Deposit
BERNA
26.03.20 - 09:310

636 reclami contro tv e radio. Evasi 35 reclami

Criticate le trasmissioni informative e di attualità. Un caso di discriminazione sessuale

BERNA - Quando una trasmissione televisiva o radiofonica esprime dei contenuti che urtano la tua sensibilità, hai due possibilità: o spegni oppure fai un reclamo. Lo scorso anno ci sono stati 636 reclami contro trasmissioni tv/radio in tutta la Svizzera. Di questi, trenta sono sfociati in un ricorso davanti all’Autorità indipendente di ricorso in materia radiotelevisiva (AIRR).  Diciannove hanno interessato la regione di lingua tedesca, 3 quella di lingua francese e 8 quella di lingua italiana. 25 ricorsi riguardavano contenuti della SSR e 5 contenuti di emittenti private. In genere si ricorre molto di piu per le trasmissioni televisive (24 casi) rispetto a quelle radiofoniche (3 casi).

Le critiche - I ricorsi concernevano soprattutto notiziari e altre trasmissioni informative. L’attenzione si è concentrata su servizi riguardanti temi attuali come diverse indagini penali, i cambiamenti climatici, la legislazione sulle armi, la protezione dei consumatori, i costi delle cure, la cannabis, la violenza domestica, l’eutanasia, i conflitti in Catalogna e in Medio Oriente come pure i partiti e le imprese. La maggior parte delle critiche riguardava la presentazione errata o incompleta dei fatti oppure la realizzazione di un servizio in modo unilaterale, tendenzioso e non equilibrato.

Discriminazione sessuale - L’AIRR ha accolto per la prima volta un ricorso per violazione del divieto di discriminazione. Il ricorso in questione verteva sulla rappresentazione stereotipata di una donna nel contesto delle trasmissioni di Televisione SRF diffuse durante il campionato mondiale di calcio del 2018. La sequenza contestata ha ridotto una donna tifosa di calcio alle sue caratteristiche sessuali secondarie. Il contesto umoristico non ha relativizzato il carattere sessista della sequenza.

In Ticino - L’AIRR ha inoltre accertato anche per altri due ricorsi una violazione del principio della corretta presentazione di fatti e avvenimenti. Essi riguardavano, da un lato, un articolo online di RSI concernente un decreto di accusa a carico di una giurista italiana (“Si spacciava per avvocata”), dall’altro, un servizio della trasmissione sui consumi “Kassensturz” di Televisione SRF su un “capo pedante” e la sintesi online dello stesso.

Cos'è l’Autorità indipendente di ricorso in materia radiotelevisiva (AIRR)?

L'AIRR, che esiste dal 1984, è una commissione extraparlamentare della Confederazione, di cui fanno parte 9 membri che esercitano la loro funzione a titolo accessorio e una segreteria composta da 3 persone. La commissione è presieduta da Mascha Santschi Kallay, avvocato e consulente in comunicazione. L'AIRR accerta, su ricorso, se i contenuti delle trasmissioni radiotelevisive diffuse da emittenti svizzere o i contenuti dell'ulteriore offerta editoriale della SSR (offerte online, teletext, ecc.) violano le disposizioni concernenti il contenuto redazionale pubblicato. Tali disposizioni riguardano in particolare i principi dell'informazione in materia radiotelevisiva, di cui il principio della corretta presentazione di fatti e avvenimenti ed il principio della pluralità, la protezione dei giovani e il rispetto dei diritti fondamentali, tra cui il divieto di discriminazione o il rispetto della dignità umana. Inoltre l'AIRR ha il compito di valutare se il rifiuto di accordare l'accesso a un programma radiotelevisivo o a un altro contenuto è illegale. Le basi giuridiche sono definite all’art. 93 della Costituzione federale, nella legge federale sulla radiotelevisione e nel diritto internazionale rilevante. Le deliberazioni dell’AIRR sono pubbliche et la procedura di ricorso è in principio gratuita per le parti. Le decisioni dell'Autorità di ricorso possono essere impugnate innanzi al Tribunale federale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
fromrussiawith<3 1 anno fa su tio
se fosse solo questo il problema, i media svizzeri e ticinesi sono altamente politicizzati, fintanto che la mano del governo, dei partiti politici, dei gruppi di interesse non mollano la presa sui media e lasciano che i media propongono giornalismo imparziale non ci sarà giornalismo di qualità. Molti attivisti stanno lavorando per cambiare le leggi che favoriscono il giornalismo di parte, che disinforma gonfiando una parte della verità e occultando tutto il resto. Questo succede in quasi tutti i media Ticinesi, e a differenza degli stati uniti, in Ticino i media conservatori che offrono l'altra parte della verità sono praticamente assenti. Ho inviato centinaia di articoli ticinesi in giro per il mondo per fare un confronto di come in Ticino/Svizzera viene esposta la verità (alcuni allucinanti di come sono fuorvianti e inaccurati), in particolari articoli sull'ambiente, razzismo, America e Trump... il vero "male" del Ticino è il nostro giornalismo di parte. Un giorno, presto spero, non sarà più così, una volta che si è riusciti a dimostrare la pericolosità del giornalismo di parte, ben più pericoloso e dannoso delle fake news
Mag 1 anno fa su tio
E' difficile fare servizi corretti, completi e realmente informativi (a 360°) se queste non sono le prerogative con cui si fanno i servizi. A buon intenditor ...
miba 1 anno fa su tio
Ma roba da matti.....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Certificato dei guariti, una strategia di Berna in vista del voto?
I guariti avranno più facilmente diritto al Covid-pass, e si inizia a parlare di una prossima revoca dell’obbligo.
FRIBORGO
3 ore
Scuola elementare vandalizzata da due 14enni
I danni superano i 100mila franchi. I due autori verranno denunciati al Tribunale dei minorenni.
SVIZZERA
3 ore
«Non è la vaccinazione a dividerci, è la pandemia»
Conferenza stampa con Alain Berset e Lukas Engelberger. Tra i temi trattati, la settimana nazionale di vaccinazione.
SVIZZERA
5 ore
I contagi curvano verso l'alto
Altri 1478 positivi in Svizzera. Continua il trend al rialzo. Il bollettino dell'UFSP
SVIZZERA
5 ore
Crediti Covid, gli hacker rubano 130mila nomi
EasyGov sotto attacco da parte dei pirati informatici. Un enorme furto di dati
BASILEA
8 ore
Gli hacker colpiscono ancora, questa volta il Gruppo MCH
Si tratta della società che organizza eventi come Art Basel e Basel World.
SVIZZERA
10 ore
Tempesta invernale Oltralpe: venti fino a 130 km/h
La depressione è stata ribattezzata "Aurore" da Météo-France e "Hendrik" dall'Università libera di Berlino
SVIZZERA
10 ore
Alcol al volante? «Tolleranza zero»
Ci sta pensando il Parlamento dell'Unione europea. Ma la proposta trova sostenitori anche nel nostro paese
SVIZZERA/AUSTRIA
18 ore
La Lamborghini finisce nel lago (e la polizia ride)
Un automobilista elvetico protagonista di una manovra rocambolesca in Austria.
FOTO
ZURIGO
22 ore
Berset contestato fuori dall'Uni
Questa sera a Zurigo diverse persone hanno manifestato contro l'obbligo di certificato per accedere alle lezioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile