tipress (archivio)
BERNA
18.03.20 - 15:380

Coronavirus: salta anche il voto del 17 maggio

I termini per la raccolta delle firme e di trattazione concernenti le iniziative popolari e i referendum saranno sospesi

BERNA - Il Consiglio federale ha deciso di non svolgere la votazione popolare federale indetta per il prossimo 17 maggio 2020. I provvedimenti necessari per contenere il COVID-19 stanno avendo un impatto anche sui diritti politici, e più in particolare sull’organizzazione e sullo svolgimento delle votazioni.

«Il regolare svolgimento di una votazione popolare presume, oltre all’organizzazione della votazione in senso stretto (gli aspetti logistici, il voto e l’accertamento dei risultati), la libera formazione dell’opinione (art. 34 Cost.). Gli aventi diritto di voto devono poter decidere con cognizione di causa, il che implica anche lo svolgimento di campagne sugli oggetti in votazione. In questo contesto, oltre al Consiglio federale, tenuto per legge a informare i cittadini, svolgono un ruolo determinante gli attori della società civile (tra cui partiti, comitati, associazioni, ONG) e i media. A causa dell’epidemia di COVID-19 le manifestazioni informative e gli eventi pubblici sono vietati; i partiti e gli altri attori politici non possono quindi svolgere le assemblee in cui avrebbero preso posizione sui temi in votazione», viene sottolineato dal Governo federale.

Già in passato - Già nel 1951 il Consiglio federale aveva annullato un intero scrutinio dato che un’epidemia di afta epizootica non avrebbe permesso il regolare svolgimento della votazione popolare in numerosi Cantoni.

Votazioni rinviate in data da destinarsi - Le votazioni sull’iniziativa popolare del 31 agosto 2018 «Per un’immigrazione moderata (Iniziativa per la limitazione) », sulla modifica del 27 settembre 2019 della legge federale sulla caccia e la protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici (Legge sulla caccia, LPC) nonché sulla modifica del 27 settembre 2019 della legge federale sull’imposta diretta (LIFD) (Trattamento fiscale delle spese per la cura dei figli da parte di terzi) sono rinviate in data da destinarsi. Il Consiglio federale deciderà in linea di massima entro la fine di maggio se mantenere l’appuntamento alle urne del 27 settembre 2020 e quali oggetti porre in votazione.

Il Consiglio federale prevede la sospensione dei termini concernenti iniziative popolari e referendum - Il Consiglio federale ha inoltre deciso di sospendere per un periodo di tempo limitato i termini legali e costituzionali per la raccolta delle firme e di trattazione concernenti iniziative popolari e referendum federali. In questo modo intende tener conto in particolare del fatto che le necessarie limitazioni imposte alla libertà di riunione e di movimento rendono pressoché impossibile la raccolta di firme su suolo pubblico. Inoltre, l’iniziativa popolare del 10 ottobre 2016 «Per imprese responsabili – a tutela dell’essere umano e dell’ambiente» (il cui termine di trattazione scade il 10 aprile) non ha potuto essere sottoposta alla votazione finale delle Camere federali poiché la sessione primaverile è stata interrotta anzitempo. L’inizio e la durata della sospensione dei termini così come altri dettagli in merito saranno disciplinati in un’ordinanza del Consiglio federale.

Raccomandazione urgente ai Cantoni e ai Comuni - Il Consiglio federale ritiene che i Cantoni di Appenzello Interno e Glarona abbiano agito correttamente decidendo di posticipare lo rispettive Landsgemeinde. Altrove ci si interroga anche sullo svolgimento delle assemblee comunali. Il divieto di cui all’articolo 6 dell’ordinanza 2 sui provvedimenti per combattere il coronavirus (Ordinanza 2 COVID-19) si applica in linea di principio anche alle assemblee politiche. L’autorità cantonale competente ha però la facoltà di autorizzare deroghe. Il Consiglio federale ritiene che le disposizioni previste all’articolo 7 dell’ordinanza 2 COVID-19 debbano essere interpretate nel modo più restrittivo possibile e raccomanda quindi espressamente ai Cantoni di concedere deroghe solo se assolutamente necessario.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
24 min
Telecamere nascoste per stanare il ladro di monete
Le ha installate Migros in una filiale bernese. Ma ora la giustizia ha scagionato il collaboratore accusato di furto
SVIZZERA
9 ore
Giovani, chiedetevi: «Devo veramente andare a quella festa?»
È l’appello del capo delle emergenze dell’Oms, Mike Ryan
SVIZZERA
13 ore
«Automobile al sole: una trappola mortale». Parola del TCS
Qualche consiglio utile per evitare brutte sorprese in questi giorni di canicola
OBVALDO
14 ore
Titlis: boom di turisti elvetici, ma non è sufficiente
Gli impianti di risalita sono presi d'assalto, ma manca comunque circa il 70% dei visitatori
SVIZZERA / LIBANO
14 ore
Nessun aiuto svizzero al Governo libanese
Gli aiuti andranno direttamente alla popolazione, tramite la Croce Rossa
SVIZZERA
16 ore
Anche Berna, Argovia e Turgovia chiedono le liste degli arrivi a Kloten
Il canton Zurigo ha iniziato mercoledì a raccogliere questi dati per verificare il rispetto dell'obbligo di quarantena.
SVIZZERA
17 ore
Mascherine a scuola? Le diverse soluzioni dei Cantoni
Tra obbligo di mascherina e distanze di sicurezza, i Cantoni si preparano per il rientro a scuola
SVIZZERA
17 ore
Finanziamento di due progetti per il Covid
Il primo riguarda l'analisi sierologica, il secondo è un apparecchio portatile per una rapida identificazione del virus
SVIZZERA
18 ore
Mascherine monouso o di stoffa: quali utilizzare?
L'Ufficio federale della sanità le raccomanda entrambe, a meno che si abbiano dei sintomi
SVIZZERA
19 ore
Altri 161 casi, otto ricoveri e tre decessi
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 36'269. I decessi sono 1'712.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile