Keystone
La stazione sciistica è nota per i suoi affollati après ski
SVIZZERA / AUSTRIA
02.04.20 - 15:490

Il "paziente zero" di Ischgl sarebbe una cameriera svizzera

La nota località tirolese è diventato uno dei principali focolai d'Europa.

Centinaia di turisti contagiati hanno fatto causa contro le autorità. Si tratta della prima "class action" per la pandemia da Coronavirus

ISCHGL - Sarebbe una cameriera svizzera il cosiddetto "paziente zero" del coronavirus a Ischgl, comune austriaco di 1600 abitanti nell'est del Tirolo e al confine settentrionale della Bassa Engadina. Si è ammalata il 5 febbraio ma solo con lievi sintomi e ora è sana.

Lo ha detto in una conferenza stampa odierna il capo della divisione di medicina umana dell'ente sanitario austriaco AGES (Agentur für Gesundheit und Ernährungssicherheit) Franz Allerberger, precisando che la donna è risultata positiva più di un mese dopo la lieve malattia, il 9 marzo.

Ischgl focolaio d'Europa - Solo in Austria, 611 infezioni da Covid-19 sono direttamente attribuibili alla località turistica di Ischgl. La nota stazione sciistica è diventata uno dei principali focolai dell'infezione in Europa e 2500 turisti contagiati hanno fatto causa contro le autorità tirolesi e la Repubblica austriaca per gravi negligenze. Si tratta della prima "class action" per la pandemia da Coronavirus.

Attualmente AGES ha analizzato più di 40 cosiddetti coronavirus-cluster (gruppi, focolai d'infetti) in Austria. Sotto il nome di "Cluster S Ischgl", sono stati analizzati i gruppi di casi partiti dalla regione di Paznaun.

Errore di valutazione - Finora, era un barista del ristorante dopo-sci "Kitzloch" di Ischgl a essere accusato di essere la prima persona infetta ad averne contagiate molte altre persone. Invece, secondo l'analisi dell'AGES, la fonte primaria è la cameriera svizzera dello stesso bar, che aveva solo sintomi lievi e non è andata da un medico. Non è chiaro dove la donna abbia contratto la malattia.

Il barista è stato il primo ad essere diagnosticato come infettato, ed «è stato l'unico ad andare dal medico», ha spiegato Allerberger. Di conseguenza, era stato erroneamente ritenuto il presunto untore. Importante per il tracciamento dei contatti è «il giorno dell'inizio della malattia, quello della diagnosi in molti casi non dice nulla», ha sottolineato il capo dell'agenzia sanitaria secondo il quale le persone infette sono contagiose «solo otto giorni».

La «paziente zero» è «sana come un pesce» e lo stesso vale per gli altri dipendenti del bar, che hanno tutti al massimo 50 anni, ha aggiunto Allerberger, citato dall'agenzia APA.

Responsabilità penali - La settimana scorsa, la procura di Innsbruck ha aperto un fascicolo sulla vicenda di Ischgl per verificare eventuali responsabilità penali. L'Associazione austriaca per la protezione dei consumatori (VSV, Verbraucherschutzverein) ha in seguito lanciato un appello sul suo sito internet, comunicando che chiunque si trovasse in vacanza a Ischgl o in uno dei villaggi vicini a partire dal 5 marzo e dopo è stato trovato positivo al Coronavirus, potrebbe "avere il diritto di chiedere un risarcimento danni al Tirolo o all'Austria, a condizione che possa produrre prove di negligenza attraverso relazioni appropriate o in un procedimento penale".

In poche ore, sono arrivate oltre 2500 segnalazioni, che hanno permesso alla VSV di presentare una denuncia collettiva contro il governatore del Tirolo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VAUD
15 min
Crediti Covid trasferiti all'estero: sospetti di una frode milionaria
Il Ministero pubblico vodese ha avviato un'inchiesta. Una persona si trova in detenzione preventiva
SVIZZERA
32 min
«Con l'auto il rischio di morte è 59 volte maggiore»
L'Ufficio federale dei trasporti ha pubblicato il suo ultimo rapporto sulla sicurezza dei trasporti pubblici
SVIZZERA
1 ora
Settore secondario: produzione ancora in crescita, cifre d’affari in calo
La pandemia ha avuto ripercussioni sui risultati di febbraio e marzo
ZURIGO
2 ore
Coronavirus e rimborsi, il direttore di Hotelplan critica Swiss
«Ha preso soldi dai clienti e poi ha bloccato unilateralmente il rimborso nei suoi sistemi»
BERNA
2 ore
«Servono più scorte mediche»
Jürg Schlup, presidente FMH, ritiene il materiale sanitario debba tornare ad essere prodotto in Svizzera ed Europa
BERNA
4 ore
Coronavirus: togliere alla lotta all'alcolismo per dare ai bar?
A Berna si pensa alla sospensione della tassa sugli alcolici. L'idea non piace alle associazioni contro le dipendenze.
SVIZZERA
16 ore
Turismo: la situazione è tesa, urgono meno restrizioni
Si è tenuto oggi il secondo vertice sul turismo dall'inizio dell'emergenza coronavirus.
GINEVRA
17 ore
Altra partitella "selvaggia", allontanate 300 persone
La polizia cantonale è intervenuta oggi al centro sportivo di Vessy.
SVIZZERA
20 ore
L'ufficio di casa te lo paga il datore di lavoro
Una recente decisione del Tribunale federale potrebbe fare scuola.
SVIZZERA
22 ore
Coronavirus: 11 casi in più, nessun decesso
Il numero dei casi positivi accertati nel nostro Paese sale a 30'736. I morti restano 1'641
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile