Keystone
Boris Zürcher, direttore della Direzione del lavoro presso la Seco
SVIZZERA
09.03.20 - 10:230

Coronavirus, parecchie aziende chiedono il lavoro ridotto

In febbraio erano state solo 18 le società a usufruire di questa possibilità. Ora sono 75

BERNA - Il coronavirus ha un impatto crescente sull'occupazione in Svizzera. Dall'inizio di marzo, le richieste approvate per il lavoro a orario ridotto sono notevolmente aumentate. Secondo quanto affermato oggi da Boris Zürcher, direttore della Direzione del lavoro presso la Segreteria di Stato dell'economia (SECO), sono state accettate le domande di 75 aziende riguardo 2516 dipendenti.

Il Consiglio federale deciderà durante la settimana in merito alle semplificazioni di questo strumento. Il quadro è completamente cambiato dopo che, alla fine di febbraio, lo stesso governo ha ordinato il divieto a livello nazionale di qualsiasi manifestazione con almeno 1000 persone.

Infatti, in tutto febbraio erano state solo 18 le società, per un totale di 498 dipendenti, ad aver ricevuto una notifica positiva riguardo il lavoro a orario ridotto, ha sottolineato Zürcher nel corso di una conferenza telefonica. L'incremento più significativo registrato da inizio marzo proviene dal canton Zurigo.

Tra i settori più toccati vi sono l'alberghiero e la ristorazione, ma anche servizi tecnici, scientifici e commerciali, oltre ad arte e intrattenimento. Ad aver depositato richieste vi sono anche ad esempio organizzatori di eventi, agenzie di viaggio e artisti, ha puntualizzato Zürcher. Tradizionalmente invece, le domande di lavoro a tempo ridotto concernono ambiti come l'industria meccanica, elettrica e metallurgica.

Zürcher parte dal presupposto che i numeri continueranno a crescere. I Cantoni sono pronti ad approvazioni rapide per accelerare la procedura. All'orizzonte vi potrebbe inoltre essere la riduzione del numero dei giorni d'attesa e del periodo che intercorre tra la notifica preventiva e l'effettiva introduzione del lavoro ridotto. "L'obiettivo è quello di preservare gli impieghi", ha evidenziato l'esperto della SECO.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
9 ore
«Non posso lasciare morire mio figlio»
Danyar ha una rara malattia ereditaria. I medici gli hanno dato tre anni di vita. Ma c'è una possibilità di salvezza.
SVIZZERA
10 ore
La "puntura svizzera" ci guarirà dal Covid?
Il trattamento made in Switzerland finanziato da Novartis: al via la fase di test clinici
VALLESE
14 ore
Incidente aereo: «È stato impressionante»
Tragedia sfiorata oggi pomeriggio in Vallese. E le foto sono a dir poco suggestive
SVIZZERA
15 ore
Il virus rende difficili le vacanze invernali
Il settore turistico elvetico è confrontata con un calo delle prenotazioni: -19% a Natale e -18% a febbraio
SVIZZERA / MONDO
16 ore
Ne uccide di più la sigaretta che il virus
Lo rivela la Lega Polmonare Ticinese nel mese della prevenzione e della promozione della salute polmonare.
ZURIGO
16 ore
Incriminato per un delitto di 23 anni fa
Già in prigione per una brutale rapina, l'uomo dovrà rispondere dell'uccisione di una 87enne a Küsnacht.
FRIBURGO
17 ore
«I residenti sono sempre più depressi e si lasciano morire»
Il grido d'allarme è stato lanciato dalle EMS del canton Friburgo.
ZURIGO
17 ore
A incendiare la chiesa è stato un 15enne
Il minore è stato arrestato. Danni per decine di migliaia di franchi
SVIZZERA
17 ore
Berset ricattato, inchiesta sull'Mpc
L'autorità di vigilanza vuole capire se la Procura federale ha agito correttamente
SVIZZERA
18 ore
Il Covid-19 rallenta pure l'HIV
Con la chiusura di club e bar, ad esempio, le persone hanno avuto meno possibilità di incontrarsi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile