Archivio Keystone
SVIZZERA
03.03.20 - 12:160

L'export di materiale bellico arriva a 728 milioni di franchi

Si parla di un incremento del 43% rispetto all'anno precedente

Le critiche del Gruppo per una Svizzera senza esercito: «Bisogna esportare la pace e non la guerra»

BERNA - Ben 728 milioni di franchi. A tanto ammonta il valore delle esportazioni di materiale bellico da parte delle imprese svizzere nel 2019. Materiale che ha raggiunto 71 paesi. Si parla di una progressione di 218 milioni di franchi rispetto all'anno precedente. E il Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE) accusa la Confederazione di «alimentare» le guerre.

L'incremento dell'export di materiale bellico è stato del 43%, quello totale dei beni della Svizzera è salito del 3%, ha indicato oggi in una conferenza stampa a Berna la Segreteria di Stato dell'economia (Seco). Le esportazioni di materiale bellico, senza considerare l'inflazione, hanno raggiunto l'anno scorso il secondo valore più elevato dal 1983. Il primo era stato quello registrato nel 2011 con 872,7 milioni di franchi.

Il forte incremento di tali esportazioni nel 2019 è da attribuire in particolare alle maggiori transazioni con la Danimarca, la Romania e il Bangladesh, ha comunicato oggi la Segreteria di Stato dell'economia (Seco).

Sono stati consegnati blindati alla Danimarca per un valore di 150 milioni di franchi e alla Romania per 111 milioni, ma anche munizioni e loro componenti alla Germania (68 milioni di franchi) e sistemi di difesa antiaerea al Bangladesh (55 milioni di franchi).

Le critiche - In un comunicato odierno il Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE) critica le cifre record relative alle esportazioni di armi della Svizzera. Mentre l'industria degli armamenti e la sua lobby a Berna si lamentavano del fatto che l'industria elvetica degli armamenti fosse presumibilmente servile, gli ultimi dati della Seco mostrano un quadro completamente diverso, viene indicato.

Questa politica di vendita di armi non è nello spirito della promozione internazionale della pace, scrive il GSsE. «La Svizzera (...) deve esportare la pace e non la guerra» dichiara la segretaria dell'organizzazione Nadia Kuhn, citata nel comunicato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
6 ore
La piattaforma per il test del Covid "spiffera" i dati personali: a rischio migliaia di assicurati
La falla è stata identificata a Ginevra, ma tocca potenzialmente tutti i residenti in Svizzera.
SVIZZERA
11 ore
L'estate porterà il vaccino agli adolescenti
Sembra essere imminente l'approvazione del preparato Pfizer/BioNTech per i giovani tra i 12 e i 15 anni
BERNA
13 ore
Il Credit Suisse e quelle «violazioni ignorate»
Secondo la NZZ am Sonntag, la grande banca svizzera sarebbe quella che più tiene occupata la FINMA.
BASILEA CAMPAGNA
19 ore
Allievi delle medie nell'asilo, sospettati abusi sessuali
Un padre: «Mia figlia mi ha detto che è successo qualcosa e ha paura di parlarne».
ZURIGO
1 gior
«Nostra madre dovrà lasciare la Svizzera dopo 39 anni»
A una donna congolese non verrà rinnovato il permesso di soggiorno a causa di alcune fatture non pagate.
SVIZZERA
1 gior
Oggi 750mila dosi di Moderna, lunedì arriverà anche Pfizer
Le nuove forniture permetteranno di mantenere alto il ritmo delle vaccinazioni.
FRIBURGO
1 gior
L'esercito sta disturbando gli animali selvatici friburghesi?
Un'esercitazione ha avuto luogo in un'area in cui ci sono severe restrizioni anche per gli escursionisti.
ZERMATT
1 gior
Precipita 25 metri nel crepaccio, muore un 31enne
L'escursionista è stato colto di sorpresa dal cedimento di un ponte di neve. Con lui c'erano altre sei persone.
SVIZZERA
1 gior
Future pandemie: i Cantoni chiedono un comitato specializzato
L'idea è di creare un organo composto in modo paritetico da rappresentanti dei Cantoni e della Confederazione.
FOTO
SVIZZERA
1 gior
1000 persone in marcia a Urnäsch
Il corteo era in programma a Zurigo ma all'ultimo momento è stato spostato nella località appenzellese.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile