deposit
SVIZZERA
14.03.20 - 14:010

Le stazioni sciistiche «devono chiudere»

Lo ribadisce l'Ufficio federale di sanità. Perché alcuni impianti sembrano non averlo capito

BERNA - Constatando che in numerose stazioni sciistiche gli impianti continuano a funzionare anche oggi, l'Ufficio federale della sanità pubblica mette i puntini sulle i: l'ordinanza emanata ieri dal Consiglio federale, che tra l'altro vieta con effetto immediato eventi con oltre 100 persone, riguarda anche strutture ricreative per gli sport invernali.

«Il Consiglio federale mantiene la propria posizione» in questo ambito, si legge in una nota diramata oggi dal'UFSP, che suona come una tirata d'orecchi ai gestori che hanno scelto di far funzionare funivie e impianti di risalita di ogni genere.

In alcuni cantoni, i comprensori sciistici hanno cessato l'attività come prevede l'ordinanza del Consiglio federale; in altri, invece, l'attività è ancora parzialmente possibile. «Le misure introdotte dal Consiglio federale tuttavia sono chiare: esse si applicano dal 13 marzo 2020 anche ai comprensori sciistici», indica la nota.

Il divieto è volto a impedire grandi raduni, riducendo così il rischio di infezione. Le stazioni sciistiche e altre strutture per il divertimento e il tempo libero in cui si trovano più di 100 persone simultaneamente devono essere chiuse, ribadisce l'UFSP. «Se i gestori non possono garantire il rispetto di questo requisito, le stazioni sciistiche devono cessare immediatamente l'attività. L'Ufficio federale della sanità pubblica chiede a coloro che sono ancora aperti di chiudere immediatamente».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora
Irruzione al raduno di bolidi
La polizia ha controllato 160 auto di grossa cilindrata a Dübendorf questa notte, 12 persone denunciate
ZURIGO
3 ore
Due accoltellamenti, fermati otto giovani
È il bilancio di due episodi avvenuti sabato sera nel Canton Zurigo
TURGOVIA
4 ore
Perde il controllo del quad: un ferito grave
Un ventiduenne è stato portato in ospedale a seguito di un incidente a Frauenfeld
SVIZZERA
5 ore
Terza dose? «Swissmedic non è lenta»
L'istituto dipende dalle case farmaceutiche, si difende il direttore Raimund Bruhin
SVIZZERA
5 ore
Il coronavirus pesa sugli ospedali
Nel 2020 bilancio in rosso per la maggior parte delle strutture sanitarie elvetiche
SVIZZERA
5 ore
Engelberger si sbilancia: «La pandemia finirà in primavera»
Il presidente della Conferenza dei direttori della sanità è ottimista, ma a due condizioni
SAN GALLO
5 ore
Un ladro in casa, trovato nascosto nell'armadio
Si era intrufolato in un appartamento. All'arrivo della polizia anziché scappare si è rifugiato nel guardaroba
SVIZZERA
7 ore
«Potremmo dover tornare al lavoro ridotto»
Guy Parmelin si dice preoccupato. Non per il Covid, ma per la crisi delle materie prime
SVIZZERA
8 ore
«Il turismo rischia grosso»
Legge Covid: le associazioni di categoria compatte verso il voto del 28 novembre
SVIZZERA/SPAGNA
8 ore
L'eruzione, l'evacuazione e la casa travolta. Una zurighese a La Palma
Trasferitasi da Zurigo a La Palma, una 38enne ha vissuto in prima persona la perdita della casa dei sogni
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile