Archivio Keystone
SVIZZERA
25.03.20 - 12:150

Materiale di protezione ancora bloccato alla frontiera

La SECO è al corrente della situazione ed è in contatto con aziende e paesi interessati

BERNA - Le forniture di materiale da protezione per il coronavirus dirette in Svizzera sono ancora bloccate in Francia e Germania. Questo nonostante l'indicazione dell'Unione europea di lasciare transitare questa merce verso gli Stati AELS, fra i quali la Svizzera.

Secondo quanto riferiscono oggi le testate di CH-Media, un fornitore francese ha spiegato che il blocco delle esportazioni è ancora in vigore e che per tale motivo non escono maschere sanitarie dal suo magazzino di Lione. Anche in Germania tutto sembra bloccato.

La Segreteria di Stato dell'economia (SECO) è al corrente della situazione, ha dichiarato a Keystone-ATS. È in contatto con le aziende e i paesi interessati e lavora a pieno regime per risolvere il problema.

Oltre all'importanza del materiale, è fondamentale per l'economia che il commercio continui a funzionare, ha sottolineato ancora la SECO.

Solo venerdì scorso il ministro dell'economia Guy Parmelin aveva parlato di uno spiraglio per le forniture del materiale in arrivo dall'Unione europea. Bruxelles aveva intimato ai paesi membri di non bloccare il materiale diretto agli Stati aderenti all'Associazione europea di libero scambio (AELS).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
L'industria degli eventi si prepara alle restrizioni
La regola delle 2G piace alle discoteche. A Zurigo un concerto punk-rock aggiunge il requisito del test antigenico
ZURIGO
9 ore
Quanto è pericolosa Omicron?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
SVIZZERA
15 ore
Omicron, chiudono i voli diretti con l'Africa australe
La decisione comunicata in serata, dopo l'emergenza della nuova variante, è valida a partire dalle ore 20 di oggi.
BERNA
16 ore
Dopo Pfizer anche Moderna mette il booster
Intanto l'Ufsp raccomanda la dose di richiamo per tutti. La spiegazione: «Migliora la protezione e frena la diffusione»
SVIZZERA/CINA
17 ore
La missione di Cassis non decolla
Il consigliere federale ticinese dovrà tornare in patria a seguito del guasto all'aereo. «Cercheremo una nuova data»
SVIZZERA
17 ore
Vaccino ed effetti collaterali: in Svizzera 10'386 casi
Il 65% delle notifiche è stato classificato come non serio. I preparati impiegati nel nostro paese restano sicuri
SVIZZERA
18 ore
Mascherine, certificati e booster: nuove misure a Berna, Sciaffusa e Uri
Dopo che il Governo federale ha rinunciato a un inasprimento dei provvedimenti, altri Cantoni si sono attivati
SVIZZERA
19 ore
Anche oggi più di ottomila contagi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono stati effettuati 106 nuovi ricoveri per Covid
SVIZZERA
20 ore
Nuova variante: l'Ufsp non si scompone
Per il momento la Svizzera non prende nessuna misura. «Monitoriamo la situazione»
SVIZZERA/RUSSIA
21 ore
Guasto tecnico all'aereo di Cassis
Atterraggio imprevisto per il jet che stava trasportando il consigliere federale in Cina. E non è la prima volta
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile