Un vaccino non prima di dieci mesi
Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
14.04.20 - 09:510
Aggiornamento : 11:10

Un vaccino non prima di dieci mesi

Secondo il presidente del cda di Swiss Re ne beneficeranno prima i gruppi a rischio, poi il personale medico

BERNA - Swiss Re conta su un vaccino contro il coronavirus non prima di febbraio 2021. Lo ha detto il presidente del consiglio di amministrazione, Walter Kielholz, alle testate del gruppo CH-Media di oggi.

«Il mondo tornerà alla normalità solo quando ci sarà un vaccino contro il Covid-19», ha sottolineato il manager di 69 anni. «Prima di allora, ci saranno probabilmente farmaci efficaci per combattere i sintomi. Ma il punto decisivo, la "partita finale" è il vaccino, che sarà utilizzato prima nei gruppi a rischio, poi nel personale medico e infine in quante più persone possibile», ha detto Kielholz.

La politica - Il vaccino deve essere prima testato ampiamente in modo che non si verifichino «pasticci» e che la popolazione abbia fiducia e si lasci vaccinare. Tuttavia, fino a quando non sarà disponibile, per Kielholz serve semplificare. «La destra dice che dovremmo chiudere i confini per sempre, ma ignora il fatto di essere curata da stranieri negli ospedali. I Verdi sono contenti che non ci siano più voli. E per la sinistra il colpevole è comunque già chiaro: il capitalismo, che ha fallito».

Riaprire i negozi - Inoltre, il manager critica il fatto che al momento gli esperti del settore medico si mettano così in mostra. «Le loro conoscenze sono molto richieste, ma sempre più spesso sorge la domanda: chi governa effettivamente il Paese?», ha detto Kielholz. Ritiene che si stia avviando un contro-movimento e che la politica voglia tornare a decidere da sola sugli sviluppi nel Paese. L'allentamento delle misure? «Non capisco perché le gioiellerie o i negozi di mobili, per esempio, debbano rimanere chiusi. Potrebbero riprendere l'attività se le norme igieniche fossero rispettate. Questo vale anche per altri negozi, come quelli di abbigliamento», ha detto Kielholz.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
TURGOVIA
7 ore
A 77 anni in carcere per non pagare la multa
Una donna turgoviese si è presentata ieri davanti alla prigione di Frauenfeld per espiare la sua pena.
SVIZZERA
8 ore
Vinto il jackpot di Euromillions più alto di sempre
Sette persone hanno invece portato a casa 700mila franchi a testa.
SVIZZERA
12 ore
L'UDC rimane saldamente il primo partito svizzero
Segue il PS, che ha alle calcagna PLR, Alleanza del Centro e Verdi, secondo l'ultimo Barometro elettorale della SSR
SVIZZERA
12 ore
«Perso il 28% del fatturato a causa del certificato»
Lo rileva un sondaggio condotto da GastroSuisse dopo l’introduzione dell’obbligo.
FOTO
ZUGO
14 ore
Violento frontale, due automobiliste all'ospedale
L'incidente è avvenuto nel primo pomeriggio di oggi sulla cantonale tra Baar e Neuheim.
SVIZZERA
16 ore
Vaccinazioni: 8'757 casi con effetti collaterali
Si tratta all'incirca di otto casi ogni 10'000 inoculazioni effettuate nel nostro Paese.
SVIZZERA
17 ore
Si resta sotto i mille contagi
Si contano anche 22 nuovi ricoveri. Sempre di meno i pazienti Covid-19 in cure intense.
SVIZZERA
17 ore
Legge Covid-19 «discriminatoria e arbitraria»
I democentristi invitano il popolo a respingere il testo che andrà in votazione il prossimo 28 novembre.
GINEVRA
20 ore
Sferrò un calcio all'avversario, finirà in carcere
È stato condannato l'uomo che nel 2018 tirò un calcio in faccia a un avversario durante una partita di Quarta Lega.
SVIZZERA
20 ore
Legge Netflix: «Una truffa ai danni di consumatori e giovani»
Il comitato che intende lanciare un referendum contro la Legge ha presentato le sue argomentazioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile