Archivio Keystone
SVIZZERA
29.03.20 - 22:000
Aggiornamento : 30.03.20 - 07:57

«Chi ha questi anticorpi, potrebbe tornare al lavoro»

Diversi paesi (tra cui la Svizzera) intendono scoprire chi ha superato la malattia senza saperlo

Per questo motivo si pensa a una serie di test a tappeto

BERNA - Ci sono malati Covid-19 che presentano sintomi, anche gravi. Altri che invece contraggono il virus, ma non se ne rendono nemmeno conto. Per questo motivo paesi come l'Austria, la Germania e la Gran Bretagna stanno pianificando l'utilizzo a tappeto di test per l'identificazione degli anticorpi. E in questa direzione sta andando anche la Svizzera.

Una scelta che per molti potrebbe rappresentare una speranza. In quanto - questa è l'idea di fondo - le persone positive agli anticorpi del nuovo coronavirus potrebbero verosimilmente riprendere a intrattenere dei contatti sociali e tornare al lavoro. E nell'assistenza di pazienti Covid-19, non dovrebbero temere un contagio.

In Svizzera i primi test potrebbero essere effettuati già nel corso della prossima settimana, come ha detto sabato Daniel Koch dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Secondo il Tages Anzeiger, dei kit per l'esecuzione delle analisi in questione starebbero arrivando nei laboratori elvetici.

Si tratta d'individuare le immunoglobuline G e A. «Chi presenta questi due anticorpi, molto probabilmente è immune e potrebbe tornare a condurre una vita normale» spiega Beda M. Stadler, emerito d'immunologia all'Università di Berna.

Non è chiaro quanti test saranno disponibili. Ma sempre secondo il quotidiano zurighese, si intenderebbe fare capo a più fornitori che potrebbero fornire anche diverse migliaia di test alla settimana.

E si tratta anche di un passo importante per la ricerca, in quanto con questo strumento sarebbe possibile fare una stima delle persone che hanno contratto il virus senza presentare sintomi. In questo modo sarebbe anche possibile calcolare con maggior precisione il tasso di mortalità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Predatori, inquilini, stranieri: le votazioni negli altri cantoni
In 10 cantoni i cittadini si sono espressi su oggetti locali. Ecco i risultati
SVIZZERA
1 ora
«L'odio e la rabbia non appartengono alla Svizzera»
Quello della Legge Covid «è il miglior risultato mai raggiunto da una legge posta sotto referendum», così Berset.
ZUGO
3 ore
L'albero di natale in macchina, la multa all'autista
L'appello della polizia: «Bisogna fare attenzione che il carico non ostruisca la visuale»
SVIZZERA
6 ore
Camici in aria, approvata l'iniziativa sulle cure infermieristiche
Il risultato è apparso chiaro sin dai primi risultati: è un trionfo dei favorevoli.
SVIZZERA
6 ore
Sorteggio per eleggere i giudici? Niente da fare
Il 68,1% dei cittadini svizzeri ha deciso di mantenere il sistema attuale
SVIZZERA
6 ore
Fine dei giochi, la Legge Covid trionfa con un netto sì
Il 62% degli svizzeri ha approvato il testo. Alto tasso di consensi anche in Ticino.
FOTO
SVIZZERA
7 ore
Palazzo federale blindato per il voto
Misure di protezione mai viste a Berna in vista del voto odierno sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
8 ore
«La nuova variante si diffonderà presto o tardi anche in Svizzera»
Al momento Tanja Stadler non si sbilancia su un'eventuale maggior pericolosità di Omicron.
SVIZZERA
9 ore
«Venga introdotta la regola del 2G»
Nel giorno della votazione sulla Legge Covid-19, sale la pressione sulle persone non vaccinate.
SVIZZERA
11 ore
Vaccino dai cinque anni in su: «Siamo in ritardo»
In Svizzera, contrariamente all'UE, i bambini sotto i 12 anni non possono ancora vaccinarsi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile