20minuten
BERNA / INDIA
01.04.20 - 06:090
Aggiornamento : 07:46

«Mi sento come se fossi in prigione»

La 36enne Mona Seiler è bloccata in India. E non sa quando potrà tornare in Svizzera.

BERNA - A metà marzo Mona Seiler ha iniziato a sospettare per la prima volta che le sue vacanze in India avrebbero potuto finire in modo spiacevole: «Eravamo sull'isola di Neil, quando è arrivata la polizia e ci ha detto di tornare nel nostro ostello perché la spiaggia era stata chiusa a causa del coronavirus», racconta la 36enne a 20 Minuten.

Pochi giorni dopo qualcuno bussa alla sua porta. È di nuovo la polizia. «Ci hanno chiesto di essere sulla spiaggia alle 6 del mattino seguente. E che saremmo stati portati via da lì». Temendo che il simpatico proprietario dell'ostello potesse essere multato o addirittura arrestato, Mona e i suoi compagni di viaggio acconsentono al trasferimento. «La polizia ci stava già aspettando al porto, siamo stati ripresi, fotografati e trattati in modo molto scortese. È stato fastidioso».

Alla domanda sul perché dovessero lasciare l'isola, la risposta è stata che si trattava di prassi comune: «Non appena vi è una minaccia imminente, come può essere uno tsunami, portano tutti i turisti via dall'isola in modo che il cibo sia sufficiente per la gente del posto».

Sorvegliati con fucili e manganelli - Un traghetto a quel punto porta i turisti a Port Blair. Lì ci sono due autobus in attesa, pronti a trasferire il gruppo di circa 30 persone in aeroporto. «A destinazione siamo stati lasciati sotto il sole cocente, non ci è stato permesso di scendere dai bus e non ci è stato detto cosa fare», racconta la donna. La polizia era lì a sorvegliarli con fucili e manganelli. Solo diverse ore dopo i turisti sono stati scortati in aeroporto, uno alla volta, e Mona ha potuto comprare un biglietto per Chennai.

Una volta giunta a destinazione, però, nessuno è stato in grado di dirle come comportarsi. «Ci è stato chiesto di lasciare l'aeroporto, ma ci hanno detto che nessun ostello ci avrebbe accettati per paura d'incontrare potenziali infetti». Qualcuno nel gruppo ha trovato un alloggio, ma i prezzi erano alle stelle. Anche i tassisti se ne sono approfittati».

Al nuovo ostello, la segregazione si è fatta ancora più rigida: «Possiamo uscire solo dalle 9:00 alle 13:00. Molti negozi non ci fanno più entrare. Chiunque ci venda qualcosa lo fa con riluttanza e raddoppia il prezzo del cibo o delle sigarette. Le persone per strada a volte ci trattano come lebbrosi, mi sento come se fossi in prigione».

Mona, in tutto questo caos, riesce a prenotare un volo per Zurigo tramite la piattaforma eSky. L'aereo avrebbe dovuto partire alle 4:00 di martedì mattina. Un giorno prima della partenza, apprende tramite l'app Flightradar24 che il volo è stato cancellato. «Non ho ricevuto alcuna informazione dalla compagnia aerea. Se non mi fossi informata, sarei stata da sola in aeroporto alle 4 del mattino e non avrei potuto chiamare nessuno», afferma la viaggiatrice.

«Non so quando posso tornare» - Anche il tentativo di raggiungere l'ambasciata svizzera a Mumbai non ha avuto successo. «Risponde la segreteria telefonica. Le e-mail ricevono una risposta automatica».

Seiler spera che il DFAE risponda presto: «Temo di dover tornare a casa da sola». Video da altre parti dell'India la spaventano: «si vedono folle di persone che urlano e lanciano pietre e torce mentre la polizia attacca con dei bastoni. La possibilità di assistere in prima persona a scene del genere è reale e ho paura».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
2 ore
Il neonato è morto di coronavirus?
Il piccolo è risultato positivo al virus, ma sarebbe morto a causa di una grave malattia neurologica
ZURIGO
3 ore
Swiss non segue le raccomandazioni per il Covid
Se mostri sintomi da Coronavirus, dovresti poter riprenotare il volo o ottenere un rimborso.
ZURIGO
7 ore
Rubava carte di credito agli anziani, e si comprava di tutto
È arrivata a spendere fino a 10.000 franchi
SVIZZERA
8 ore
Weight Watchers, saltano oltre 100 posti di lavoro
L'obiettivo dell'azienda è di riorientare verso l'online i propri servizi. Secondo Unia, è una misura «brutale»
SVIZZERA
9 ore
Soldati "congedati" nell'operazione Covid-19
Hanno svolto 280 incarichi in tutta la Svizzera. 5'000 militari, 300mila giorni di servizio
SVIZZERA
9 ore
Richiamo per un lotto del farmaco Algifor Liquid Caps
Le confezioni coinvolte contengono un altro medicinale e verranno sostituite gratuitamente
BERNA
11 ore
Kuster: «Morto il primo bambino contagiato da Coronavirus»
I dati odierni: «32 nuovi casi. Il numero più alto della settimana»
SVIZZERA
13 ore
La crisi affligge anche il cioccolato, licenziamenti da Läderach
La chiusura dei negozi e l'assenza di turisti hanno pesato molto sul fatturato dell'azienda
BERNA
14 ore
Duplice omicidio di Spiez: «L'autore sarà internato»
Nel 2013 l'uomo uccise barbaramente il direttore di un istituto pedagogico minorile e la sua compagna.
ZURIGO
14 ore
«Segnalare un problema non è tradimento»
Il Cda dell'ospedale universitario ha deciso di creare una struttura esterna per proteggere i dipendenti che denunciano.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile