Immobili
Veicoli
keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
21.02.20 - 12:410
Aggiornamento : 13:50

«Il roaming è una truffa, è il momento di intervenire»

Lo chiede l'associazione dei consumatori, che vorrebbe limiti massimi di prezzo fissati dal Consiglio federale

BERNA - Se non acquistano un pacchetto di dati, gli svizzeri all'estero possono pagare fino a 975 volte di più di telefonia a causa del roaming. È quanto emerge da uno studio realizzato per l'associazione svizzerotedesca dei consumatori, che esige dal Consiglio federale un intervento per porre fine a queste tariffe «esageratamente eccessive».

Stando all'inchiesta, un cliente dell'operatore Salt che dispone di un'offerta prepagata, paga all'estero 19,95 franchi per un pacchetto di gigabyte (1024 megabyte). Senza questa prestazione supplementare, spende 19 franchi per megabyte. «È un po' come se un caffè al bar costasse di colpo 4390 franchi, invece di 4,50», spiega la direttrice della fondazione, Sara Stalder, citata in una nota odierna.

Un margine "astronomico" - La differenza esiste anche presso altri operatori: le tariffe di roaming per clienti di offerte prepagate senza pacchetti di dati sono 68 volte più care presso Sunrise, 31 presso Swisscom e 263 presso UPC. Se supponiamo che un fornitore di servizi include già un margine quando vende un pacchetto di dati, quello per la tariffa standard deve essere «astronomico», si legge ancora nel comunicato.

«Una truffa» - L'associazione chiede pertanto che «questa inutile e decennale truffa» venga finalmente fermata. Finora il Consiglio federale ha sempre sostenuto che in Svizzera - secondo una valutazione dell'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) - manca la base giuridica per fissare unilateralmente tariffe massime di roaming.

Servono regolamenti - Servono Tuttavia, un parere giuridico commissionato dall'associazione dei consumatori giunge ora a una conclusione diversa. Secondo il professor Andreas Stöckli dell'Università di Friburgo, la legge sulle telecomunicazioni conferisce al governo la facoltà di emanare regolamenti «per evitare tariffe al dettaglio sproporzionatamente elevate e di adottare misure per promuovere la concorrenza». Tariffe massime imposte unilateralmente non sono esplicitamente menzionate nella legge. Si può tuttavia presumere che siano incluse anche disposizioni che «intervengono direttamente nella determinazione dei prezzi e nella gamma di prodotti dei fornitori di servizi di telecomunicazione interessati», scrive Stöckli.

Basta informare - Il parlamento ha approvato la revisione della legge sulle telecomunicazioni circa un anno fa. In dicembre il Consiglio federale ha presentato i dettagli di applicazione. La procedura di consultazione sul pacchetto di ordinanze durerà fino al 25 marzo. Nel suo progetto il Consiglio federale intende però solo obbligare i fornitori a informare i clienti all'estero sui costi del roaming. L'associazione di tutela dei consumatori chiede invece di fissare limiti massimi di prezzo. «È il momento di intervenire prima che sia troppo tardi», secondo Stalder.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 anno fa su tio
Con l’abbonamento giusto niente brutte sorprese!
ondo 1 anno fa su tio
@seo56 giusto
Summerer 1 anno fa su tio
Piantatela di accendere il telefono in ogni momento!!!!! Una massa di calorosi chiaccheroni... che potrebbero occupare meglio il tempo utilizzando di piú il cervello che la bocca...
jumpgum 1 anno fa su tio
@Summerer Ma stai zitto scemo
Equalizer 1 anno fa su tio
Qui si vede quanto i nostri consiglieri federali siano venduti, a comodità di borsello si fa o meno come in Europa, prendiamo ad esempio la legge sulle armi fatta in tutta fretta ed eseguita in meno di un anno, il roaming è stato abolito 3 anni fa in Europa ma in Svizzera si fa finta di niente. Maiaratt, a si tücc di maiaratt su per Berna.
Bayron 1 anno fa su tio
“Ignorante” é colui che usa all’estero una scheda prepagata!
miba 1 anno fa su tio
@Bayron Tu dici? Io (e tante altre persone) quando sono all'estero uso quasi SEMPRE una scheda prepagata di una compagnia telefonica della nazione in cui mi trovo. Secondo te chi è più ignorante? :):):)
gigipippa 1 anno fa su tio
@Bayron I costi vanno calcolati almeno su un anno.
miba 1 anno fa su tio
@miba ...e pöö ti ma dè dal gnücc a mi.... :):):)
Bayron 1 anno fa su tio
@miba Oltre a gnücc sei proprio ignorante. L’articolo parla dell’utilizzo di una carta prepagata SVIZZERA all’estero. Mi sembra il minimo, per te, munirti quando sei all’estero di una prepagata del Paese che visiti. E ciò considerato il fatto che contrariamente a me non puoi permetterti un abbonamento illimitato (dati compresi) valido per tutta l’Europa.
miba 1 anno fa su tio
@Bayron Hi hi, lord bayron è un aliscafo del lago maggiore (quello almeno al contrario di te sa in quali porti andare) :):):)
Bayron 1 anno fa su tio
@miba Tranquillo so dove andare è sicuramente non in luoghi che che frequenti tu. Rosica, rosica che io me la godo!
miba 1 anno fa su tio
@Bayron Veramente più che rosicare mi divertono le montagne di fesserie che scrivi, alias da bettola. Mai pensato che magari è voluto? Diverti me e diverti chi ti legge, sempre un piacere :):):)
Bayron 1 anno fa su tio
@miba Tu si che sei un grande....
GI 1 anno fa su tio
sono oramai anni che questa "farsa" continua....dubito in una restituzione, fosse anche solo parziale....
miba 1 anno fa su tio
Truffa, furto ed appropriazione indebita....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
8 ore
Il 2G in pista non ferma gli sciatori
La regola vale nel comprensorio internazionale di Samnaun. E le presenze non mancano
ZURIGO
9 ore
Investì una poliziotta, 11 anni di carcere per un 20enne
L'intenzionalità, nella manovra, ci sarebbe stata, ha stabilito il Tribunale distrettuale zurighese.
ZURIGO
13 ore
Il booster funziona bene
Nuovi dati mostrano come la terza dose garantisca tassi di mortalità e ospedalizzazione significativamente inferiori
BERNA
15 ore
Tifosi senza mascherina, nessun aumento dei contagi
È quanto constatano le autorità sanitarie cantonali di Berna dopo la Coppa del Mondo di sci ad Adelboden
SVIZZERA
17 ore
Medicamento anti Covid, presentata la domanda di omologazione
Il farmaco Paxlovid si compone di due principi attivi sintetici: Nirmatrelvir e Ritonavir.
BERNA
17 ore
«Il picco potrebbe essere stato raggiunto»
Da Berna, gli esperti della Task Force federale fanno il punto sulla situazione pandemica in Svizzera
ZUGO
17 ore
Ritrovato morto dopo più di dieci mesi
Il corpo senza vita del 39enne è stato ritrovato sabato scorso sul Rigi da alcuni alpinisti.
SVIZZERA
18 ore
In Svizzera altri 29'142 contagi in ventiquattro ore
Nelle cure intense del nostro paese, il 30,3% dei posti letto è occupato da pazienti Covid
FOTO
SVIZZERA
22 ore
«Non usatela, non protegge»
La Suva ha deciso di richiamare il prodotto: «La scarsa efficacia protettiva potrebbe risultare dannosa per la salute».
SVIZZERA
1 gior
Malati che muoiono a causa del rinvio di interventi chirurgici
Il settore sanitario è sotto pressione. Si temono gravi conseguenze sulle condizioni dei pazienti
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile