Keystone
Alcuni luoghi generalmente affollati
+5
SVIZZERA
03.04.20 - 22:020
Aggiornamento : 23:02

Vallesani coscienziosi, argoviesi un po' meno...

I dati di Google mostrano anche in quali cantoni le direttive per lottare contro la pandemia sono rispettate di più.

Ci sono infatti evidenti differenze fra il Vallese e Argovia, ma più in generale fra la Romandia e la Svizzera tedesca.

LUGANO - Le misure prese dalla Confederazione per contenere la pandemia stanno generalmente funzionando, ma non ovunque allo stesso modo. Questo è quanto si può concludere basandosi sulle statistiche rese pubbliche da Google. Il colosso americano ha analizzato i dati dei suoi clienti per vedere in quali cantoni le direttive per la lotta contro il coronavirus sono più rispettate e dove lo sono meno. I risultati consentono di conoscere l'evoluzione nella frequentazione di luoghi pubblici, negozi o trasporti pubblici.

Luoghi come ristoranti, centri commerciali, librerie o musei hanno subito un calo dell'81% delle presenze a livello nazionale. Questa percentuale è del -51% per negozi di alimentari e farmacie, -46% per i luoghi di lavoro e -68% per i trasporti pubblici. Al contrario, gli svizzeri rimangono di più a casa (+15%).

La coscienza dei romandi - Uno sguardo ai diversi cantoni della Svizzera mostra però che le regole non sono rispettate allo stesso modo ovunque. La frequentazione di luoghi pubblici fornisce un buon esempio: se i vallesani (-61%), i ginevrini (-40%), i vodesi (-42%), gli zurighesi (-53%) e anche i ticinesi (-51%) evitano questi luoghi da qualche settimana, gli argoviesi (-14%) continuano a invadere lo spazio pubblico. Anche i sangallesi sono tra i "cattivi" con un calo "solo" del -29%.

Le disparità, benché meno marcate, si osservano anche nei negozi di alimentari e nelle farmacie. In questo caso si registrano le maggiori diminuzioni di presenze nei Grigioni (-78%), in Ticino (-69%), in Vallese (-67%) e a Ginevra (-60%). Nei cantoni di Basilea Campagna (-21%), Argovia (-35%) e Soletta (-35%) sono più numerose le persone che continuano a fare acquisti come prima.

I dati dettagliati sono consultabili nel documento allegato.

Google
Guarda tutte le 9 immagini
Allegati
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VIDEO
BERNA
7 ore
Il Video del Consiglio federale: «Rispettate le misure anti-covid!»
L'invito è ovviamente a reagire. I modi sono quelli noti: «Distanze e igiene».
SCIAFFUSA
10 ore
64enne morto dopo essere stato coinvolto in una rissa
Il decesso non sarebbe direttamente legato alla scazzottata
SVIZZERA
11 ore
Può essere Covid? L'autovalutazione la fai online
L'UFSP, in base ai sintomi, invia una raccomandazione sulla necessità di fare o meno il tampone
SVIZZERA
11 ore
Philipp Wyss nuovo presidente della direzione di Coop
Simultaneamente muta anche la presidenza del cda
SVIZZERA
12 ore
Flixbus si ferma dal 3 novembre
«La decisione non è stata facile. Ma è necessaria per arginare la diffusione esponenziale del coronavirus»
BERNA
12 ore
«Potrebbero essere necessarie misure più drastiche»
Gli esperti federali aggiornano circa l'evoluzione del virus in Svizzera
ARGOVIA
12 ore
Ladri allontanati a colpi di pistola
Ignoti avevano tentato di svaligiare un negozio di armi. Ma il titolare è stato allertato dall'impianto di allarme
ZURIGO
13 ore
Pacco sospetto davanti al consolato francese
Dopo i fatti avvenuti ieri in Francia, la polizia ha preso sul serio la potenziale minaccia, isolando subito la zona
SVIZZERA
14 ore
Contagi e ricoveri stabili, ma crescono i morti
Il virus continua a circolare molto: il 24.1% dei 38'211 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore è risultato positivo.
FOTO
SVIZZERA
14 ore
Altro raddoppio per casi e decessi settimanali
Tra il 19 e il 25 ottobre sono state annunciate 39'441 nuove infezioni. La settimana prima erano 19'478.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile