incirca come per un normale biglietto aereo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SAN GALLO
6 ore
«Uccidere la propria figlia, come si può arrivare a questo?»
È un quartiere sotto choc quello che questo pomeriggio ha appreso del delitto compiuto da un padre di 54 anni.
VAUD / FRANCIA
6 ore
Uccise una prostituta, ora ha deciso di ricorrere
L'uomo era stato condannato a 30 anni di prigione per il brutale omicidio di una giovane rumena a Sullens.
SVIZZERA
11 ore
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
11 ore
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
SAN GALLO
13 ore
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
13 ore
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
14 ore
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
SVIZZERA
15 ore
Nel weekend meno di 800 casi al giorno
Sono stati effettuati 63'205 tamponi. Il 3,7% è risultato positivo al coronavirus
SVIZZERA
16 ore
Pass o no? Sciatori nella nebbia
Certificato sì o no? Berna non ha ancora deciso. E gli operatori sciistici si infervorano
SAN GALLO
16 ore
«Il Consiglio federale ha tradito il paese»
Sotto la lente delle autorità le affermazioni che un granconsigliere UDC svittese ha fatto sabato a Rapperswil-Jona
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile