Immagine illustrativa
SVIZZERA
27.03.20 - 16:420

Forzava una donna a prostituirsi, va espulso

Per il Tribunale federale la condanna a 33 mesi di carcere della giustizia zurighese non è sufficiente

LOSANNA - Un padre di famiglia iracheno che obbligava una ungherese a prostituirsi deve essere espulso dalla Svizzera: il Tribunale federale (TF) accoglie il ricorso del Ministero pubblico zurighese e rinvia la causa al Tribunale cantonale affinché pronunci l'espulsione dell'uomo dal territorio elvetico.

Il 35enne aveva incontrato nel giugno 2017 una ungherese che veniva regolarmente in Svizzera per prostituirsi. Senza lavoro nel suo Paese, la donna provvedeva così al figlio e alla sua famiglia.

Rendendosi conto della vulnerabilità dell'ungherese, l'iracheno aveva finto di essersene innamorato costringendola rapidamente a prostituirsi dalla mattina alla sera e confiscandole tutti i guadagni. Nel giro di due mesi la donna era sull'orlo del crollo fisico e psicologico.

Espulsione annullata - Il Tribunale distrettuale di Zurigo ha condannato il curdo iracheno a tre anni di reclusione con parziale sospensione per promovimento della prostituzione e ottenimento abusivo di prestazioni sociali. Era stato inoltre espulso per sette anni.

In appello il Tribunale cantonale di Zurigo aveva ridotto la pena a 33 mesi e rinunciato all'espulsione. Aveva ritenuto che ci si trovasse di fronte a un caso di rigore in quanto l'uomo era padre di due bambini minorenni che vivono in Svizzera.

In una sentenza pubblicata oggi, il Tribunale federale annulla tale decisione e ordina ai giudici zurighesi di pronunciare l'espulsione dell'uomo. Per la corte di diritto penale, la presenza dei bambini non è sufficiente a realizzare un caso di rigore particolarmente grave che giustifichi il proseguimento del soggiorno del loro padre.

I giudici federali sottolineano che sebbene l'uomo abbia vissuto circa 20 anni in Svizzera, è divorziato dalla madre dei suoi figli dal 2013. Inoltre non ha alcun obbligo di mantenimento, non ha autorità parentale e vede i suoi figli solo tre giorni al mese.

Osservazioni sprezzanti - Inoltre il Tribunale federale sottolinea le osservazioni sprezzanti espresse dall'uomo durante il processo nei confronti delle persone e delle donne in particolare. Vista l'assenza di scrupoli di cui aveva dato prova nello sfruttamento di una prostituta, la sua presenza non è certo favorevole all'educazione dei figli, sottolinea il TF. In tali circostanze, il bene di questi ultimi non si oppone a una misura di espulsione, precisa il Tribunale federale.

I giudici riconoscono che il ritorno in Iraq del 35enne potrebbe essere difficile. Nello stesso tempo ha la padronanza della lingua e ha ancora una famiglia. Infine non era neppure integrato in Svizzera dove frequentava essenzialmente gli ambienti curdi, dove non ha mai lavorato e dove dipendeva dall'aiuto sociale o dal denaro anticipato da terzi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
16 min
Nuovi approcci per combattere il coronavirus
I ricercatori svizzeri sono al lavoro su nuove piste. Si va da uno spray nasale a un vaccino da somministrare oralmente.
SVIZZERA
51 min
«La Svizzera giri al largo dal Consiglio di sicurezza dell’ONU»
Lorenzo Quadri ha presentato una mozione al Consiglio federale
SVIZZERA
1 ora
La delusione dei vaccinati
Le misure anti-Covid proposte da Berna toccano tutti. Secondo i politici, questo inciderà sul morale dei cittadini
SVIZZERA
1 ora
Omicron: anche i vaccinati devono fare la quarantena
Il motivo? «Una misura precauzionale finché non ne sappiamo di più», spiegano dall'Ufficio federale di Sanità Pubblica
SVIZZERA
1 ora
400 km in sella a favore dei malati di Parkinson
I responsabili del progetto "Temperature in sella" hanno donato 10'000 franchi all'Associazione Parkinson Svizzera
SVIZZERA
14 ore
Misure anti-Covid, i Cantoni si fanno sentire
Tra i contrari anche il Ticino, che boccia anche l'idea dei test nelle scuole.
SVIZZERA
16 ore
Tre morti in A3: condannato per omicidio intenzionale
Una manovra folle è costata cara a un 47enne alla guida di una Porsche. Ma ancora di più alle sue vittime
SVIZZERA
18 ore
Così Netflix spenna gli svizzeri
Lo streaming costa anche il 30 per cento in più rispetto ai paesi limitrofi. Ma c'è un modo per pagare meno
ZURIGO
20 ore
Le cure intense zurighesi sono piene
All'ospedale universitario è stato raggiunto un tasso di occupazione del 98%
SVIZZERA
20 ore
Si apre il mese con oltre 10mila casi e 22 decessi
Tensione a livello ospedaliero: i pazienti Covid occupano ora il 27% dei letti di cure intense.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile