Archivio Keystone
SVIZZERA
28.02.20 - 18:150
Aggiornamento : 18:52

A Wuhan migliaia di contagi già prima della quarantena

È l'ipotesi avanzata da ricercatori del Politecnico di Zurigo: l'epidemia sarebbe partita già all'inizio di novembre

L'Oms ha alzato a «molto alto» il livello di minaccia globale

BASILEA - L'epidemia del coronavirus? Potrebbe essere partita già all'inizio di novembre, e non nella seconda metà del mese. E quindi molti casi non sarebbero apparsi nelle statistiche ufficiali. L'ipotesi è avanzata da ricercatori del Politecnico federale di Zurigo (ETH), che hanno applicato un modello statistico sulla diffusione di virus, da loro già elaborato anni fa, alle oltre cento sequenze genetiche di campioni di coronavirus disponibili in biblioteche di dati internazionali.

È quindi probabile che lo scorso 23 gennaio - quando la metropoli cinese di Wuhan era stata messa in quarantena - fossero già migliaia le persone infette. Allora i casi confermati di malattia erano 581. Ma secondo l'analisi statistica si presume che dovevano già essere contagiati tra i 4'000 e i 19'000 individui. Questo significa che nel caso più estremo soltanto una persona su 33 infetta è apparsa nelle statistiche ufficiali, nel migliore dei casi una su sette.

«I nostri dati escludono con un'altissima probabilità che il virus circoli nell'uomo da molto tempo prima dell'inizio di novembre», afferma Tanja Stadler, professoressa di biologia computazionale presso il Dipartimento di biosistemi dell'ETH, che ha sede a Basilea, ed esperta di epidemiologia molecolare, citata sul sito dell'ETH. Rimane valida l'ipotesi che il contagio sia avvenuto tramite il mercato degli animali.

Per l'Oms il livello della minaccia mondiale è «molto alto»

La minaccia per l'epidemia di coronavirus nel mondo è stata elevata a livello «molto alto». Lo ha detto il direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus in un briefing a Ginevra sull'epidemia.

Per il direttore dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), «il continuo aumento dei casi di Covid19 e del numero dei paesi colpiti negli ultimi giorni sono motivi di preoccupazione».

«I nostri epidemiologi stanno monitorando questi sviluppi di continuo e noi ora abbiamo elevato il livello di rischio di diffusione globale a livello molto alto» ha affermato il capo dell'Oms.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lecchino 1 anno fa su tio
Che ovvietà, mi sembra chiaro dal momento che i sintomi e il decorso sono quelli di una normale influenza..... Quante braccia strappate all'agricoltura.
ugobos 1 anno fa su tio
@lecchino hehehehehe concordo
anndo76 1 anno fa su tio
noto che "dopo" tutti scienziati !! che fenomeni.....
spank77 1 anno fa su tio
Ipotesi.. Per l appunto. Non cambia la situazione attuale. Piuttosto concentriamo I cervelli sulla modalita come uscire dall emergenza con minor Danni possibility... Ai colpevoli e Altre teorie ci pensiamo dopo.
miba 1 anno fa su tio
Che rottura con sto coronavirus!!! Mettete qualche articolo su Trump così almeno Bayron ed il sottoscritto si divertono un po' :):):)
Bayron 1 anno fa su tio
Se lo dice il politecnico di Zurigo andiamo bene!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora
Quanto è pericolosa Omicron?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
SVIZZERA
7 ore
Omicron, chiudono i voli diretti con l'Africa australe
La decisione comunicata in serata, dopo l'emergenza della nuova variante, è valida a partire dalle ore 20 di oggi.
BERNA
8 ore
Dopo Pfizer anche Moderna mette il booster
Intanto l'Ufsp raccomanda la dose di richiamo per tutti. La spiegazione: «Migliora la protezione e frena la diffusione»
SVIZZERA/CINA
9 ore
La missione di Cassis non decolla
Il consigliere federale ticinese dovrà tornare in patria a seguito del guasto all'aereo. «Cercheremo una nuova data»
SVIZZERA
9 ore
Vaccino ed effetti collaterali: in Svizzera 10'386 casi
Il 65% delle notifiche è stato classificato come non serio. I preparati impiegati nel nostro paese restano sicuri
SVIZZERA
10 ore
Mascherine, certificati e booster: nuove misure a Berna, Sciaffusa e Uri
Dopo che il Governo federale ha rinunciato a un inasprimento dei provvedimenti, altri Cantoni si sono attivati
SVIZZERA
11 ore
Anche oggi più di ottomila contagi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono stati effettuati 106 nuovi ricoveri per Covid
SVIZZERA
12 ore
Nuova variante: l'Ufsp non si scompone
Per il momento la Svizzera non prende nessuna misura. «Monitoriamo la situazione»
SVIZZERA/RUSSIA
13 ore
Guasto tecnico all'aereo di Cassis
Atterraggio imprevisto per il jet che stava trasportando il consigliere federale in Cina. E non è la prima volta
GRIGIONI
13 ore
«Il booster per salvare la stagione»
Il governo grigionese si gioca il tutto per tutto con la terza dose. Intervista al consigliere di Stato Peter Peyer
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile