Immobili
Veicoli
Keystone
Daniel Koch Capo della Divisione malattie trasmissibili
SVIZZERA
04.03.20 - 13:510
Aggiornamento : 21:05

«Quasi 100 casi, ma nessuno è davvero grave»

L'ha detto il Capo della Divisione malattie trasmissibili Daniel Koch durante la conferenza stampa odierna

Il coronavirus è però decisamente più mortale della normale influenza, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità

BERNA - «È chiaro, la situazione è grave e non bisogna sottostimarla. Anche perché presto non saremo più in grado di avere una tracciatura dell'epidemia». Così Daniel Koch, Capo della Divisione malattie trasmissibili si è espresso oggi pomeriggio durante la conferenza stampa indetta per fare il punto della situazione sull'emergenza coronavirus.

«Finora sono i giovani a essere stati i più colpiti, perché viaggiano di più e hanno più contatti», ha aggiunto. Precisando che a oggi «non ci sono però casi davvero gravi». «Il rischio di morte aumenta però enormemente dall'età di 65 anni», secondo Koch. La strategia riguarda quindi in particolare la protezione di questo gruppo di persone.

Prima gli anziani - «In futuro le persone più giovani potrebbero dover rinunciare a effettuare i test per lasciarli a disposizione delle persone più anziane», ha ammesso Koch sollecitato dai giornalisti presenti alla conferenza stampa.

Il punto della situazione - In Svizzera ci sono 54 casi confermati e 39 casi che sono stati testati positivamente da un laboratorio iniziale. Ciò significa che centinaia di persone sono già in quarantena. I numeri ora stanno aumentando rapidamente. Per quanto riguarda l'Europa, i Paesi colpiti sono al momento 33. In Italia, lo Stato europeo con più contagiati, i casi sono registrati sono 2500 (79 decessi). 

Gli effetti sull'economia - «Abbiamo avuto molte domande per introdurre il lavoro ridotto», ha detto dal canto suo Boris Zürcher, capo della Direzione lavoro della Seco. Lo scopo è quello di compensare le perdite dovute al coronavirus e mantenere i posti di lavoro. Zürcher ha poi spiegato quali requisiti devono essere soddisfatti prima che un'azienda possa richiedere questo tipo d'indennizzo.

Svizzeri all'estero - Hans-Peter Lenz del Dipartimento degli affari esteri ha riassunto la situazione degli svizzeri all'estero. «Non abbiamo informazioni sui cittadini svizzeri che sarebbero colpiti dal virus». Anche il personale delle ambasciate sta bene. A destare preoccupazione è in particolare la situazione in Iran: «Il DFAE è in stretto contatto con la rappresentanza di Teheran».

Più mortale dell'influenza - Il coronavirus causa «una malattia più grave dell'influenza stagionale: a livello globale, circa il 3,4% dei casi riportati di Covid-19 è deceduto, mentre l'influenza stagionale generalmente uccide molto meno dell'1% di quelli infetti».

Lo ha sottolineato l'Organizzazione mondiale della sanità, spiegando che «mentre molte persone in tutto il mondo hanno accumulato immunità ai ceppi stagionali» questo «è un nuovo virus a cui nessuno è immune». «Abbiamo vaccini e terapie per l'influenza stagionale, ma - ha aggiunto l'Oms - al momento non esiste un vaccino e nessun trattamento specifico per il Covid-19».

Leggi il nostro Focus sul coronavirus.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
3 ore
900 email da una cinquantina di indirizzi diversi: condannata una giovane stalker
La donna aveva preso di mira il suo ex e una sua insegnante nell'arco di diversi anni.
BERNA
5 ore
Un CovidPass valido tre mesi? La Svizzera è scettica
Il presidente di Swissnoso: «Ciò che serve è un allentamento delle misure e una riduzione delle quarantene»
ZURIGO
7 ore
Booster e impennata di decessi: «Nessun nesso»
Durante la campagna di richiamo, in Svizzera sono morte un numero di persone superiore alla media.
SVIZZERA
9 ore
Migros richiama gli zigoli dolci contaminati da salmonella
I clienti possono restituire i prodotti corrispondenti e saranno rimborsati del prezzo di acquisto
ARGOVIA
11 ore
Berset, presto eliminati gli obblighi di quarantena e telelavoro
Se lo sviluppo della pandemia continuerà a procedere in modo positivo verrà revocato anche il CovidPass
BERNA
12 ore
Formalmente riuscita l’iniziativa contro l'obbligo vaccinale
Occorrevano 100 mila firme. Ne sono state raccolte 126'089 di cui oltre 125 mila valide.
BERNA
13 ore
Quasi 40 mila nuovi contagi
Sono 14 i nuovi decessi segnalati e 176 le persone ricoverate in ospedale.
SVIZZERA
15 ore
Guadagni persi a causa del Covid, l'assicurazione non dovrà pagare
Il Tribunale federale ha accolto il ricorso di un assicuratore che non dovrà versare 40'000 franchi a un ristoratore.
NEUCHÂTEL
16 ore
A scuola senza mascherina, da lunedì anche a Neuchâtel
La misura, come in altri cantoni romandi, non sarà più obbligatoria nelle classi elementari
FOTO
ARGOVIA
19 ore
Strade ghiacciate, nella notte si sono verificati diversi incidenti
La Svizzera settentrionale è particolarmente toccata, anche stamattina la situazione è precaria. Si segnala un ferito
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile