Immobili
Veicoli
tipress
VAUD
05.03.20 - 14:570
Aggiornamento : 16:06

Coronavirus: «Tutti gli svizzeri vi entreranno in contatto»

A sostenerlo è un epidemiologo del Politecnico federale di Losanna

Per l'esperto è dunque fondamentale rallentare il contagio e inasprire le misure di contenimento

LOSANNA - L'epidemia non può probabilmente essere fermata, prima o poi quasi tutta la popolazione svizzera dovrebbe entrare in contatto con il coronavirus: ne è convinto l'epidemiologo Marcel Salathé del Politecnico federale di Losanna (EPFL), secondo cui comunque è fondamentale rallentare il contagio. È quindi da attendersi un inasprimento delle misure di contenimento.

«Guadagnare tempo» - «La cosa più importante ora è guadagnare tempo», afferma Salathé in un'intervista all'agenzia di stampa Keystone-ATS. Da un lato per sviluppare un vaccino e medicine, che potrebbero contenere la diffusione del virus e proteggere i gruppi a rischio; dall'altra, per evitare di sovraccaricare il sistema sanitario.

«Rallentarne la diffusione» - «Non si può lasciare tranquillamente che il virus si diffonda tra la popolazione», sottolinea il ricercatore dell'EPFL, che sul suo canale Twitter argomenta con i numeri. Al giorno d'oggi vi è circa un caso ogni 100'000 abitanti in Svizzera: con una propagazione senza ostacoli si salirebbe in due mesi a circa 500 casi ogni 100'000 abitanti in due mesi. Poiché circa il 5% delle infezioni è critico e richiederebbe il ricovero ospedaliero, 25 persone finirebbero in ospedale. Entro la fine di aprile circa il 5% di tutti i ricoveri sarebbe dovuto al Covid-19 ed entro la fine di maggio una persona su dieci della popolazione svizzera sarebbe infettata: teoricamente tutti i letti d'ospedale sarebbero perciò occupati da pazienti affetti da coronavirus. A quel punto l'epidemia dovrebbe aver raggiunto l'apice. «Questo scenario peggiore deve essere evitato a tutti i costi», afferma Salathé.

«Non è un'influenza stagionale» - L'esperto invita a non banalizzare la situazione. «Chi dice che è come l'influenza stagionale si sbaglia». Il tasso di mortalità è di circa dieci volte superiore; inoltre, a differenza dell'influenza stagionale, non esiste nessun vaccino e nessuna immunità esistente nella popolazione.

«Non sperate nelle temperature calde» - Alcuni sperano in un effetto stagionale, cioè che il numero di infezioni diminuisca con temperature più calde. «Ma questa potrebbe rimanere solo una speranza», mette in guardia lo specialista. Il virus si sta infatti diffondendo anche in regioni calde, come Singapore. L'influenza del fattore meteo rimane comunque difficile da valutare, perché le regioni più calde del mondo hanno anche una diffusione massiccia di climatizzatori, che potrebbero incoraggiare la diffusione del virus.

Secondo Salathé sulla base di simulazioni e dall'analisi di precedenti epidemie è possibile dimostrare che provvedimenti non farmaceutici, come il lavare le mani, il mantenere le distanze e il vietare i grandi eventi contribuiscono effettivamente a rallentare la diffusione della malattia.

Le misure rigorose applicate dalla Cina sono riuscite a rallentare la diffusione del morbo. «Questo sarà un tema importante nei prossimi mesi: l'Europa può fare lo stesso? Molti sono pessimisti e pensano che solo uno stato autoritario come la Cina possa riuscirci». Lo studioso ritiene che i paesi europei possano comunque guadagnare tempo prezioso in questa crisi anche attraverso il coordinamento nazionale e internazionale. Salathé prevede peraltro che i provvedimenti in Svizzera saranno probabilmente intensificati nei prossimi giorni e nelle prossime settimane.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
10 ore
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
FOTO
BERNA
10 ore
Le fiamme divorano la stalla
È il decimo episodio nella zona. Recentemente altri nove incendi avevano toccato le proprietà di alcuni abitanti
SVIZZERA
11 ore
Iperattività da record: in aumento la richiesta di farmaci
Cinque anni fa il 50% di persone in meno veniva trattato con Ritali o principi attivi simili
SVIZZERA
14 ore
Premio alla generosità per il terzo più ricco della Svizzera
Il miliardario 87enne Hansjörg Wyss ha ricevuto oggi il Gallatin Award da parte del consigliere federale Guy Parmelin.
SVIZZERA
17 ore
Nelle cure intense elvetiche ci sono 44 pazienti Covid
In Svizzera nell'ultima settimana sono stati accertati 10'788 casi, 12 decessi e 150 ricoveri
FOTO
GLARONA
18 ore
Il camion si ribalta, ferito un 22enne
Il braccio dell'autogru ha fatto rovesciare il mezzo.
SVIZZERA
20 ore
Gli svizzeri chiedono di tagliare l'imposta sulla benzina
È quanto emerge da un sondaggio rappresentativo di 20 minuti e Tamedia. Un gruppo di lavoro sta cercando soluzioni
SVIZZERA
22 ore
Sempre più svizzeri faticano ad arrivare a fine mese
Caritas chiede aiuti statali più sostanziosi per i nuclei familiari fragili.
SVIZZERA
23 ore
Mountain bike: «Il casco da solo non basta»
In Svizzera, ogni anno, 400 bikers si feriscono gravemente e quattro-cinque persone perdono la vita.
SVIZZERA
1 gior
Criminali espulsi dalla Svizzera? Oltre il 40% resta
Sono molti i rinvii revocati dal Ministero pubblico o dai giudici.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile