tipress (archivio)
BERNA
18.03.20 - 15:380

Coronavirus: salta anche il voto del 17 maggio

I termini per la raccolta delle firme e di trattazione concernenti le iniziative popolari e i referendum saranno sospesi

BERNA - Il Consiglio federale ha deciso di non svolgere la votazione popolare federale indetta per il prossimo 17 maggio 2020. I provvedimenti necessari per contenere il COVID-19 stanno avendo un impatto anche sui diritti politici, e più in particolare sull’organizzazione e sullo svolgimento delle votazioni.

«Il regolare svolgimento di una votazione popolare presume, oltre all’organizzazione della votazione in senso stretto (gli aspetti logistici, il voto e l’accertamento dei risultati), la libera formazione dell’opinione (art. 34 Cost.). Gli aventi diritto di voto devono poter decidere con cognizione di causa, il che implica anche lo svolgimento di campagne sugli oggetti in votazione. In questo contesto, oltre al Consiglio federale, tenuto per legge a informare i cittadini, svolgono un ruolo determinante gli attori della società civile (tra cui partiti, comitati, associazioni, ONG) e i media. A causa dell’epidemia di COVID-19 le manifestazioni informative e gli eventi pubblici sono vietati; i partiti e gli altri attori politici non possono quindi svolgere le assemblee in cui avrebbero preso posizione sui temi in votazione», viene sottolineato dal Governo federale.

Già in passato - Già nel 1951 il Consiglio federale aveva annullato un intero scrutinio dato che un’epidemia di afta epizootica non avrebbe permesso il regolare svolgimento della votazione popolare in numerosi Cantoni.

Votazioni rinviate in data da destinarsi - Le votazioni sull’iniziativa popolare del 31 agosto 2018 «Per un’immigrazione moderata (Iniziativa per la limitazione) », sulla modifica del 27 settembre 2019 della legge federale sulla caccia e la protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici (Legge sulla caccia, LPC) nonché sulla modifica del 27 settembre 2019 della legge federale sull’imposta diretta (LIFD) (Trattamento fiscale delle spese per la cura dei figli da parte di terzi) sono rinviate in data da destinarsi. Il Consiglio federale deciderà in linea di massima entro la fine di maggio se mantenere l’appuntamento alle urne del 27 settembre 2020 e quali oggetti porre in votazione.

Il Consiglio federale prevede la sospensione dei termini concernenti iniziative popolari e referendum - Il Consiglio federale ha inoltre deciso di sospendere per un periodo di tempo limitato i termini legali e costituzionali per la raccolta delle firme e di trattazione concernenti iniziative popolari e referendum federali. In questo modo intende tener conto in particolare del fatto che le necessarie limitazioni imposte alla libertà di riunione e di movimento rendono pressoché impossibile la raccolta di firme su suolo pubblico. Inoltre, l’iniziativa popolare del 10 ottobre 2016 «Per imprese responsabili – a tutela dell’essere umano e dell’ambiente» (il cui termine di trattazione scade il 10 aprile) non ha potuto essere sottoposta alla votazione finale delle Camere federali poiché la sessione primaverile è stata interrotta anzitempo. L’inizio e la durata della sospensione dei termini così come altri dettagli in merito saranno disciplinati in un’ordinanza del Consiglio federale.

Raccomandazione urgente ai Cantoni e ai Comuni - Il Consiglio federale ritiene che i Cantoni di Appenzello Interno e Glarona abbiano agito correttamente decidendo di posticipare lo rispettive Landsgemeinde. Altrove ci si interroga anche sullo svolgimento delle assemblee comunali. Il divieto di cui all’articolo 6 dell’ordinanza 2 sui provvedimenti per combattere il coronavirus (Ordinanza 2 COVID-19) si applica in linea di principio anche alle assemblee politiche. L’autorità cantonale competente ha però la facoltà di autorizzare deroghe. Il Consiglio federale ritiene che le disposizioni previste all’articolo 7 dell’ordinanza 2 COVID-19 debbano essere interpretate nel modo più restrittivo possibile e raccomanda quindi espressamente ai Cantoni di concedere deroghe solo se assolutamente necessario.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
2 min
Mascherine e certificato anche nel 2022?
Mascherine fino al 2022 inoltrato e certificato Covid per ristoranti ed eventi al coperto.
SVIZZERA
3 ore
In molti lo temono, in pochi sono disposti a rinunciarci
Il 5G è un argomento sempre caldo, ma il popolo non sembra pronto a separarsi dalla tecnologia di cui fa uso ogni giorno
FRIBURGO
9 ore
Test PCR davanti a una telecamera
Friburgo sta valutando la possibilità di effettuare la procedura tramite videosorveglianza.
BERNA
10 ore
Quest'uomo fa entrare in casa sua solo persone non vaccinate
Solo inquilini "no vax" nell'appartamento di un bernese
NEUCHÂTEL
15 ore
Porta i soldi trovati in Polizia e in cambio non chiede (quasi) nulla
La Polizia neocastellana ha reso noto su Facebook il gesto «da sottolineare» di un cittadino.
SVIZZERA
15 ore
Il costo dei non vaccinati? Venti milioni di franchi al mese
Soltanto durante il mese di luglio, in tutta la Svizzera sono stati effettuati 420'000 test
BERNA
16 ore
Un neonato lasciato all'apposito sportello
Oggi esistono otto installazioni di questo genere, una di queste in Ticino.
SVIZZERA
17 ore
I dipendenti della Confederazione? Sempre di più e meglio pagati
I salari sono ormai in linea con quelli del settore bancario, secondo un'inchiesta della NZZ
SVIZZERA / BELLINZONA
19 ore
Chiesti 4 anni per l'ex quadro della SECO
L'uomo è accusato di corruzione passiva.
SVIZZERA
19 ore
Si rimane sopra i mille contagi
L'UFSP ha registrato due nuovi decessi dovuti al coronavirus (le infezioni sono 1'033). I nuovi ricoveri sono 35.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile