Immobili
Veicoli
Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
12.04.20 - 11:140

C'è chi vuole tornare in Chiesa

Anche se, ammette Gottfried Locher, «non ci si può sbarazzare del coronavirus con la preghiera»

BERNA - Il presidente della Federazione delle Chiese evangeliche della Svizzera (FCES) Gottfried Locher auspica che il Consiglio federale renda rapidamente accessibili i luoghi di culto, disertati per limitare la diffusione del coronavirus.

«Le chiese sono luoghi di forza. E abbiamo bisogno di luoghi di forza, ora più che mai», ha detto Locher in un'intervista pubblicata oggi dalla NZZ am Sonntag. Naturalmente, la loro riapertura deve avvenire nel rispetto delle regole d'igiene e della cosiddetta distanza sociale. «E ciò è possibile senza problemi in molti luoghi».

Il pastore 53enne non ha alcuna comprensione per gli esponenti di Chiese, come tra gli evangelici, secondo cui la fede è più forte del coronavirus: «Su questa Terra regnano i fatti. Non ci si può sbarazzare del coronavirus con la preghiera». Anche la fede di Gesù Cristo non è stata al di sopra dei fatti, come dimostra la vicenda del Venerdì Santo. «Gesù è stato ucciso sulla croce, questi sono i fatti reali e brutali».

Locher ha anche fatto appello alla solidarietà con gli anziani e i malati. «L'inattività in questo caso è stata tutt'altro che umiltà, è anzi darwinismo, secondo il quale il più forte sopravvive, mentre molti vecchi e deboli no».

Locher ha comunque una buona novella pasquale: ciò che la gente sta vivendo ora non è la fine, ha detto. «La crisi finirà un giorno, proprio come la vita di ciascuno di noi. Ma poi la vita continuerà. Solo allora diventeremo quello che siamo veramente. La morte non ha l'ultima parola. E nemmeno il coronavirus».

Locher, residente nel canton Berna, è presidente della FCES, che comprende le 24 Chiese cantonali riformate, la Chiesa evangelica metodista e l'Eglise Evangélique Libre di Ginevra. Presiede anche l'associazione che riunisce le Chiese protestanti in Europa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
9 ore
Cresce la paura della guerra: la Svizzera deve mediare?
Si fa sempre più tesa la situazione tra Ucraina e Russia. L'occidente teme ormai un'invasione
SVIZZERA
12 ore
La variante Omicron... e i test Covid
Non mancano i dubbi attorno ai test Covid. Ecco le principali risposte
SVIZZERA
14 ore
«Le visite agli strip club erano per motivi di lavoro»
L’ex amministratore delegato di Raiffeisen Pierin Vincenz giustifica le spese pazze addebitate alla banca.
SVIZZERA
16 ore
Le “firme” nel sistema immunitario di chi rischia il Long Covid
Uno studio zurighese ha identificato i fattori di rischio immunologici
SVIZZERA
16 ore
Il processo Vincenz non si ferma
La Corte ha respinto le richieste di sospensione. Inizia l'interrogatorio dell'ex Ceo
SVIZZERA
16 ore
In Svizzera 36'658 contagi e dodici decessi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono state ricoverate altre 121 persone col Covid
SVIZZERA
19 ore
«Un allentamento delle misure porterebbe a un'ulteriore ondata»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione. E frenano gli entusiasmi su una fine delle restrizioni
SVIZZERA
21 ore
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
ARGOVIA
22 ore
Cadavere nella grotta, il 22enne a processo per assassinio
Il Ministero pubblico argoviese ha richiesto sedici anni e quattro mesi di carcere per il giovane omicida.
BERNA
23 ore
Aquila reale vittima di una turbina eolica
L'incidente è avvenuto nel mese di novembre sul Mont-Soleil, nel Giura bernese.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile