Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
21.02.20 - 10:240

Scandalo AutoPostale: «Nessun conflitto d'interessi»

Il Consiglio federale condanna le irregolarità, ma è contrario a istituire una commissione permanente di vigilanza

BERNA - Nessun conflitto d'interessi fra gli obiettivi che la Posta doveva rispettare. È in questo modo che risponde il Consiglio federale al rapporto in cui si criticava la mancata reazione da parte della Confederazione nella vicenda dello scandalo AutoPostale. Il rapporto sulla vicenda è stato stilato dalla Commissione della gestione del Consiglio degli Stati (CdG-S).

Conflitto d 'interessi - Secondo la Posta, viene ricordato in un comunicato odierno del governo, il conflitto di obiettivi consisteva nel fatto che, da un lato, nel settore del traffico regionale viaggiatori era vietato realizzare utili, mentre dall'altro, la strategia dell'esecutivo richiedeva di mantenere o incrementare il valore dell'azienda. Nella relazione della commissione, risalente a novembre, si biasimava la passività del Dipartimento dei trasporti (DATEC) e dell'Amministrazione federale delle finanze nonostante sapessero già almeno dal 2011 dell'esistenza di questo contrasto.

La risposta di Berna - Per il Consiglio federale però, la regola è chiara. Gli obiettivi strategici non possono prevalere sul rispetto delle prescrizioni di legge - in questo caso quella sul trasporto dei viaggiatori - che la Posta ha l'obbligo di seguire. Inoltre, la raccomandazione riguardo il valore della società si riferiva alla Posta nel suo insieme e non ai singoli settori, come ad esempio AutoPostale.

Indicazioni più precise - Lo scandalo ha travolto il gigante giallo nel 2018. È emerso che La Posta nascondeva tramite manipolazioni contabili i profitti proibiti realizzati nel traffico regionale di passeggeri sovvenzionato. Grazie alla frode, AutoPostale ha ottenuto illecitamente sussidi per milioni e milioni di franchi. Il governo afferma comunque di essere disposto ad attuare una raccomandazione formulata dalla CdG-S. Indicherà dunque esplicitamente negli obiettivi per il periodo 2021-24 che, per quanto riguarda le linee esercitate da AutoPostale nel settore TRV beneficiarie di indennità, la redditività deve essere pari a zero.

Niente delegazione di vigilanza - Al termine della procedura penale amministrativa che sta svolgendo l'Ufficio federale di polizia (fedpol), il Consiglio federale redigerà un rapporto in cui farà il punto sull'intero dossier. L'esecutivo è però contrario alla richiesta della commissione di istituire una delegazione permanente del governo incaricata della conduzione e della vigilanza sulle aziende parastatali.

«Le strutture hanno funzionato» - Il Consiglio federale inoltre condanna «inequivocabilmente» le irregolarità sistematicamente commesse per anni da AutoPostale, sottolineando che la Posta deve avere un comportamento esemplare nella gestione del denaro pubblico. Tuttavia, precisa che, in linea di massima, le strutture previste nel governo d'impresa hanno funzionato e che l'Ufficio federale dei trasporti (UFT) ha scoperto la truffa.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Zico 1 anno fa su tio
Autopostale no ha infatti nessun conflitto di interessi: i suoi dirigenti con la Leuthard in testa sì! o cominciamo a non più citare nomi in modo che ci dimentichi presto?
Thor61 1 anno fa su tio
@Zico Molto probabile che il giochetto sia ancora in funzione!!!
roma 1 anno fa su tio
Tüt a posct...(puah ah ah ah ah)
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Misure anti-Covid, i Cantoni si fanno sentire
Tra i contrari anche il Ticino, che boccia anche l'idea dei test nelle scuole.
SVIZZERA
7 ore
Tre morti in A3: condannato per omicidio intenzionale
Una manovra folle è costata cara a un 47enne alla guida di una Porsche. Ma ancora di più alle sue vittime
SVIZZERA
9 ore
Così Netflix spenna gli svizzeri
Lo streaming costa anche il 30 per cento in più rispetto ai paesi limitrofi. Ma c'è un modo per pagare meno
ZURIGO
10 ore
Le cure intense zurighesi sono piene
All'ospedale universitario è stato raggiunto un tasso di occupazione del 98%
SVIZZERA
11 ore
Si apre il mese con oltre 10mila casi e 22 decessi
Tensione a livello ospedaliero: i pazienti Covid occupano ora il 27% dei letti di cure intense.
BASILEA CITTÀ
12 ore
Studente contagiato da Omicron, 100 persone in quarantena
Uno dei primi due casi di Omicron accertati in Svizzera è stato rilevato a Basilea, al ginnasio Kirschgarten.
ZUGO
13 ore
Distrugge uno spartitraffico e scappa
I danni dell'incidente avvenuto ieri sera allo svincolo autostradale di Rotkreuz ammontano a diverse migliaia di franchi
SVIZZERA
15 ore
Inflazione in aumento, anche in Svizzera
A novembre nel nostro paese è salita all'1,5%
SVIZZERA
15 ore
Omicron in Svizzera, ecco il terzo caso
La persona contagiata si trova in isolamento. I primi due casi erano stati confermati ieri sera
SVIZZERA
16 ore
Affitti, il tasso di riferimento resta all'1,25%
È il livello più basso di sempre, in vigore dal marzo del 2020
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile