Archivio Keystone
SVIZZERA
15.04.20 - 16:240

Un test casalingo per stabilire l'immunità da coronavirus

Lo intende lanciare l'iniziativa Corona Immunity. L'obiettivo? Accelerare l'uscita dal lockdown. I pro e i contro

ZURIGO - Un test casalingo per stabilire l'immunità della popolazione al nuovo coronavirus e accelerare il ritorno alla normalità. Lo intende lanciare, a partire dal prossimo maggio, l'iniziativa Corona Immunity. «Si tratta di uno strumento importante per poter testare più persone senza sovraccaricare ulteriormente il sistema sanitario» afferma Jan Vichr, membro dell'iniziativa e imprenditore.

Ma qual è l'obiettivo? In sostanza - come spiega l'alleanza che comprende rappresentanti di economia, politica e medicina - l'intenzione è di raccogliere più dati possibili sulla diffusione del virus nel nostro paese e sul grado d'immunità raggiunto nella popolazione. Dati che, secondo i promotori, dovrebbero permettere una migliore gestione delle distanze sociali.

«Strumento indispensabile» - Secondo il professore di economia Reiner Eichenberger, i test di massa sono uno strumento indispensabile per poter uscire dal lockdown. «Anche se probabilmente soltanto una piccola parte della popolazione è immune al virus, queste persone potranno comunque dare una dinamicità alla società: possono salvare i loro affari, visitare i nonni e aiutare i vicini».

Buona idea, ma... - Anche per Andreas Cerny, medico specialista in malattie infettive alla Clinica Moncucco di Lugano, tali test potrebbero svolgere un ruolo importante nella strategia d'uscita dal lockdown. Ma secondo lui avrebbero più senso se fossero forniti direttamente dalla Confederazoine. «Le autorità sono meglio preparate per l'impiego di test affidabili». Quelli rapidi sarebbero invece meno sensibili e più soggetti a errori. Cerny afferma inoltre che una più rapida uscita dal lockdown potrà avvenire in primo luogo con medicamenti efficaci e un vaccino.

Nel frattempo domani, giovedì 16 aprile, il Consiglio federale comunicherà la strategia che sarà adottata per il graduale allentamento del lockdown. È da oltre un mese che in Svizzera la vita si è fermata. E la pandemia sta rallentando.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
1 ora
«Volevano uccidermi perché non ho messo una canzone»
Tredici giovani ne hanno aggredito un altro per futili motivi durante la festa del digiuno ginevrino.
SVIZZERA
1 ora
La fine della pandemia? «La prossima primavera»
Gli esperti si dicono d'accordo sul fatto che la stagione invernale sarà difficile. Dipende tutto dalle vaccinazioni
SVIZZERA
7 ore
Ingresso in Svizzera solo con test (o certificato)?
Ecco cosa potrebbe decidere il Consiglio federale nella sua seduta di domani
SVIZZERA
9 ore
Aumentano i vaccinati "riluttanti"
Nei Cantoni rurali il tasso di vaccinazione è più basso. Ma sembra che l'obbligo del pass nei bar stia cambiando le cose
BERNA
9 ore
No Pass: migliaia in piazza a Berna e Bienne
Ancora manifestazioni questa sera contro le nuove misure introdotte dal Consiglio Federale
SVIZZERA
14 ore
La terza dose sotto la lente di Swissmedic
L'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici sta valutando i dati clinici, «in termini di sicurezza ed efficacia»
ARGOVIA
15 ore
La 26enne ha ucciso il fratello, poi si è tolta la vita
La Polizia cantonale ha fornito nuovi dettagli sui due corpi trovati martedì mattina a Frick.
SVIZZERA
16 ore
Siamo il paese più caro d'Europa
Il nostro costo della vita è del 51% superiore a quello della Germania.
SVIZZERA
17 ore
I test potrebbero rimanere gratuiti
Il maggior partito svizzero lancia una mozione volta a mantenere il costo dei test a carico dello Stato.
SVIZZERA
17 ore
Nessun decesso nelle ultime ventiquattro ore
Altre 61 persone hanno dovuto ricorrere a un ricovero. Le cure intense accolgono ora il 30,9% di pazienti Covid
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile