Keystone
Il direttore della Task Force Covid-19 Matthias Egger.
SVIZZERA
02.04.20 - 14:110
Aggiornamento : 16:57

«Le strade rimangono aperte, ma non andate in Ticino»

Il presidente delle polizie cantonali: «Rafforzeremo i controlli. Rinunciate a tutti i viaggi non importanti»

La task force «Covid-19» è stata presentata durante la conferenza stampa. Il direttore Matthias Egger: «Noi scienziati vogliamo aiutare. Anche noi siamo preoccupati».

BERNA - Con la consueta conferenza stampa delle 14.00, le autorità elvetiche hanno voluto fare il punto della situazione per quanto riguarda la pandemia di coronavirus. I dati - comunicati poco fa dall'Ufficio federale della sanità - mostrano come l'epidemia stia prendendo sempre più vigore in tutto il Paese. I casi confermati sono infatti saliti a 18'267 (+1'128 nelle ultime ventiquattro ore), mentre i morti sono almeno 432 (+54). Proprio per commentare queste cifre e per discutere delle questioni sanitarie riguardanti il Covid-19, il primo a prendere la parola è stato Daniel Koch.

«Picco non ancora arrivato» - Il neo-delegato dell'UFSP per l'emergenza Covid-19 ha esordito con un appello alla popolazione: «I contagi sono nuovamente saliti, anche se l'aumento non è più esponenziale. Non abbiamo ancora raggiunto il picco quindi è troppo presto per pensare di allentare le misure. Il virus è ancora pericoloso». Koch ha poi precisato che 378 pazienti ricoverati in terapia intensiva sono attualmente intubati. «Discutiamo con specialisti per sapere come evolverà la situazione nelle prossime settimane, ma è sicuramente ancora troppo presto per fare speculazioni», Interpellato sulla questione da un giornalista, Koch si è espresso sui tanti test effettuati negli ospedali zurighesi. «Sono autorizzati a farlo. Non esiste alcuna legge sui test. Al momento non abbiamo alcuna nuova strategia». Il delegato ha poi consigliato a tutti di «evitare le passeggiate». 

 «Scienziati preoccupati» - Il secondo a prendere la parola è stato il neofita Matthias Egger, nominato negli scorsi giorni a capo della task force elvetica per combattere il Covid-19. «Anche noi scienziati siamo molto preoccupati per la situazione. Per questo siamo molto motivati ad aiutare. Vogliamo affrontare questa crisi e far di tutto per risolverla». La task force sarà composta da nove diversi gruppi. Essi avranno diverse aeree di studio. «Analizzeremo i dati scientifici e daremo informazioni sia al Consiglio federale ma pure ai Cantoni». Ma non solo. Altri gruppi si occuperanno di sanità pubblica. Altri ancora studieranno gli impatti economici e sociali che la malattia ha provocato.

Una app per tracciare il virus - Nel frattempo a livello internazionale dovrebbe spuntare a breve una nuova applicazione in grado di aiutare a tracciare la diffusione del coronavirus. Il progetto europeo, denominato, Pan-European Privacy Preserving Proximity Tracing (PEPP-PT), è attualmente al vaglio delle autorità elvetiche, in particolare per quanto riguarda la protezione dei dati. L'utilizzo è su base volontaria e permette di localizzare le persone tramite bluetooth: gli utenti saranno informati se si sono trovati per almeno 15 minuti a fianco di una persona risultata infetta. Per Egger, circa il 30% della popolazione potrebbe partecipare al progetto e ciò potrebbe aiutare a «interrompere la catena di trasmissione e - di conseguenza - impedire ulteriori contagi».

«Non andate in Ticino» - Dopo Egger, ha preso la parola Stefan Blättler, il presidente della Conferenza dei Comandanti delle Polizie cantonali (CCPCS). Anche lui ha voluto ricordare - come già fatto da Consigliere di Stato Raffaele De Rosa e dal medico cantonale Giorgio Merlani - a tutti i confederati di «non andare in Ticino». «La presenza della polizia sulle strade verrà rafforzata nei prossimi giorni. Alla Pasqua non manca molto». Il presidente ha pure lanciato un appello: «Rinunciate a tutti i viaggi non importanti. State a casa e soprattutto non mettetevi in auto per andare verso sud. La situazione ticinese preoccupa». Blätter ha precisato che non è possibile per le polizie cantonali emanare alcun divieto di passaggio al San Gottardo e al San Bernardino: «Le strade rimangono aperte. Non possiamo chiuderle. Quella è una scelta che spetta al Consiglio federale. Il nostro non è un divieto ma un invito a tutti». 

Un invito che non è valido solo per il nostro cantone: «Non è il momento di andare a Sud delle Alpi, ma neanche nell'Oberland bernese, nei Grigioni o in Vallese», ha precisato il presidente CCPCS, «per non sollecitare le strutture ospedaliere già al limite». Dal momento che le frontiere sono chiuse, è necessario limitare anche tutti gli spostamenti interni durante le vacanze di Pasqua. La presenza della polizia, non solo sull'asse nord-sud, è quindi necessaria «per scoraggiare turisti e campeggiatori elvetici a immettersi sulle strade».

Alla conferenza sono presenti Daniel Koch, delegato dell'UFSP per il Covid-19; Matthias Egger, Direttore della Swiss National Covid-19 Task Force; Susanne Kuster, vicedirettrice dell'Ufficio federale di giustizia; Raynald Droz, Capo di Stato maggiore dell’esercito; Hans-Peter Lenz, responsabile di crisi; Eric Scheidegger, capo della Direzione politica ed economica della SECO; Daniel Bach, capo informazione e comunicazione della SEM; Stefan Blättler, Presidente della Conferenza dei Comandanti delle Polizie cantonali (CCPCS).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Maurer contro le quote rosa
Lo scrive oggi Le Matin Dimanche, che ha avuto accesso a documenti riservati.
SVIZZERA
LIVE
Iniziativa per la limitazione verso la bocciatura
Urne chiuse a mezzogiorno in tutta la Svizzera. Ci sono già le prime proiezioni.
SVIZZERA
2 ore
Quattro medici "critici" sotto sorveglianza
Sono accusati di non applicare le misure volute da Berna per contenere il propagarsi della pandemia da Covid-19
SVIZZERA
3 ore
L'epidemiologo cambia rotta: «Ora la gestione Covid funziona»
Marcel Salathé ora è positivo: le cifre sono stabili, seppur elevate, e il contact tracing finalmente funziona
NIDVALDO
3 ore
Alla guida di un camion con l'1,4 per mille
Al camionista kirghiso è stato vietato il proseguimento del viaggio
GINEVRA
5 ore
Pioggia di votazioni cantonali a Ginevra e Uri
Molti quesiti per gli abitanti dei due cantoni, dal salario minimo alle ciclabili. Altri nove alle urne.
BERNA
5 ore
Svizzeri al voto su cinque temi federali
Una domenica di votazione così non si vedeva da quattro anni. Forte incertezza su almeno due quesiti.
SVIZZERA
14 ore
La rivista ritratta: «Riesamineremo lo studio sull'Echinaforce»
Perché se funziona in laboratorio non è detto che funzioni anche sull'uomo: «È sovrainterpretazione»
GINEVRA / ITALIA
17 ore
Quasi giunto a destinazione l'aereo torna indietro
Il volo, partito questa mattina da Ginevra, ha avuto un problema tecnico.
ZURIGO
20 ore
Condizioni di lavoro negli asili nido: a Zurigo si manifesta
Circa 500 persone sono scese in piazza per protestare contro la situazione di queste strutture.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile