Keystone
L'aggressione sarebbe avvenuta in un deposito
FRIBURGO
12.04.20 - 19:060
Aggiornamento : 23:29

Abusi sessuali in caserma: recluta accusa sergente maggiore

La 21enne sarebbe stata attirata in un deposito con l'inganno. L'Esercito conferma l'indagine.

ROMONT - C'è subbuglio in una caserma dell'esercito di Romont (FR) dove, sabato, ha fatto la sua comparsa la gendarmeria militare per un possibile episodio di abusi sessuali.

«Le reclute sono sgomente», confessa a 20 Minuten un soldato che vuole rimanere anonimo. «Un sergente maggiore è accusato di aver abusato di una recluta donna», aggiunge. La presunta vittima sarebbe una 21enne recluta conducente dell'Argovia: «Lui le ha dato l'ordine di portarlo in un deposito ed è lì che è avvenuta l'aggressione sessuale», precisa la fonte.

Il portavoce dell'Esercito, Daniel Reist, conferma che, da sabato, a Romont è in corso un'indagine militare perché un membro dell'esercito ha denunciato un'aggressione sessuale. «L'accusa esiste. Il sergente maggiore sostiene che tutto è accaduto consensualmente. La recluta lo contesta», fa sapere Reist. Il sottufficiale superiore è stato interrogato e «al momento continua a prestare servizio, sebbene in un'altra località». Anche la recluta, informa il portavoce, rimane in servizio.

Secondo il soldato che ha contattato 20 Minuten, però, il sergente maggiore in questione avrebbe già dei trascorsi poco edificanti: «Si dice che sia piombato più volte negli spazi destinati alle reclute di sesso femminile senza avvisare», rivela. «Già questo aveva fatto discutere», aggiunge.

La vicenda della possibile violenza sessuale e lo sgomento che ne consegue si somma a una situazione già di per sé non facile per le reclute, fa notare la fonte che ha denunciato l'episodio al portale svizzero tedesco: «A causa del confinamento questi giovani sono in caserma da quattro settimane», ricorda. Ora, stanno tentano di elaborare quanto accaduto parlandone, ma non è semplice. La raccomandazione che arriva dall'alto, del resto, è quella di non discuterne con esterni. Daniel Reist dice di comprendere che questo episodio giunge in un momento già critico. La situazione, assicura però, si normalizzerà piano piano: «Con l'annuncio che presto ci dovrebbe essere un congedo, molti vedono la luce alla fine del tunnel», assicura il portavoce. 

        

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
33 min
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
1 ora
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
SVIZZERA
1 ora
Nel weekend meno di 800 casi al giorno
Sono stati effettuati 63'205 tamponi. Il 3,7% è risultato positivo al coronavirus
SVIZZERA
2 ore
Pass o no? Sciatori nella nebbia
Certificato sì o no? Berna non ha ancora deciso. E gli operatori sciistici si infervorano
SAN GALLO
3 ore
«Il Consiglio federale ha tradito il paese»
Sotto la lente delle autorità le affermazioni che un granconsigliere UDC svittese ha fatto sabato a Rapperswil-Jona
GLARONA
5 ore
Omicidio di Netstal, il 27enne ha confessato
L'uomo si era consegnato alla polizia già ieri. Avrebbe ucciso una 30enne sparandole in un parcheggio.
BERNA
6 ore
Drammatico incendio a Leuzigen, morti due bambini
È successo nella notte. Le fiamme sono divampate in un'abitazione. Altre quattro persone sono riuscite a salvarsi.
SVIZZERA
16 ore
Smartphone elvetici sotto attacco
Sono in circolazione molti messaggi spam per far installare sul dispositivo un pericoloso malware
SVIZZERA
20 ore
Moschee e campagne: ecco il piano vaccinale
L'Ufsp punta sulle "nicchie" di resistenza. Ma i Cantoni sono scettici
SVIZZERA
1 gior
La Svizzera si prepara per la crisi energetica
Le autorità stanno contattando le trentamila aziende che consumano più di centomila chilowattora all'anno
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile