Immobili
Veicoli
Keystone
«Le misure previste sono ben ragionate» (immagine generica)
ZURIGO
24.03.20 - 00:160
Aggiornamento : 00:56

Coronavirus: medici e infermieri in corsia anche con tosse e raffreddore

Le comuni raccomandazioni conoscono eccezioni per i sanitari: «Abbiamo bisogno di tutte le braccia disponibili».

ZURIGO - Secondo le autorità sanitarie, alla comparsa di tosse, mal di gola, affanno, febbre o dolori muscolari ma anche di mal di testa, sintomi gastrointestinali, congiuntivite o raffreddore, i cittadini dovrebbero mettersi in autoisolamento a casa per 10 giorni. Questi sono infatti i possibili sintomi del Covid-19 ed evitare completamente contatti con altri quando compaiono permetterebbe di scongiurare un contagio.  

Tale regola, però, non vale per forza per chi lavori in ospedale. Come si legge in un foglio informativo distribuito al personale del Waid und Triemli e riportato da 20 Minuten, infatti, ai dipendenti del nosocomio zurighese è richiesto di presentarsi al lavoro anche con tosse, raffreddore e mal di gola lievi ma senza febbre. La postilla: evitare contatti con i pazienti e altre persone all’interno della struttura e portare sempre una mascherina. Una volta a casa, invece, l'invito è a seguire le regole dell’autoisolamento come il resto della popolazione. 

«Non ha senso condurre test per ogni tipo di tosse o naso che cola», sottolinea Tobias Faes, il direttore marketing dell’ospedale. «Molta gente ha tosse nervosa, allergia ai pollini o altro», spiega. Il tampone, precisa, è riservato ai collaboratori che abbiano chiari sintomi d'infezione da coronavirus.

La pratica sembra seguita da altri nosocomi. «In una simile situazione di crisi ogni ospedale deve ponderare le cose: se molti collaboratori rimangono assenti, l’assistenza a pazienti gravemente malati potrebbe venire meno», afferma per esempio il direttore marketing e comunicazione dell’Ospedale universitario di Basilea, Thomas Pfluger. «Le misure previste sono ben ragionate e vengono regolarmente valutate», aggiunge.

Josef Widler, presidente della Società dei medici del Canton Zurigo, è di avviso simile: «Ora abbiamo bisogno di tutte le braccia disponibili in corsia», afferma. «Se tutti gli ospedali lasciassero a casa ogni collaboratore per un raffreddore, il sistema sanitario collasserebbe», aggiunge.

Questa impostazione, però, non piace a tutti coloro che sono "al fronte": «Chi si sente malato dovrebbe restare a casa», lamenta un'infermiera che vuole restare anonima. «Nessuno può aspettarsi che mettiamo in pericolo la nostra salute per una situazione per la quale non siamo responsabili», aggiunge. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
18 min
Nelle cure intense elvetiche ci sono 44 pazienti Covid
In Svizzera nell'ultima settimana sono stati accertati 10'788 casi, 12 decessi e 150 ricoveri
FOTO
GLARONA
1 ora
Il camion si ribalta, ferito un 22enne
Il braccio dell'autogru ha fatto rovesciare il mezzo.
SVIZZERA
3 ore
Gli svizzeri chiedono di tagliare l'imposta sulla benzina
È quanto emerge da un sondaggio rappresentativo di 20 minuti e Tamedia. Un gruppo di lavoro sta cercando soluzioni
SVIZZERA
5 ore
Sempre più svizzeri faticano ad arrivare a fine mese
Caritas chiede aiuti statali più sostanziosi per i nuclei familiari fragili.
SVIZZERA
5 ore
Mountain bike: «Il casco da solo non basta»
In Svizzera, ogni anno, 400 bikers si feriscono gravemente e quattro-cinque persone perdono la vita.
SVIZZERA
7 ore
Criminali espulsi dalla Svizzera? Oltre il 40% resta
Sono molti i rinvii revocati dal Ministero pubblico o dai giudici.
SVIZZERA
9 ore
Uno svizzero su tre non intende donare gli organi
Con la nuova legge sui trapianti, saranno tutti donatori. Il 36% dei cittadini vuole dichiarare di rifiutare l'espianto
SVIZZERA
19 ore
Dalla fine di maggio, più posti per gli ucraini
Per sette mesi saranno disponibili 250 alloggi in più nell'ex ospedale di Flawil
ARGOVIA
20 ore
Stessa sorte per aggressore e aggredito
La sparatoria avvenuta il 30 ottobre 2020 dopo un tentato furto a un negozio d'armi di Wallbach è a un punto di svolta.
VALLESE
21 ore
Ha sbranato 28 animali: ordinato l'abbattimento di un lupo
L'animale si aggira nell'Alto Vallese, fra i comuni di Ergisch e Unterbäch.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile