Immobili
Veicoli
Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
21.02.20 - 10:240

Scandalo AutoPostale: «Nessun conflitto d'interessi»

Il Consiglio federale condanna le irregolarità, ma è contrario a istituire una commissione permanente di vigilanza

BERNA - Nessun conflitto d'interessi fra gli obiettivi che la Posta doveva rispettare. È in questo modo che risponde il Consiglio federale al rapporto in cui si criticava la mancata reazione da parte della Confederazione nella vicenda dello scandalo AutoPostale. Il rapporto sulla vicenda è stato stilato dalla Commissione della gestione del Consiglio degli Stati (CdG-S).

Conflitto d 'interessi - Secondo la Posta, viene ricordato in un comunicato odierno del governo, il conflitto di obiettivi consisteva nel fatto che, da un lato, nel settore del traffico regionale viaggiatori era vietato realizzare utili, mentre dall'altro, la strategia dell'esecutivo richiedeva di mantenere o incrementare il valore dell'azienda. Nella relazione della commissione, risalente a novembre, si biasimava la passività del Dipartimento dei trasporti (DATEC) e dell'Amministrazione federale delle finanze nonostante sapessero già almeno dal 2011 dell'esistenza di questo contrasto.

La risposta di Berna - Per il Consiglio federale però, la regola è chiara. Gli obiettivi strategici non possono prevalere sul rispetto delle prescrizioni di legge - in questo caso quella sul trasporto dei viaggiatori - che la Posta ha l'obbligo di seguire. Inoltre, la raccomandazione riguardo il valore della società si riferiva alla Posta nel suo insieme e non ai singoli settori, come ad esempio AutoPostale.

Indicazioni più precise - Lo scandalo ha travolto il gigante giallo nel 2018. È emerso che La Posta nascondeva tramite manipolazioni contabili i profitti proibiti realizzati nel traffico regionale di passeggeri sovvenzionato. Grazie alla frode, AutoPostale ha ottenuto illecitamente sussidi per milioni e milioni di franchi. Il governo afferma comunque di essere disposto ad attuare una raccomandazione formulata dalla CdG-S. Indicherà dunque esplicitamente negli obiettivi per il periodo 2021-24 che, per quanto riguarda le linee esercitate da AutoPostale nel settore TRV beneficiarie di indennità, la redditività deve essere pari a zero.

Niente delegazione di vigilanza - Al termine della procedura penale amministrativa che sta svolgendo l'Ufficio federale di polizia (fedpol), il Consiglio federale redigerà un rapporto in cui farà il punto sull'intero dossier. L'esecutivo è però contrario alla richiesta della commissione di istituire una delegazione permanente del governo incaricata della conduzione e della vigilanza sulle aziende parastatali.

«Le strutture hanno funzionato» - Il Consiglio federale inoltre condanna «inequivocabilmente» le irregolarità sistematicamente commesse per anni da AutoPostale, sottolineando che la Posta deve avere un comportamento esemplare nella gestione del denaro pubblico. Tuttavia, precisa che, in linea di massima, le strutture previste nel governo d'impresa hanno funzionato e che l'Ufficio federale dei trasporti (UFT) ha scoperto la truffa.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Zico 1 anno fa su tio
Autopostale no ha infatti nessun conflitto di interessi: i suoi dirigenti con la Leuthard in testa sì! o cominciamo a non più citare nomi in modo che ci dimentichi presto?
Thor61 1 anno fa su tio
@Zico Molto probabile che il giochetto sia ancora in funzione!!!
roma 1 anno fa su tio
Tüt a posct...(puah ah ah ah ah)
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
34 min
Migros richiama gli zigoli dolci contaminati da salmonella
I clienti possono restituire i prodotti corrispondenti e saranno rimborsati del prezzo di acquisto
ARGOVIA
3 ore
Berset, presto eliminati gli obblighi di quarantena e telelavoro
Se lo sviluppo della pandemia continuerà a procedere in modo positivo verrà revocato anche il CovidPass
BERNA
3 ore
Formalmente riuscita l’iniziativa contro l'obbligo vaccinale
Occorrevano 100 mila firme. Ne sono state raccolte 126'089 di cui oltre 125 mila valide.
BERNA
4 ore
Quasi 40 mila nuovi contagi
Sono 14 i nuovi decessi segnalati e 176 le persone ricoverate in ospedale.
SVIZZERA
6 ore
Guadagni persi a causa del Covid, l'assicurazione non dovrà pagare
Il Tribunale federale ha accolto il ricorso di un assicuratore che non dovrà versare 40'000 franchi a un ristoratore.
NEUCHÂTEL
7 ore
A scuola senza mascherina, da lunedì anche a Neuchâtel
La misura, come in altri cantoni romandi, non sarà più obbligatoria nelle classi elementari
FOTO
ARGOVIA
10 ore
Strade ghiacciate, nella notte si sono verificati diversi incidenti
La Svizzera settentrionale è particolarmente toccata, anche stamattina la situazione è precaria. Si segnala un ferito
SONDAGGIO
ZURIGO
12 ore
La violenza contro il personale ospedaliero è in costante aumento
Gli ospedali di tutta la Svizzera segnalano aggressioni da parte dei pazienti
SOLETTA
20 ore
Minacce con pistola su Tiktok, 23enne in arresto
In un live streaming il giovane ha minacciato di sparare a se stesso o ad altri.
SVIZZERA/FRANCIA
1 gior
Svizzero muore di ipotermia nell'indifferenza dei passanti
Il fotografo René Robert è caduto a terra nel cuore di Parigi, ma nessuno, per nove ore, l'ha aiutato.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile